marchio exibart.com  

fino al 18.I.2009
Una stanza tutta per sé
Rivoli (to), Castello di Rivoli

La solitudine creativa come pretesto per una mostra. Che diventa un’occasione di verifica della collezione del Castello. Tra vecchie glorie, nuovi acquisti e proposte di acquisizione di un’installazione. Dove protagonista è Milva...

Nel suo saggio del ‘29, Virginia Woolf ha descritto in maniera critica e al contempo ironica le difficoltà socio-culturali che ogni donna con velleità artistiche incontra da sempre. Difficoltà insormontabili, a meno che non abbia la fortuna di possedere Una stanza tutta per sé, una rendita che le permetta di essere liberamente creativa.
Di tutto ciò e della questione femminile in generale non v’è traccia nella collettiva del Castello. Che è solo un pretesto per offrire una chiave di lettura alle opere della collezione permanente, tra “classici” dell’Arte Povera, nuovi acquisti -come la videoinstallazione di Marijke van Warmerdam-, inediti finora mai esposti del concettuale Jan Dibbets, lavori site specific di Ackermann e proposte di futura acquisizione, come l’installazione sonora di Francesco Vezzoli.
Il tema unificante è la solitudine creativa, a cui il libro di Woolf implicitamente allude. “Si tratta di una solitudine duplice”, dichiara la curatrice Marcella Beccaria per spiegare il senso della mostra, nata dallo studio delle opere ma soprattutto dalla frequentazione con gli artisti, “perché contraddistingue sia il momento della creazione artistica che quello della fruizione”. Quest’ultima è la cartina di tornasole per misurare la capacità dell’artista di coinvolgere il visitatore in un dialogo a tu per tu, intimo e autentico. Un dialogo complessivamente riuscito nella scelta vincente, seppur obbligata dal riferimento letterario a cui si ispira, di dedicare ogni stanza del castello juvarriano alla produzione del singolo, nel tentativo di rappresentarne le tappe salienti in un microcosmo allestitivo. Obbligando così alla dovuta concentrazione intellettuale, tipica da “sala monografica”, contro la dispersione da sovraffollamento di personalità tanto diverse.
Giulio Paolini - Stanza 18 (Il momento della verità) - 2008 - collage su carta - cm 61x49 - Castello di Rivoli Museo d'Arte Contemporanea, Rivoli 2008 - dono dell'artista
Il percorso espositivo si apre con una microantologica di Giulio Paolini. Nell’esemplare installazione Stanza 18 (Il momento della verità) (1964-2008), allestita sotto la volta in mattoni del secondo piano, Paolini raduna le undici opere presenti in collezione -dalla stampa fotografica su tela del 1965 (1/25) ai leggii del 1970-71 di Apoteosi di Omero- sotto un unico punto di vista: il suo. Reso attraverso un collage su carta, appositamente pensato per l’occasione, dal quale spiare il suo ipotetico studio.
L’idea dello spazio fisico della creazione, inteso più come spazio mentale, ritorna nella stanza completamente dipinta di giallo di Massimo Bartolini, nella quale entrare in rigorosa solitudine. Qui le comuni coordinate spaziali si annullano, la vista si annebbia e l’intuizione diventa condizione necessaria per orientarsi. L’armonia del silenzio evocata dal violino di cera di Marisa Merz, conservato in una vasca di piombo a riprodurre l’immagine di una fontana, si spezza nell’ascoltare la recitazione ricca di pathos di Milva che risuona nell’installazione di Francesco Vezzoli. Invitata a declamare pochi versi -“Vattene dalla mia mente! Vattene da questa stanza!”- in omaggio a Bruce Nauman, l’attrice-cantante si riduce a pura voce del pensiero dell’artista.
Francesco Vezzoli - Greatest Hits. Milva Canta Bruce Nauman “Vattene dalla mia mente! Vattene da questa stanza!
Si continua con Franz Ackermann che, chiamato a relazionarsi con i suoi grandi oli labirintici in collezione da alcuni anni, ne prosegue la ricerca spaziale anche in senso tridimensionale. Per concludersi nel mezzanino della Manica Lunga con un’opera di Olafur Eliasson, presentata già nove anni fa nell’ambito della programmazione della “Sala Progetto”, utilizzata come spunto per l’installazione del 2004 alla Turbine Hall della Tate Modern -ma qui in versione molto modesta- e ora parte del Castello.

articoli correlati
Dalla terra alla luna: metafore di viaggio a Rivoli

claudia giraud
mostra visitata il 31 marzo 2008


dal primo aprile 2008 al 18 gennaio 2009
Una stanza tutta per sé
a cura di Marcella Beccaria
Castello di Rivoli – Museo d’arte contemporanea
Piazza Mafalda Di Savoia - 10098 Rivoli (TO)
Orario: da martedì a giovedì ore 10-17; da venerdì a domenica ore 10-21
Ingresso: intero € 6,50; ridotto € 4,50
Info: tel. +39 0119565222; fax +39 0119565230; info@castellodirivoli.org; www.castellodirivoli.org


[exibart]