marchio exibart.com  

Fino al 07.XI.2001
Fragile Beauty
Murano (ve), Marco Polo Glass

La delicata bellezza del vetro nell’arte contemporanea del Novecento...

La luminosità, fragilità ed energia emanate dal nobile materiale ispirano gli artisti nel comunicare la propria creatività e il proprio linguaggio.
Fragile Beauty è un vero e proprio omaggio alla particolare bellezza e al velato mistero del vetro. Si tratta di una ricca presentazione delle possibilità espressive di questo nobile materiale, che si manifesta attraverso la selezione di opere di 14 artisti internazionali appartenenti a diverse generazioni. Gli artisti sono stati scelti per motivazioni e appartenenze a stili diversi, accomunati tutti comunque da una forte, profonda ricerca poetica.Opera di Seamus Farrell
L’apertura a tutti i possibili e impossibili linguaggi dell’arte d’oggi ma anche alle più sottili insinuazioni letterarie, tecnologiche e visive sono i punti cardine di questa esposizione di sperimentazione e invenzione pura.
Andrea Pagnes, uno degli artisti presenti alla mostra ci introduce, dicendo: “Fragile Beauty rappresenta un tentativo di offrire al pubblico un’arte esigente e concentrata, in cui lo sguardo attraverso le cose può rendersi possibile attraverso un diverso utilizzo delle qualità proprie di un materiale difficile e complesso quale il vetro”.
La Marco Polo Glass Gallery ha ambiziosamente progettato l’evento affidando ad artisti di fama mondiale il compito di pensare e di realizzare opere d’arte in collaborazione con alcuni tra i più valenti maestri vetrai dell’antica e secolare tradizione muranese. Per il futuro sono previsti workshops per ripensare le forme e i significati di questi leggeri manufatti forgiati dal fuoco in maniera più ampia, più articolata, con l’idea e il sogno di formare una scuola di artisti del vetro.
Un ampia sala, un moderno loft contemporaneo, in passato fucina del vetro ospita le opere in mostra: insieme si specchiano e si contrappongono in un percorso dialettico di sottili citazioni, metafore, allusioni.
Il vetro, in virtù della sua naturale duttilità e trasparenza, ha suscitato l’attenzione e la sensibilità artistica di grandi artisti contemporanei. Le particolari doti: purezza, lucentezza, fragilità e forza consentono agli artefici di comunicare la propria creatività e il proprio linguaggio espressivo in un modo nuovo e originalissimo.
I 14 maestri che si sono cimentati con gli incantesimi del vetro soffiato e delle bolle iridate o con l’impatto di blocchi incandescenti e compatti sono Joseph Kosuth, che presenta un’opera del 1965, Yoko Ono, Tony Cragg e Steve Tobin, sempre con opere pensate precedentemente la mostra, giungendo fino agli autori di vere e proprie installazioni ideate e progettate per il vasto spazio della Marco Polo Gallery: Izumi Oki, Dean Jokanovic Toumin, Markus Shaller, Loris Cecchini, Anna Muskardin, Graziano Guarnieri, Andrea Morucchio, Seamus Farrell e Andrea Pagnes.
Scrive, nel catalogo della mostra, Giovanni Iovane, curatore dell’evento: “È difficile, nel Novecento, trovare qualcuno che scriva in campo aperto della “bellezza in sé”; ­ molti, invece, lo fanno come economico, a buon mercato, termine di paragone…. Eppure, il vetro possiede una sua specificità, immediatamente visibile sotto gli occhi di tutti, che rende scusabile e perfino opportuno pensare una mostra a partire dalla sua particolare sostanza materiale, dalla sua apparente leggerezza o fragilità, dalla sua trasparenza o complessa e variegata opacità, dalla sua impareggiabile capacità di reagire da sé alle caratteristiche dell’ambiente che lo ospita; insomma, il vetro sembra essere la cristallizzazione del linguaggio artistico”, e aggiungiamo noi di quella Bellezza che riesce a non essere contagiata e sopraffatta dal consumo immediato e dalla eccessiva ed elementare riproduzione.



Articoli correlati:
Tony Cragg Pianeti – the age of wonder
Artisti del vetro contemporaneo. Artisti del vetro contemporaneo: La Francia e Venezia a confronto
Il vetro a Venezia Aperto Vetro 2000. Il Vetro Progettato
Museo dell’Arte vetraria a Murano. Esposizione permanente



Chiara Visentin






Fragile Beauty
Marco Polo Glass Gallery & Studio s.r.l., Fondamenta Manin, 1, 30141, Murano, Venezia.
Come arrivare: da Piazzale Roma linee ACTV 41, 42, 72; dalla Stazione FFSS linee ACTV 41, 42, 72; da San Zaccaria linee ACTV 41, 71, 4; da Fondamente Nuove linee ACTV 41, 42.
Per informazioni sul progetto Marco Polo Glass Gallery: Andrea Pagnes 340 4938121.
Per maggiori informazioni: Rosanna Alberti 041 2757245, 347 8482558, e-mail: rosannalberti@libero.it oppure Roberta Lazzaro 348 0062167, e-mail: caleoni@libero.it.
Catalogo in edizione speciale di 500 copie numerate, sulla copertina due piastrelle di vetro realizzate per la mostra. Disponibile a richiesta.
www.marcopologlass.it


[exibart]