blog@exibart.com
home inaugurazioni calendario speed-news forum annunci concorsi sondaggi commenti pubblicità contatti
Exibart.platform > onpaper mobile bookshop rss radio tv alert newsletter segnala blog
recensioni > roma milano napoli venezia torino toscana vedi le altre 
rubriche > libri architettura design fashion in fumo decibel vedi le altre 
e-mail    password password persa? registrati ora!


INTERVENTI CON PAROLE CHIAVE 'IL SOGNO CINESE'
 
Il Sogno Cinese (5)

La stravaganza porta all'insubordinazione e la parsimonia alla sordidezza Campaga di Massa Cinese "Il Sogno Cinese"

Posso tradurre la frase sul poster cosi: 
"La stravaganza porta all' insubordinazione e la parsimonia alla sordidezza, ma è meglio essere sordidi che essere insubordinati".
(Per la serie: "Siamo uomini o caporali?" Toto ')
Questa è una delle immagini della nuova campagna di massa "China Dream" che più mi ha colpito.
Non solo cita direttamente Confucio, non solo l'immagine pittorica è di stampo ultra tradizionale, ma la frase è la piu' "anti-rivoluzionaria" e conservatrice e di sostegno al governo, qualsiasi governo, che un governo possa desiderare.
Vi è anche una associazione tra l'essere "stravagante, diverso, eccentrico, bizzarro" e l'essere "insubordinati", che merita un'analisi a parte, come metodo utilizzato da ogni e qualsiasi dittatura nel mondo per attaccare atteggiamenti, abbigliamento, modi di espressione, stili di vita "che non siano in accordo alle regole". Un concetto che ha portato e ancora porta ad attaccare tutto ciò che non segue le "regole". Siete stravaganti nel vostro comportamento? Questo può portare all'insubordinazione, una degli atteggiamenti più spregevoli e condannabili da parte dello Stato e dalla società che ha interiorizzato questo concetto (qui, Confuciano). Devi conformarti, questo e' l' imperativo delle societa' totalitarie, comuniste, fasciste, chiuse, chiamiamole come vogliamo.

Il fatto che questa frase sia parte della campagna " Il Sogno Cinese", la dice lunga su che cosa si possa sognare o meno, in una nazione dove l'accusa piu' comune per mettere in galera qualsiasi dissidente che dissenta su qualsiasi cosa e' quella di "disturbo dell'ordine pubblico". L'insubordinazione è inaccettabile.
Dimenticala. O meglio: non sognartela neanche!


di Marco M Gobbo
visita il blog ArtAsia

 
Il Sogno Cinese (2)

Xiaodao Pieta' Filiale Nuova Campagna di Massa Cinese "Il Sogno Cinese" 2013

"La prima delle cento buone azioni è la pietà filiale , ovunque tu vada porta sempre la pietà filiale nel tuo cuore, che è il giusto modo giusto di condurre una vita"
 
"La pietà filiale è una bella morale che passa di generazione in generazione, in Cina "
 
Ho trovato interessante la rimarcatura, nella Nuova Campagna di Massa in Cina, sulla Pieta' Filiale, un concetto che in Cina ha un significato molto più ampio che in Occidente .
La pietà filiale è anche profondamente connessa con l'idea di "lealtà", che in Cina è stata tradizionalmente considerata una delle virtù più desiderabili in un essere umano , ed è prescritto ad libitum dagli antichi saggi e, non sorprende, dal governo. Soprattutto dal governo, anzi, i governi.


La norma confuciana della pieta' filiale fu rimossa ai tempi della Rivoluzione Culturale (1966-1976) ma le dinastie imperiali cinesi sottolinearono sempre l'importanza di essere fedeli ai governanti, alla Patria e verso i propri genitori. Lo scorso luglio il governo cinese ha promulgato una legge      che obbliga i familiari a prendersi cura degli anziani in famiglia  .  
Come ha fatto notare lo scrittore Yu Hua “... ma quando i 'I 24 Paragoni di pietà filiale' fu vietato, dei concetti e precetti di fedeltà e della pietà filiale rimase solo la prima - la fedeltà al Partito comunista. Nel momento in cui promuove ora la pietà filiale, il Partito ignora quindi il proprio ruolo nella sua precedente soppressione e biasima il comportamento individuale per il degrado delle norme etiche, uscendosene quindi con una ridicola clausola legale per fuggire le proprie responsabilità da partito al potere negli ultimi 63 anni”.

L'associazione lealta'- pieta' filiale è semplice e diretta: si è fedeli al proprio paese (governo) come siete fedeli alla vostra famiglia ( padre ) . Non è un caso che la parola cinese per la patria sia " Guo Jia " , che è più propriamente reso dal concetto che in inglese corrisponde a "Homeland" e da noi, con enfasi materna come Madrepatria oppure come Patria, ovvero il "Luogo del Padre".
Quindi la fedeltà a chi è al potere è obbligatoria , come lo è la lealtà ai padri e alle famiglie .

Concetti e precetti che concordano con il Dio-Patria-Famiglia di nostra conoscenza, la differenza sta nel fatto che in Cina il riconosciuto Dio in terra era l'Imperatore, cosi va da se che il governo imperiale prese il posto di Dio. Oggi in Cina, al posto del Divino Imperatore abbiamo il Governo Comunista, che comunque, impera.



di Marco M Gobbo
visita il blog ArtAsia

 
Il Sogno Cinese (1)

All China is a beautiful Country New Mass Line Campaign, 2013

La Cina intera è un paese bellissimo
Disegnare una montagna, disegnare un fiume
Disegnare una nave spaziale che mi porti in giro
Disegnare il fiume Chang Jiang
Disegnare la Grande Muraglia
Disegnare il mare del sud
Disegnare i piccoli canali
Non è possibile disegnare tutte le bellezze del Paese
Tu ed io siamo entrambi nel disegno
firmato : Yi Qing

Come già scritto in precedenza, l'avvento al potere di Xi Jinping segna anche la piena transizione verso una nuova fase della comunicazione da parte del partito comunista verso le masse cinesi. La comunicazione si basa ora sul ricorso ai valori tradizionali, quelli dell'era pre -comunista . Il nuovo stile coincide con un importante punto di svolta, oserei dire storico, per diverse ragioni .
La retorica comunista è unita a una retorica che è apertamente, risolutamente, abbracciante idee nazionaliste e concetti fondamentali della cultura tradizionale cinese, anche derivanti dal confucianesimo, che era stato ufficialmente condannato e aborrito. Lo stile di comunicazione è associato a immagini storiche che arrivano direttamente dall'Impero Qing e ancora più indietro e fa abbondante uso di citazioni tratte dal confuciano "Lunyu" .
La nuova campagna si sviluppa con un uso impressionante di cartelloni pubblicitari che sono ovunque in Cina. Offro qui e nei seguenti blog alcuni esempi, con qualche traduzione dei messaggi scritti, che è poi il "pay off" della propaganda .
I manifesti presentano immagini della vecchia Cina, come se fossero dipinti tradizionali, in cui i messaggi sono offerti in forme poetiche o psuedo tali . Con questa operazione diventa sempre più evidente l'intenzione dell'oligarchia Comunista di offrire una immagine che non è più da "taglio con il passato" ( la Rivoluzione, la Nuova Cina ), ma di continuità; è come se il partito ora dicesse "Noi siamo gli eredi della Tradizione" .
Non si parla più di rivoluzione, ma di Ringiovanimento, nuova parola d'órdine, forse perché la parola rivoluzione potrebbe essere facilmente associata con le rivoluzioni che negli ultimi anni hanno portato alla caduta dei regimi dittatoriali in Nord Africa e in Medio Oriente, cosa che al governo non piace. In realtà poche immagini di quello che è successo in Tunisia, Libia, Egitto e altri paesi sono state diffuse in Cina. Probabilmente non è bello far sapere che ci sono persone che mandano a casa uomini e partiti al potere da decenni, che stanno cercando una rappresentanza democratica, partecipazione alla vita pubblica e diritti di voto .

Contemporanee di quella che io definisco "nuova campagna di identificazione " - " lo Stato è il Partito comunista, che è il Popolo della Cina e ( ora ) la sua Storia ", sono altre due campagne : una nuova, e a quanto pare più incisiva, campagna contro gli abusi di potere e la corruzione dei rappresentanti del partito a tutti i livelli, e una forte censura e repressione di chiunque abbia un seguito di micro-blog e il coraggio di osare di mettere alla gogna difetti e contraddizioni del partito o , Dio non voglia ! parlare apertamente di cambiamenti sulla gestione del potere politico .
Queste tre azioni già avviati, ad un livello molto più basso di intensità , negli ultimi anni di Hu Jintao - Wen Jiabao , con Xi Jinping si stanno svolgendo su scala massiccia ed a tutti i livelli . Il decennio precedente aveva come slogan "società armoniosa" . Questa nuova fase della gestione politica e di governo del partito unico è chiamato "Il sogno cinese".


di Marco M Gobbo
visita il blog ArtAsia



messaggi trovati: 3
 






     Exibart.
   Pubblicazione iscritta nel registro della stampa del Tribunale di Firenze con il n. 5069/01.
   Direttore Responsabile: Matteo Bergamini
   Direttore Editoriale: Cesare Biasini Selvaggi
   Direttore Commerciale: Federico Pazzagli - fax: 06/89280543
   Amministrazione: amministrazione@exibart.com -fax: 06/89280277