blog@exibart.com
home inaugurazioni calendario speed-news forum annunci concorsi sondaggi commenti pubblicità contatti
Exibart.platform > onpaper mobile bookshop rss radio tv alert newsletter segnala blog
recensioni > roma milano napoli venezia torino toscana vedi le altre 
rubriche > libri architettura design fashion in fumo decibel vedi le altre 
e-mail    password password persa? registrati ora!


ARTASIA
cosa, quando e dove succede

 
Perche’ la “classe media che avanza” supporta il Partito unico in Cina?

Shanghai, pubblicita' foto mmg

Ricordate le previsioni di qualche anno fa: non appena i cinesi diverranno piu’ ricchi, diventeranno piu’ esigenti in termini di diritti umani e di governo e, opla’, ci sara’ un cambio nel governo della Cina che diverra’ progressivamente piu’ aperto e democrativo. Penso che ogni volta che un burocrate di partito legga qualcosa di simile faccia una sonora pernacchia all’Occidente e ai suoi soloni e si lasci andare ad una grassa risata, visto che la realta’ e’ tutt’altra cosa.
Come mai? In occidente con il termine “classe media” si intende, piu’ o meno, la classe manageriale, i professionisti, i piccoli proprietari, i negozianti, i piu’ o meno abbienti. E’ vero che negli ultimi vent’anni anche in Cina il numero delle persone che possono rientrare in quelle definizioni e’ aumentato ma…
1) Non di cosi tanto
2) E comunque grazie alla rete di relazioni che, guarda caso, fanno capo a qualcuno che conosce qualcuno inserito nel sistema del partito, a livello cittadino, provinciale o centrale
3) La maggior parte delle imprese in Cina non sono private, ma sempre con una partecipazione statale: circa il 25% di tutte le aziende registrate come private sono infatti proprieta’ di aziende apparentate alle grandi aziende statali. Il 25% delle aziende sono pubbliche. La stragrande maggioranza delle altre aziende sono ibride , a controllo privato e pubblico.
4) Circa due terzi dei “nuovi imprenditori” prima lavoravano per lo Stato, e uno su cinque aveva una posizione ufficiale nel partito o nel governo: e ci vuole poco a capire grazie a quali legami hanno fatto fortuna
5) Piu’ del 40% degli imprenditori in Cina sono membri del Partito, e la maggior parte di loro fanno parte di comitati locali o associazioni che fanno capo al partito, perche’ questa e’ considerata una buona pratica per incrementare il business, e forse oliare i meccanismi.
Posso dire che la “classe media che avanza” non e’ altro che uno strato ulteriore del partito che si arricchisce. Ci meravigliamo che siano sostenitori del Governo Unico e non fautori di un cambio, di un’apertura dello Stato di tipo democratico? In fatti la “classe media che avanza” vuole un partito piu’ efficiente e magari meno corrotto, ma non si sogna neppure di avere un cambio di governo: chi azzanna la mano di chi porta da mangiare?


scritto 04/05/2014 06:38:24 | permalink | commenta | lista commenti (0) | invia il post ad un amico | parole chiave: democrazia in cina apertura cinese classe media cinese
questo post è stato visto 927 volte

INSERISCI UN COMMENTO
*Mi chiamo
Città/nazione
E-mail
Home page (senza http://)
*Messaggio
* campi obbligatori
 
home blog

IL BLOGGER

blogger: Marco M Gobbo
vedi profilo
scrivigli

IL BLOG

indirizzo del blog:
themaking.blog.exibart.com
generi: diari personali, arte, cultura generale, viaggi, territorio & gastronomia, giornalismo, musica, religione, società, moda&lifestyle, politica
tutti i post
feed rss
ARCHIVIO


<< < MAG 19 > >>
L M M G V S D
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    

I MIEI LINK


 






     Exibart.
   Pubblicazione iscritta nel registro della stampa del Tribunale di Firenze con il n. 5069/01.
   Direttore Responsabile: Matteo Bergamini
   Direttore Editoriale: Cesare Biasini Selvaggi
   Direttore Commerciale: Federico Pazzagli - fax: 06/89280543
   Amministrazione: amministrazione@exibart.com -fax: 06/89280277