blog@exibart.com
home inaugurazioni calendario speed-news forum annunci concorsi sondaggi commenti pubblicità contatti
Exibart.platform > onpaper mobile bookshop rss radio tv alert newsletter segnala blog
recensioni > roma milano napoli venezia torino toscana vedi le altre 
rubriche > libri architettura design fashion in fumo decibel vedi le altre 
e-mail    password password persa? registrati ora!


ARTASIA
cosa, quando e dove succede

 
Cibo e Cultura Cinesi: TianTang e Qing Bu Liang

Qing Bu Liang, Shenzhen

Incontro Sam, dopo un periodo piuttosto lungo, e siamo a zonzo, in giro per la nostra zona, a
Shenzhen. Notando il cattivo stato della mia pelle, insiste nel consigliarmi di andare insieme in una locale, come chiamarla? Erbo-bar-risteria? Questo e' un locale pubblico dove servono te' e infusioni di erbe, e hanno anche il QingBuLiang, che mi consiglia di bere. Che cos'è questo?
Mi spiega che tutti i Cantonesi crescono a zuppe e infusioni di erbe della mamma, che rimangono poi una parte essenziale della loro dieta per il resto della loro vita.
Un Cantonese beve le tisane alle erbe come forma di medicina preventiva, una o due volte a
settimana, e ogni giorno, se necessario, come trattamento, per quasi tutto: raffreddori, mal di
testa, cattiva digestione, artrite ... sono anche considerati degli ottimi diuretici naturali e lassativi.

Ogni buon dottore di Medicina Tradizionale Cinese (MTC), può aiutare a formulare una mistura di erbe per la preparazione di un infuso "su misura", solo per te; queste erbe si potranno poi acquistare in farmacia e usare in casa. Ma per quelli che non hanno molto tempo per bollire le proprie tisane (considerato il metodo più efficace) c'è sempre la possibilita' di comprare gli infusi di erbe venduti nei  supermercati.

A Shenzhen abbiamo davvero l'imbarazzo della scelta: la città ha i negozi specializzati in erbe e te', e anche bancarelle, praticamente ovunque. Questi negozi sono facilmente identificabili dalle grandi pentole di metallo, di solito dorato, che fanno bella mostra di se' vicino all'ingresso.

Eccoci arrivati al negozio, ci sediamo e Sam continua la sua lezione su infusi e erbe.

Considerato un "classico", il Qing bu liang (mandarino: Qing Bu Liang / cantonese: Bo Ching Leung) è un miscuglio di erbe cotte nel brodo. Anche se il contenuto può variare a seconda del metodo di preparazione, la miscela è abbastanza standard, generalmente costituita da sette erbe: dioscorea, bulbo di giglio, Polygonatum sibricum secchi, Euryale Ferox, orzo perlato, semi di loto esiccati, e longan essiccati. Ci sono variazioni di questa ricetta, a base di carne di maiale, o carne di pollo.
Ecco un'altra ricetta per voi: patate selvatiche cinesi, Bacche di Goji, semi di Euriale, miglio, Polygonatum, longan e carne di maiale. Il tutto messo in pentola con acqua o brodo, e
delicatamente bollito a fuoco lento per due o tre ore.

Questa zuppa è molto popolare e si beve tutto l'anno e si crede serva per disintossicare il corpo, per "nutrire" i reni e polmoni, e ricostituire il sangue. Presi individualmente, gli ingredienti hanno una vasta gamma di indicazioni. Ad esempio, il bulbo di giglio (semi di loto) è usato per le lievi insufficienze cardiache, le aritmie, infezioni del tratto urinario e calcoli renali, l'orzo perlato è utilizzato per la bronchite.


I bulbi di giglio e i semi di loto hanno bisogno di una menzione speciale: sono molto comuni e 
popolari nel sud della Cina e sono classificati in MTC come astringenti, dolci e neutri, e fanno bene al rene e alla milza. È possibile acquistare semi di loto e bulbi di giglio freschi, specie nei mercati di campagna. Questi semi possono essere consumati crudi, anche se la buccia verde del seme è piuttosto amara, e di solito è rimossa prima di mangiarli. Una volta essiccati, questi semi sono apprezzati dalla Medicina Tradizionale Cinese per dissipare l'eccessivo "calore dal cuore".  Vengono utilizzati per farne dolci o bolliti con acqua e latte, a mo' di porridge.
Feci una memorabile scorpacciata di semi di loto in Cambogia, nell'ottobre 2010. Stavamo andando a Angkor Wat e questo immenso campo di fior di loto appari' proprio accanto la nostra strada, e li vendevano, appunto, i semi freschi di loto.  Il mio amico ed io ci fermammo ad ammirare il paesaggio, e lui compro' un sacchetto di semi, che poi mangiammo in auto. Fu una merenda semplice e deliziosa.

Ma in questo momento non mi sento di mangiare una zuppa, e glielo dico, e ribatte che prenderemo una versione dolce, fresca, del QingBuLiang, praticamente un dessert. Ed eccolo qui, in questa scodellina di vetro, ed e' proprio dolce e rinfrescante.

Un ottimo dolce, penso, e se poi ha tutte queste proprieta' curative, ancora meglio.
Più tardi farò qualche ricerca sul QingBuLiang, e scopriro' che c'è una versione con latte di
cocco, nell'isola di Hainan: si tratta di una ciotola piena di latte di cocco refrigerato con ghiaccio, anguria e ananas a dadi, giuggiole (proprio quelli del famoso detto "andare in brodo di giuggiole", sono chiamati anche "datteri cinesi"), uva passa, fagioli rossi cotti, fagioli verdi, semi di Coix, perle di sago, e qualche volta longan. Ci sono un sacco di bar o bancarelle nel centro della città di Sanya che vendono QingBuLiang, ed è una bevanda semplice, rinfrescante e molto popolare in estate.

Ma ho anche scoperto il termine cantonese "Sui Tong", un termine generico utilizzato per riferirsi ai dolci consumati dai cinesi che sono normalmente serviti alla fine del pasto. "Sui Tong" significa letteralmente "acqua e zucchero" e, ovviamente, indicano che questa è una sorta di dolce. E' conosciuto anche come "Tian tang" o "zuppa dolce".

Ci sono molti tipi di Tong Sui e il QingBuLiang è parte di loro. Dal sud della Cina (le provincie del Guangdong, Guangxi, e Hainan) il "QingBuLiang" è stato esportato nel Sud Est asiatico, specie nelle nazioni con una consistente presenza di emigranti cinesi, e in alcune città degli Stati Uniti e in Europa (San Francisco, Londra).
Per esempio a Penang, in Malesia, è comunemente noto come "Lung Kang chee". La ricetta piu' semplice e comune non richiede di cucinare molto visto che la maggior parte degli ingredienti sono precotti o versati direttamente dalle... lattine nelle ciotole. L'unico ingrediente che deve essere cucinato al momento è lo sciroppo (la "zuppa"), che in genere è zucchero in acqua.
Gli ingredienti di solito sono:patate dolci, gelatina, litchi, longan, cocco di mare, atap chee (palma di Nipa), fagioli rossi, funghi bianchi e altro ancora, a seconda dei gusti, poi mescolati
in una ciotola con lo sciroppo. "Lung Kang chee" è normalmente servito caldo, ma si possono aggiugere cubetti di ghiaccio se si preferisce un dessert freddo.

Bene, mi auguro che questa breve introduzione servirà nel tentarvi a preparare o ad assaggiare qualche QingBuLiang freddo o caldo, e assaporarne il gusto e le proprietà curative.


questo post è stato visto 5301 volte

INSERISCI UN COMMENTO
*Mi chiamo
Città/nazione
E-mail
Home page (senza http://)
*Messaggio
* campi obbligatori
 
home blog

IL BLOGGER

blogger: Marco M Gobbo
vedi profilo
scrivigli

IL BLOG

indirizzo del blog:
themaking.blog.exibart.com
generi: diari personali, arte, cultura generale, viaggi, territorio & gastronomia, giornalismo, musica, religione, società, moda&lifestyle, politica
tutti i post
feed rss
ARCHIVIO


<< < MAG 19 > >>
L M M G V S D
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    

I MIEI LINK


 






     Exibart.
   Pubblicazione iscritta nel registro della stampa del Tribunale di Firenze con il n. 5069/01.
   Direttore Responsabile: Matteo Bergamini
   Direttore Editoriale: Cesare Biasini Selvaggi
   Direttore Commerciale: Federico Pazzagli - fax: 06/89280543
   Amministrazione: amministrazione@exibart.com -fax: 06/89280277