blog@exibart.com
home inaugurazioni calendario speed-news forum annunci concorsi sondaggi commenti pubblicità contatti
Exibart.platform > onpaper mobile bookshop rss radio tv alert newsletter segnala blog
recensioni > roma milano napoli venezia torino toscana vedi le altre 
rubriche > libri architettura design fashion in fumo decibel vedi le altre 
e-mail    password password persa? registrati ora!


ARTASIA
cosa, quando e dove succede

 
Oh no, David è nudo! e altri dibattiti sul nudo, in Cina.

David-Apollo di Michelangelo

Come parte della celebrazione dei suoi 100 anni di storia, il Museo Nazionale Cinese sta attualmente mostrando una raccolta di opere del Rinascimento italiano. Infatti i ministeri della cultura, cinese e italiano, nel mese di ottobre del 2010 firmarono a Roma un Memorandum of Understanding on Promoting Cooperation on Cultural Heritage Protection, in cui concordarono l’organizzazione di importanti mostre nei musei nazionali di entrambi i paesi. “Il Rinascimento a Firenze: Capolavori e protagonisti” è il primo ad essere organizzato dall’ Italia nel Museo Nazionale Cinese, a Pechino.
Ma una delle opere esposte, il David – Apollo (detto anche Apollino) di Michelangelo è stato al centro di una polemica censura in Cina. L'opera raffigura un giovane con il corpo in torsione, e sì, è proprio nudo. Così, durante il notiziario televisivo di mezzogiorno del 9 luglio scorso, gli editori della CCTV hanno deciso di offuscare il pene di marmo della statua. Il fatto ha scioccato e inorridito appassionati d'arte e parecchi comuni cittadini cinesi, increduli della censura da parte della TV nazionale di un pezzo d'arte classica.
In seguito, a Guangzhou (quello che segue è stato tratto da un articolo apparso sul "Guangzhou Daily". Controllata pudicizia inclusa) qualcos’altro ha causato un intenso dibattito su "espressione artistica" e "oscenità". Ecco qui di seguito la citazione dal giornale:


"Al Jinhan Exhibition Center di Guangzhou sono stati esposti dei dipinti ad olio raffiguranti una donna nuda in varie pose. Mentre le organizzazioni responsabili della mostra sono favorevoli nel mostrare quell'arte in pubblico, le opere devono ancora convincere e conquistare il favore del pubblico.
La maggior parte delle persone non si aspetterebbe di vedere un dipinto di una donna sensuale e nuda inchinata a livello dell'anca mentre si gira, seducente, verso il pubblico davanti all'ingresso di una mostra d'arte pubblica. Ma a Guangzhou, questo è esattamente ciò che il pubblico ha visto presso il Centro Espositivo Jinhan. Dal 18 luglio fino ad agosto 3, questa mostra, che comprende dipinti ad olio di una donna nuda in
varie posizioni sensuali (mio corsivo), erano in mostra davanti all'ingresso dell'edificio visibile e godibile da tutti (forse alcuni più di altri)" (parole loro, mio il corsivo).


E' arte o pornografia?
Non sorprende che i cittadini di GuangZhou si siano opposti e abbiano alzato le sopracciglia verso questa
insolita (mio corsivo)mostra, che ritengono essere "al di là di tutto ciò che potrebbe essere chiamata arte" e semmai piu’ degna di essere considerata pornografia. Molti chiedono alle autorità locali di fare qualcosa contro l’oscena mostra.

Il locale Ufficio del Commercio e dell'Industria, tuttavia, è a favore della mostra, opiniona che la mostra è arte e merita di essere vista pubblicamente. Detto questo, il rappresentante per l'ufficio di presidenza ha anche dichiarato che, forse, l’esibizione non era passata attraverso gli appropriati canali per essere approvata come mostra pubblica, (corsivo mio) e che avrebbero iniziato un'indagine a breve. Nel frattempo, i cittadini locali possono riflettere tra di loro sull’irrisolvibile dibattito filosofico: "Che cosa è esattamente l'arte?"


Non riesce a conquistare il pubblico
Molti abitanti non sono così entusiasti di questi
nuovi (corsivo mio) sviluppi artistici. La Signora Su, arrivata alla mostra, è subito corsa a proteggere gli occhi innocenti del suo bambino dalla vista della nuda oscenità, esprimendo un estremo disgusto: "Questo è veramente inaccettabile, bisogna pensare a come saranno influenzati i bambini." Il signor Liu è stato un po' più comprensivo verso la mostra e le ragioni per l’esibizione di tali elementi controversi, anche se si è affrettato ad aggiungere: "il centro ha davvero bisogno di prendere in considerazione come questo influirà la maggioranza dei residenti nella zona."
Un dipendente presso il quartiere fieristico ha dichiarato che che la mostra è solo un altra proiezione del lavoro di un artista, e che "non c'è nulla di male in questo." Gli organizzatori del centro espositivo hanno espresso opinioni simili, affermando che i dipinti di nudo sono solo un'altra forma di arte, sperando che i residenti saranno in grado di superare il loro disappunto iniziale e vedere i pezzi da un punto di vista più artistico. Al di la del fatto che ognuno e’ libero di credere se i dipinti di nudo dovrebbero essere considerati "arte" o "pornografia", è difficile non ammettere che questa mostra sia un’eccellente punto di partenza per un dibattito.


Definizione di "oscenità", socialmente e legalmente.
Secondo l’Ufficiale Codice di Diritto Cinese sulla Pubblicità, "su annunci pubblici e nelle esibizioni non è possibile mostrare contenuti osceni o indecenti." In realtà, è molto più difficile definire concretamente ciò che sia, esattamente, "osceno" o "indecente". Le autorità hanno ammesso che ci sono molte lacune nel codice normativo per la pubblicità e che le leggi sull’oscenità possono essere facilmente ingannate da inserzionisti e da altre organizzazioni:. "Alcune pubblicità e mostre pubbliche sono fuorvianti e intrinsecamente pornografiche. Tuttavia, organizzazioni o aziende, sono in grado di usare la frase 'espressione artistica' come una difesa, mentre allo stesso tempo influenzano negativamente la società, portando confusione nei concetti giuridici e contrastando l'applicazione della legge."
Mentre il dibattito su "oscenità e l'arte" non e’ nuovo in molti Paesi, questa mostra segna una delle prime volte che la Cina ha così apertamente discusso, un tale
“problema rovente e complicato” (mio corsivo). Sarà interessante vedere se in futuro vedremo di piu’ di quest’arte controversa, (mio corsivo) o se la censura sul nudo continuerà a regnare sovrana. "


Il giornalista che scrive il pezzo usa parole come "posizioni sensuali” ed è quasi strizzando l'occhio ai lettori che scrive anche "era in mostra davanti all'ingresso dell'edificio visibile e godibile da tutti (forse alcuni più di altri)". Tra gli altri significati di “sensuale” ci sono: passionale, caldo, ardente, focoso, dal sangue caldo e ha oggi un sottofondo sessuale, come in "mutandine sensuali" o appunto "posizioni sensuali", ovvero "posizioni sessualmente provocanti".
Ma in tutto l’articolo, che e’ un capolavoro di cerchiobottismo, manca qualcosa.
Qual è il contesto dei dipinti in questione? E perché l'artista mette una donna nuda in quel contesto particolare? Non sappiamo nulla dell’opera o delle opere esposte. Sappiamo solo che includono dei nudi femminili. Mi sento come se fossimo tornati a Parigi nel 1863, con la piccola borghesia francese che osserva "Le déjeuner sur l'herbe" di Manet e si concentra solo sulla donna nuda, la sua posizione cosi’ provocatoria e sensuale.


Allora, perché l'artista ha dipinto un nudo, e in quale contesto? Mistero. La nuova piccola borghesia comunista cinese, giornalista incluso, e’ , apparentemente, totalmente coinvolta in questo "dibattito" concernente "oscenità e arte", questo "problema rovente e complicato", e nessuno davvero parla dell’ opera in sé, tutti discutono solo del nudo; come mai prima divento consapevole della pubblica pruderie moralistica che è l'eredità dei "valori morali e famigliari" che il partito Comunista ha pubblicamente insegnato, se non inflitto, sull'opinione pubblica. La vita privata è, ovviamente, un altra cosa, ma per favore, salviamo le apparenze.

E infatti non dovremmo essere ingannati dalle apparenze: la stragrande maggioranza dei cittadini cinesi sono molto lontani da questa pudicizia di Stato e di facciata, e molto piu’ smaliziati nei loro giudizi sul nudo in arte, come anche le proteste su internet seguite alla censura del David-Apollo hanno ampiamente dimostrato. In tutta la societa’ civile cinese c’e’ un vasto e profondo scollamento tra le vecchie e comuniste retoriche rappresentazioni sui media, tutti statali, su cio’ che sia e dovrebbe essere il comportamento del buon cittadino nei confronti di sesso e morale e la realta’, vissuta e commentata da parte del cittadino medio, in special modo da parte di tutte le nuove generazioni, a partire dagli internettizati under quaranta fino ai piu’ giovani. Una piccola noterella: le famose leggi sull’oscenita’ sono state usate e possono essere usate in qualsiasi momento per bloccare mostre d’arte, a seconda di chi sia l’artista o le organizzazioni coinvolte e il loro essere piu’ o meno allineati con il regime ufficiale. E anche questo fa parte delle contraddizioni di una nazione, dove non esiste un diritto certo, ma delle leggi che, apparentemente a piacere e a seconda delle parti coinvolte, possono o non possono essere applicate, o applicate parzialmente.



questo post è stato visto 1712 volte

INSERISCI UN COMMENTO
*Mi chiamo
Città/nazione
E-mail
Home page (senza http://)
*Messaggio
* campi obbligatori
 
home blog

IL BLOGGER

blogger: Marco M Gobbo
vedi profilo
scrivigli

IL BLOG

indirizzo del blog:
themaking.blog.exibart.com
generi: diari personali, arte, cultura generale, viaggi, territorio & gastronomia, giornalismo, musica, religione, società, moda&lifestyle, politica
tutti i post
feed rss
ARCHIVIO


<< < MAG 19 > >>
L M M G V S D
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    

I MIEI LINK


 






     Exibart.
   Pubblicazione iscritta nel registro della stampa del Tribunale di Firenze con il n. 5069/01.
   Direttore Responsabile: Matteo Bergamini
   Direttore Editoriale: Cesare Biasini Selvaggi
   Direttore Commerciale: Federico Pazzagli - fax: 06/89280543
   Amministrazione: amministrazione@exibart.com -fax: 06/89280277