blog@exibart.com
home inaugurazioni calendario speed-news forum annunci concorsi sondaggi commenti pubblicità contatti
Exibart.platform > onpaper mobile bookshop rss radio tv alert newsletter segnala blog
recensioni > roma milano napoli venezia torino toscana vedi le altre 
rubriche > libri architettura design fashion in fumo decibel vedi le altre 
e-mail    password password persa? registrati ora!


ARTASIA
cosa, quando e dove succede

 
Cina, SuZhou, visitando la penisola DongShan, ZiJin An e il villaggio LuXiang.

Spaghetti freschi a LuXiang

E’ il 7 aprile, e Howard mi dice che ci vuole una pausa di lavoro. Se sei a Suzhou e conosci la citta’, dove vai? Al lago, al Tai Hu. Ci siamo gia’ stati una volta, all’isola di SanShan, e questa volta mi dice che vuole andare a zonzo per la penisola DongShan, magari visitare il villaggio LuXiang, che pare risalga alla dinastia Ming, e anche rivedere un piccolo monastero, famoso per le statue che si trovano all’interno, a quanto pare tra le piu’ belle che si trovino in Cina.

Mamma mia, speriamo bene, perche’ dopo quasi sei anni una cosa ho imparato della retorica ufficiale in Cina: gli piace esagerare parecchio, specie per tutto quello che riguarda la “loro” storia e cultura. Forse e’ per una sorta di compensazione storica, ma oggi non ho voglia di psicanalisi spicciola e mi accontento di ricordare che ogni volta che c’e’ una cittadina con un minimo livello di interesse storico o con un bel paesaggio attorno e’, di solito, denominata “perla”, poi quando si arriva sul posto, spesso, capita di ritrovarsi un po’ delusi.

 Si parte in auto, in un sabato mattina soleggiato, tranquillo. Il mio amico e’ divorziato da qualche anno, ogni tanto e’ un po’ apprensivo per tutto cio’ che concerne l’educazione della figlia, di circa dieci anni e combatte anche con la pressione paterna e delle sorelle che lo vogliono risposato e, se possibile, con prole di sesso maschile nel piu’ breve tempo possibile.

A quarantanni potrebbe e dovrebbe decidere da se’ che fare, ma la pressione sociale e familiare in Cina alle volte e’ davvero micidiale.  

Mi sa che ha piu’ bisogno lui di me di un po’ di svago. Arriviamo nella zona del lago davvero presto,  mentre ci inoltriamo nella penisola di DongShan non possiamo non notare una serie di ville, villette e villone che sono costruite di fresco, prospicienti il lago. Chissa’ per chi, ci diciamo entrambi. Questa zona e’ famosa per la coltivazione del te’ BiLuo Chun, anzi, questa e’ proprio la zona di origine, mi spiega mentre guida rilassato, forse piu’ tardi avremo modo di assaggiarlo.

Da qualche parte, su di un blog cinese, avevo letto che la cittadina di Dongshan ha un “ profondo retroterra culturale e riferimenti letterari speciali, e che ci sono stati scavi che hanno dimostrato che da queste parti gruppi di umani vivevano “gia’” 10.000 anni fa, e che questo e’ il luogo di origine della cultura Wu.”.

Howard mi parla, invece, di come da queste parti per secoli siano stati contadini e pescatori ed e’ semplicemente questo fatto che ne ha preservato il paesaggio. Si, ci sono delle zone con qualcosa da apprezzare da un punto di vista storico e culturale, ma di non aspettarmi troppo, le cose migliori sono il lago, il paesaggio attorno.

Arriviamo in una bella zona, intorno a noi la terra e’ coltivata a frutteti e campi da te’, e parcheggiamo vicino a quella che pare l’entrata di un tempio, o forse monastero. Infatti e’ il monastero “ZiJin An”. Il biglietto costa 30 RMB (ovvero circa 4 Euro) e Howard sgrana gli occhi: “Ma come – mi dice- due anni fa costava 10 RMB!” Beh, un bel 200% in piu’, non male come aumento, d’altronde il costo di tutto aumenta a velocita’ considerevole in Cina, e come ho gia’ avuto modo di notare, qualsiasi tempio e monastero e’ trattato alla stregua di un museo a pagamento, non di posto di preghiera o di sola visita spirituale.

Entriamo, c’e’ un piccolo giardino molto bello e ben tenuto, camminiamo su un sentiero acciottolato, si arriva ad un entrata protetta dai due immancabili leoni. Intorno a noi ci sono operai che lavorano senza fretta, fumano, chiacchierano; stanno sistemando delle nuovissime segnaletiche in legno. Non ci sono molte persone, a parte noi un altro gruppetto di sei o sette persone.

Il Tempio e monastero Zijin An è stato costruito durante la dinastia Nanbei, circa 1400 anni fa, e fu ricostruito al tempo dei Tang e ancora durante il periodo Ming e Qing, ed è negli stili di queste due ultime dinastie che lo possiamo apprezzare oggi.

Il tempio e’ minuscolo se paragonato ad altri, ma qui si respira una sottile aria di storia, al suo interno ci sono sculture di livello molto alto, e, curiosamente, pare che le migliori di loro siano state eseguite da una coppia, chiamata Leichao. Mi piace molto, come anche molte delle statue, alcune davvero ammirevoli per qualita’ e sottigliezza espressiva dei volti.

Riprendiamo la scorazzata in auto a velocita’ ridotta, il paesaggio e’ molto luminoso, grazie alla luce riflessa dalla massa d’acqua lacustre. Howard decide di andare a visitare il villaggio di LuXiang, un villaggio Ming! Ah, questo mi intriga parecchio, specie dopo aver visitato Pingyao, lo scorso dicembre.

Costeggiamo una zona di abitazioni nuovissime, che con i Ming non hanno proprio nulla a che vedere e non riusciamo a capire dove sia il villaggio o la sua entrata. Chiede a dei passanti un paio di volte. Cerchiamo un parcheggio. Howard parla con un paio di ragazze. Torna con la fronte corrugata. “Impossibile! - mi dice- se si prosegue c’e’ un entrata nuova, e si pagano 50 o 60 RMB a testa per entrare nella parte vecchia.” Oh bella! Adesso se Venezia chiedera’ ad ogni turista 10 Euro per entrare nel centro storico non diro’ piu’ nulla.

“Ma sei sicuro?”

Risponde di si, ci guardiamo attorno, mi fa cenno di entrare per una viuzza, proprio dall’altra parte della strada. Proseguiamo, e dopo 300 metri siamo nella Lao Jie di LuXiang, la strada vecchia, la principale. Avete presente quando avete rubato e mangiato la nutella, e nessuno vi ha beccato? Ecco, la stessa sensazione.  Ci guardiamo attorno. Camminiamo. La parte “antica” sara’ lunga si e no 400 metri, con due o tre viette che la intersecano. Ci sono tre o quattro edifici di un certo interesse, il resto e’ cadente e parecchio anni cinquanta e sessanta del secolo scorso, non certo Ming. Ci guardiamo interrogativi, lui commenta un po’ sarcastico, poi ci fermiamo a quello che pare l’incrocio della strada vecchia con un’altra via che doveva essere tra le principali, c’e’ una piccola torre, questa si che e’ storica e piu’ avanti c’e’ un edificio che pare una tettoia per un mercato all’aperto. Li qualcuno vende il famoso te’, che Howard compra per farmene omaggio. Chiacchieriamo con chi vende, scatto una foto ad un bimbo che gioca con un fucile giocattolo, mi guarda un po’ impaurito, se ricambio lo sguardo si nasconde, mi sa che non ha visto molti occidentali semibarbuti dal vero. Quando mi passa accanto corre, cerca di nascondersi dietro le gambe di altre persone, gli scatto una foto. Dopo dieci minuti di camminata la visita e’ terminata. Torniamo sui nostri passi, ma cambiamo strada: qualcuno prepara e vende spaghetti di grano tenero per strada, ne compriamo un sacchetto.

Lasciamo il villaggio delusi, non posso usare altri termini, e ci consoliamo con il fatto che abbiamo risparmiato il biglietto d'entrata. Poi leggero’ un blog che, a proposito di LuXiang, descrive il posto “con stretti vicoli e canali, in questo antico villaggio che data dall’inizio della dinastia Ming... e ci siamo goduti l’architettura in pietra originale”. Peccato che non dica che sono cinque edifici, quelli godibili e che i vicoli che si possono apprezzare anche meno, oltre al biglietto da pagare. Mah...

Riprendiamo il giro della penisola, e ci dimentichiamo di LuXiang guardando il paesaggio che sta cambiando colore grazie al tramonto, fermiamo l’auto, ci sediamo su di un ciglio prospiciente il lago; iniziamo una sfida a  Sudoku. Il silenzio e’ perfetto, mentre annotta.



questo post è stato visto 16705 volte


TUTTI I COMMENTI

02/06/2012 9.17.23
Giorgio, Cina
ottimi srticoli per un ottimo blog, vedo che non ci sono articoli da un po' di tempo, spero di leggerne presto dei nuovi

INSERISCI UN COMMENTO
*Mi chiamo
Città/nazione
E-mail
Home page (senza http://)
*Messaggio
* campi obbligatori
 
home blog

IL BLOGGER

blogger: Marco M Gobbo
vedi profilo
scrivigli

IL BLOG

indirizzo del blog:
themaking.blog.exibart.com
generi: diari personali, arte, cultura generale, viaggi, territorio & gastronomia, giornalismo, musica, religione, società, moda&lifestyle, politica
tutti i post
feed rss
ARCHIVIO


<< < MAG 19 > >>
L M M G V S D
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    

I MIEI LINK


 






     Exibart.
   Pubblicazione iscritta nel registro della stampa del Tribunale di Firenze con il n. 5069/01.
   Direttore Responsabile: Matteo Bergamini
   Direttore Editoriale: Cesare Biasini Selvaggi
   Direttore Commerciale: Federico Pazzagli - fax: 06/89280543
   Amministrazione: amministrazione@exibart.com -fax: 06/89280277