blog@exibart.com
home inaugurazioni calendario speed-news forum annunci concorsi sondaggi commenti pubblicità contatti
Exibart.platform > onpaper mobile bookshop rss radio tv alert newsletter segnala blog
recensioni > roma milano napoli venezia torino toscana vedi le altre 
rubriche > libri architettura design fashion in fumo decibel vedi le altre 
e-mail    password password persa? registrati ora!


DOATTIME
un punto di vista sull'arte

 
doattime010513

doattime 01052013

segnali di fumo 



scritto 01/05/2013 08:58:00 | permalink | commenta | lista commenti (1) | invia il post ad un amico | parole chiave: doattime 01052013
questo post è stato visto 3632 volte


TUTTI I COMMENTI

17/05/2013 12:02:07
Rosy Menta
A tale proposito, abbiamo avviato una petizione e purtroppo, oltre a un vasto silenzio da parte degli artisti, abbiamo anche ricevuto delle risposte indignate, perchè gli artisti confondono ciò che è “strutturale” alla professione con il “valore artistico” due cose diverse ma che possono essere congiunti e connessi senza essere incompatibili. Paradossalmente vorrebbero essere riconosciuti ed avere dignità professionale senza essere all’interno di un sistema d’ordinamento istituzionale e questo sì che è incompatibile! Far parte di ordinamenti e regole istituzionali non toglie validità a un’opera d’arte né sminuisce o intacca il piano concettuale, filosofico, ideologico, poetico, estetico, ricerca e quant’altro possa invalidarne fondatezza e pregio.
Molti si sono, diciamo eufemisticamente “inalberati”, sostenendo l’inutilità della petizione difendendo l’inconciliabilità della figura artistica in una sistematizzazione di regolamentazione del sistema rivendicando la “libertà” espressiva che, ovviamente, questa rimane eticamente e responsabilmente di competenza dell’artista. Vorrei sottolineare che la “libertà” attuale (fraintesa!) non è libertà è totale anarchia in cui oltre a mancanza di regolamentazioni, anche a tutela della professione, ma dell’arte stessa, in quanto assistiamo a una caduta a 360° anche della ricerca stessa tanto rivendicata e all’immagine dell’arte italiana nel mondo.
Se per libertà si intende lasciar fare di tutto a tutti allora si smetta di rivendicare spazi gratuiti o di lamentare i criteri selettivi messi in atto nelle assegnazioni degli spazi istituzionali (pochi) ancora rimasti a disposizione, poiché i selezionatori, rivendicano giustamente, la stessa libertà di scegliere e scartare secondo i loro pareri, interessi, sodalizi e consorterie. Non esiste rivendicazione di diritti senza reciprocità.
La petizione vuole essere, e lo ripeto, un semplice strumento pragmatico, per ordinare alcuni punti prioritari a favore degli artisti. I problemi sono tantissimi e il sistema è complesso ma, non potendo risolvere tutto con la bacchetta magica, si vuol partire da alcuni punti fondamentali e urgenti, per aprire altri tavoli e dibattiti futuri. Si inizia sempre da un punto, il resto, deve seguire se c’è la volontà e la collaborazione anche di altre figure, competenze e istituzioni. Vedasi le motivazioni in:
http://www.change.org/it/petizioni/programma-lavoro-onorevole-letta-l-italia-l-arte-e-il-sistema-fantasma


INSERISCI UN COMMENTO
*Mi chiamo
Città/nazione
E-mail
Home page (senza http://)
*Messaggio
* campi obbligatori
 
home blog

IL BLOGGER

blogger: d;o)
vedi profilo
scrivigli

IL BLOG

indirizzo del blog:
doattime.blog.exibart.com
generi: arte, cultura generale, attualità, viaggi, economia, tv&cinema, scienze, società, moda&lifestyle
tutti i post
feed rss
ARCHIVIO


<< < MAG 19 > >>
L M M G V S D
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    

I MIEI LINK


 






     Exibart.
   Pubblicazione iscritta nel registro della stampa del Tribunale di Firenze con il n. 5069/01.
   Direttore Responsabile: Matteo Bergamini
   Direttore Editoriale: Cesare Biasini Selvaggi
   Direttore Commerciale: Federico Pazzagli - fax: 06/89280543
   Amministrazione: amministrazione@exibart.com -fax: 06/89280277