blog@exibart.com
home inaugurazioni calendario speed-news forum annunci concorsi sondaggi commenti pubblicità contatti
Exibart.platform > onpaper mobile bookshop rss radio tv alert newsletter segnala blog
recensioni > roma milano napoli venezia torino toscana vedi le altre 
rubriche > libri architettura design fashion in fumo decibel vedi le altre 
e-mail    password password persa? registrati ora!


ARTASIA
cosa, quando e dove succede

 
CINA, GUANGZHOU, GuangDong Museum of Art: “A B C/F= Futurismo” (Seconda Parte finale)

Ritratto di Andreoni di Attilio Alfieri_1931

Il percorso espositivo si apre con il Manifesto del Futurismo di Filippo Tommaso Marinetti, e poi sono sopratutto poster pubblicitari, manifesti, alcuni dipinti, sculture, fotografie dalla collezione Sergio Cereda, lettere e libri. Ci sono alcuni lavori di Balla, di Carra', e poi Depero, Farfa, Munari, Djulgheroff, Oswaldo Bot, Allimandi, Funi, Prampolini, Marisa Mori, Antonio Sant'Elia. Poi una sezione dedicata al “Contemporaneo”, che comprende lavori di Peter Nussbaum (cortesia di Sabrina Raffaghello), stampe di Roberto Goffi (cortesia di Sabrina Raffaghello), lavori di Sofia Rocchetti e Roberta Messori (cortesia di Sabrina Raffaghello), lavori di Massimo Sansavini (cortesia di Sabrina Raffaghello Contemporary Art), stampe di performance di Pier Paolo Koss, dalla galleria Guidi & Schoen Arte Contemporanea. Bel colpo, Sabrina Raffaghello.

Il “Profilo Continuo di Mussolini” di Renato Bertelli ( a volte chiamato “Testa di Mussolini” o “Profilo continuo – Testa di Mussolini”) viene presentato senza citare che si tratta del profilo, appunto, del noto dittatore italiano, e mi pare "giusto" che non ci siano note sul fatto che fu approvato da Mussolini come suo ritratto ufficiale, vorremmo mica creare disagio in un Paese ufficialmente Comunista, no? Stessa cosa per “Vir o Dux” di Thayaht, opera donata su invito di Marinetti al capo del governo nel 1929; (il Vir che regge le sorti dell'Italia del tempo). Giro insieme ai miei amici e faccio un po' fatica a spiegare la complessita' del fenomeno Futurismo, specie qui, dove quello che regna sono foto, poster, manca qualcosa... all'improvviso l'amico inglese mi chiede se io abbia notato qualcosa di strano. Strano? Si, mi dice, guarda le didascalie... sono scritte in cinese e italiano. Nessun'altra lingua. Oh! Rimango davvero sorpreso. Ma come... non in inglese?

L'amico inglese mi dice ancora che e' davvero un peccato che non ci sia nessun dipinto di Boccioni. La mancanza di qualsiasi lavoro di Boccioni mi pare davvero una grave mancanza, Boccioni è il vero protagonista delle arti plastiche in seno al movimento futurista: scrive gran parte dei manifesti della pittura, e li firma, firma da solo il manifesto della scultura, prepara un manifesto dell'architettura futurista, che poi Marinetti bloccherà, sostituendolo con quello di Antonio Sant'Elia.

Mi pare che la mostra sia sbilanciata e leggerina, e che per essere la prima in assoluto in Cina avrebbe dovuto presentare anche altre opere. Non leggo nessun accenno al fatto che il termine Futurismo fini' poi per contrassegnare un'arte “ufficiale” filofascista, borghese. Non leggo niente di quanta politica ci fosse all'epoca nell'atteggiamento Futurista ( politicamente i futuristi furono anti: antidemocratici, anticlericali, antipacifisti e antiaustriaci ) e forse c'e' qualcosa di volutamente frenato nel portare in Cina un Futurismo senza parlare del suo entusiasmo giovanile, la fiducia nell'avvenire, la visione dinamica della vita, l'avversione alle tradizioni e alle autorità e contro il vecchio patrimonio culturale. Forse sono discorsi che ancora non vanno bene in questo momento.

”La piu’ bella e piu’ importante mostra di quest’anno”, ha detto all’inaugurazione il direttore del Museo, Luo Yiping. Il professore, che e’ stato insegnante d’arte all’Accademia locale, ha annunciato che per l’eccezionalita’ dell’evento, gli studenti di nove istituti d’arte della metropoli saranno ammessi gratis al museo.

Come stuzzichino e antipasto sul Futurismo la mostra andrebbe anche bene, ma il fenomeno Futurismo meritava tutt'altra attenzione e presentazione, specie come prima in un paese come la Cina, dove il bisogno di sapere e di confrontarsi con la cultura Occidentale e' al contempo bisogno e necessita'. Qualcosa e' meglio di niente, pero'...

Scendiamo le scale e ci avviamo al negozio del Museo, voglio comunque comprare delle copie del catalogo e farne regalo ai miei amici. Botta finale! Non c'e' catalogo in vendita! Chiedo alla biglietteria che conferma: non ci sono cataloghi disponibili e in vendita al pubblico! Sogno o son desto? Chiedo alla signorina di parlare con l'ufficio sede dell'organizzazione, per telefono; risponde un'altra signorina. gentile e premurosa, che dopo aver saputo che sono straniero mi dice di attendere che mi portera' un catalogo in omaggio... ma ovviamente non e' questo il punto! Lei arriva e mi spiega che sono stati stampate circa 300 copie del catalogo, ma non e' stato acquistato il codice ISBN, e quindi non e' possibile venderlo. Mille ipotesi mi si accavallano in mente: forse non si puo' (ancora) vendere nulla in Cina che parli del Futurismo? La mostra e' proprio uno stuzzichino per una mostra di la da venire, piu' succosa e degna di catalogo in vendita? Sono mancati i fondi? Qualcuno se li e' spesi per se? Insomma... ma come cacchio e' possibile che “la piu' bella e importante mostra” di quest'anno al GuangDong Museum non abbia il catalogo in vendita e a disposizione del pubblico? Qualcuno lo spieghi... Agli amici offriro' un pranzo, invece.

Marco Maurizio Gobbo



questo post è stato visto 5610 volte


TUTTI I COMMENTI

24/12/2010 14:24:32
Cristiana Curti
Gentile Signor Marco, comprendo le sue perplessità sull'opera bertelliana, della quale sono in Italia diverse versioni legittime di cui una alla GAM di Palazzo Pitti a Firenze e una al MART di Rovereto. Pochissime sono di grande formato (quello originale del 1932, brevettato nel 1933 è di ca. 31,5 cm. senza base, e l'esemplare "campione" è in terracotta patinata nera), molte in formati e materiali differenti per essere utilizzate anche come arredi (mobili o fissi) di alcune Case del Fascio. Dopo la guerra, molti esemplari andarono perduti, ovvero, come sempre accade in questi frangenti, "ricomparvero" sul mercato spesso non autorevolmente. Difatti, tanti sono i falsi, anche considerando la diffusione e la piuttosto considerevole "tiratura" dall'originale.
Dai curatori del MART so che il "profilo continuo" non nasce affatto come ideale ritratto di Mussolini, ma come opera che ripercorre originalmente l'evoluzione delle teorie dinamiche futuriste, declinate in modo semplice ma efficace (tanto che anche Tony Cragg si riferisce esplicitamente a questa ricerca tutta italica e al Bertelli in particolare).
Il caso volle che il profilo assumesse una valenza "eroica" e riprendesse piuttosto genericamente le fattezze del dittatore. Da qui la fortuna da gadget che lo contraddistingue e che non merita.
Non mi risulta però fosse considerato ritratto ufficiale, benché approvato per gli scopi suddetti.

Ma se l'estensore di questo articolo ammette l'estrema difficoltà di reperire informazioni sulle modalità organizzative e curatoriali di questa pseudo-mostra in Cina, nonché l'impossibilità di verificare ogni possibile fonte, sarà anche complesso capire (al momento) da dove provenga questo profilo.

Questa domanda e quella, ancor più importante, sul perché si invii questo genere di esposizioni in terra straniera (fatto salvo l'inevitabile pensierino cattivo sui "beneficiari" dell'operazione, fra cui la generosissima Sabrina Raffaghello) bisognerà rivolgerla ai responsabili dell'operazione, agli ineffabili burocrati che la promossero e ai veri esperti di Futurismo in Italia che non furono minimamente toccati da tale episodio, pur sentito così importante in Cina da far dire a un Direttore di Museo che questa è la mostra più bella e importante lì ospitata durante l'anno.

Finché gli Italiani non cominceranno a curarsi del proprio patrimonio artistico, e la finiranno di confidare in una supervisione qualitativa che non esiste da parte del Ministero, non solo la nostra arte sarà oggetto di operazioni "fantasiose" come queste, ma ne uscirà distrutta e deprezzata.


24/12/2010 11:52:51
Marco Moretti, Firenze
Desidero sapere la provenienza e le dimensioni del Dux a Profilo continuo in mostra. E vorrei inoltre sapere la fonte ove si dice che Mussolini abbia approvato questa scultura come suo ritratto ufficiale. Molte grazie.


INSERISCI UN COMMENTO
*Mi chiamo
Città/nazione
E-mail
Home page (senza http://)
*Messaggio
* campi obbligatori
 
home blog

IL BLOGGER

blogger: Marco M Gobbo
vedi profilo
scrivigli

IL BLOG

indirizzo del blog:
themaking.blog.exibart.com
generi: diari personali, arte, cultura generale, viaggi, territorio & gastronomia, giornalismo, musica, religione, società, moda&lifestyle, politica
tutti i post
feed rss
ARCHIVIO


<< < MAG 19 > >>
L M M G V S D
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    

I MIEI LINK


 






     Exibart.
   Pubblicazione iscritta nel registro della stampa del Tribunale di Firenze con il n. 5069/01.
   Direttore Responsabile: Matteo Bergamini
   Direttore Editoriale: Cesare Biasini Selvaggi
   Direttore Commerciale: Federico Pazzagli - fax: 06/89280543
   Amministrazione: amministrazione@exibart.com -fax: 06/89280277