blog@exibart.com
home inaugurazioni calendario speed-news forum annunci concorsi sondaggi commenti pubblicità contatti
Exibart.platform > onpaper mobile bookshop rss radio tv alert newsletter segnala blog
recensioni > roma milano napoli venezia torino toscana vedi le altre 
rubriche > libri architettura design fashion in fumo decibel vedi le altre 
e-mail    password password persa? registrati ora!


INTERVENTI CON PAROLE CHIAVE 'MOSTRA'
 
Perfecto e Virtuale. L'Uomo Vitruviano di Leonardo

Una innovativa riproduzione digitale dell’uomo vitruviano
realizzata appositamente per la Mostra “Perfecto e Virtuale”
Il Foglio di Leonardo diventa 3D
 
 
L’Uomo di Leonardo in 3D si presenta muscoloso, dal volto maschio e deciso, un vero macho, si direbbe con i parametri di oggi.
 
A dare, per la prima volta, fattezze in tre dimensioni all’Uomo Vitruviano, disegno di culto di Leonardo,  è il Centro Studi Vitruviani di Fano (Pesaro e Urbino), in collaborazione con La Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico Artistico ed etnoantropologico per il Polo Museale della Città di Venezia.
 
I risultati di questa ricerca sono al centro della mostra “Perfecto e Virtuale. L’Uomo Vitruviano di Leonardo” allestita sino al 6 gennaio, a Fano,  nel Complesso rinascimentale di San Michele, curata da Annalisa Perissa Torrini, direttrice del gabinetto dei disegni (dove il disegno è conservato) del Polo museale veneziano e ideata e coordinata da Paolo Clini, Coordinatore scientifico del Centro Studi Vitruviani.
 
Che non si tratti di un “giochetto” per informatici perditempo lo dimostrano i risultati visibili nella mostra marchigiana e l’interesse che il progetto sta riscuotendo nel mondo scientifico internazionale.
 
Nell’esposizione al San Michele, il famoso foglio, canone rinascimentale della bellezza perfetta, si presenta ai visitatori in 3D per la prima volta. Una veste esclusiva e senza precedenti, abbinata a un innovativo sistema touch screen di visualizzazione che consente di entrare nel disegno fino al centesimo di millimetro e cogliere ogni più incredibile dettaglio non visibile a occhio nudo, andando al di là di quello che forse lo stesso Leonardo da Vinci poteva vedere. Come il tratto della matita e delle punte a secco, i segni e le incisioni sul foglio, il colore e la consistenza della carta in una visione 3D navigabile interattivamente di recto e verso. L’applicazione è stata realizzata, in collaborazione con il Centro Studi Vitruviani di Fano e il Gabinetto dei disegni delle Gallerie dell’Accademia di Venezia diretto da Annalisa Perissa Torrini (curatrice della mostra) da Marco Gaiani e Fabrizio Ivan Apollonio (Alma Mater Studiorum Università di Bologna), Massimo Zancolich (TabulaRasa), Mirko Barone (3DXcite) con Paolo Clini e Gianni Plescia (Univpm Marche). Il modello tridimensionale del foglio in particolare è stato realizzato da Marco Gaiani su uno dei più avanzati software di modellazione e visualizzazione (Deltagen) messo appositamente a disposizione da 3DXcite per questa applicazione. Il foglio è così navigabile in modo interattivo, senza alcuna limitazione dovuta alle necessità di conservazione. Tale applicazione può costituire una possibile risposta alle sempre crescenti difficoltà di circolazione e divulgazione di opere delicate e che, come nel caso dell’Uomo di Leonardo, possono essere esposte solo ogni 5 anni, a fronte di continue richieste di musei di tutto il mondo.
 
Tutto il contesto della mostra, allestita spazialmente ripercorrendo i segni principali del disegno leonardesco, scorre comunque sui binari della spettacolarizzazione, pur mantenendo la sua rigorosità scientifica. Superata la prima sala dell’esposizione, che ruota intorno al sofisticato touch screen per navigare il foglio dell’opera in 3D, gli occhi dei visitatori vengono subito catturati dalla piramide olografica dell’Uomo Vitruviano. Grazie a una tecnica teatrale chiamata “Pepper’s ghost” (utilizzata per la prima volta nella serie di Star Wars), l’opera leonardesca ruota a 360°, proiettando il disegno a grandezza originale (34 x 24  centimetri circa) e muovendosi a mezz’aria all’interno di una piramide mostrando diversi angoli di visione. Il divertimento e l’esplorazione delle proporzioni ideali continua con il mirroring interattivo, un gioco mimico che mette a confronto le forme di ogni visitatore con quelle dell’Uomo Vitruviano, con sistemi di natural interaction e computer vision appositamente sviluppati. Basterà salire su una pedana a pavimento per scoprire quanto ognuno di noi si avvicini alle misure della perfezione classica. Gli allestimenti tecnologici e le interfacce software per la piramide e il mirroring sono state realizzate da Eve spin off srl. L’uomo in 3d che fluttua nella campana è stato realizzato da Fabio Severini. Gli allestimenti sono stati curati dagli architetti Adriana Formatio e Anna Paola Pugnaloni.
 
Orari di apertura (fino al 6 gennaio 2015)
Giorni feriali h. 17-19.30
Sabato e domenica h. 10.30-12.30 / 17-19.30
Mattina solo su prenotazione per scuole e gruppi.
Lunedì chiuso
(tel. 338.4234702 oppure 328.3790087)

www.centrostudivitruviani.org
info@centrostudivitruviani.org
 
L’ingresso è libero
 
Organizzata da
Il Centro Studi Vitruviani di Fano, il Dipartimento di Ingegneria civile edile e Architettura dell’Università Politecnica delle Marche, la Fondazione Cassa di Risparmio di Fano e il Comune di Fano – Assessorato alla Cultura.
 
In collaborazione con
La Soprintendenza speciale per il Patrimonio storico-artistico ed etnoantropologico per il Polo museale di Venezia e dei Comuni della Gronda lagunare ed il Dipartimento di Architettura Alma Mater Studiorum dell’Università degli studi di Bologna.
 
Con il patrocinio
Del Ministero dei Beni e delle attività culturali e del Turismo, della Regione Marche e dell’Assemblea regionale delle Marche.

di Andrea Speziali
visita il blog IL NOTIZIARIO DI ANDREA SPEZIALI

 
Italian Liberty & Art Nouveau, Tours sulla corrente della Belle Époque

www.italialiberty.it

ITALIAN LIBERTY & ART NOUVEAU

Link: www.facebook.com/italianliberty.artnouveau.tours

Una pagina facebook per mettere in evidenza le opere d'arte e architetture Liberty in Italia a confronto con dipinti, sculture, grafiche e architetture dell'Art Nouveau in Europa e nel resto del mondo.

Si tratta di uno strumento interattivo dove chiunque può farne parte e contribuire.

 Questa iniziativa fa parte del progetto ''Italia Liberty'' (www.italialiberty.it)


Da osservare anche il progetto ''The World Art Nouveau'': www.italialiberty.it/theworldartnouveau





di Andrea Speziali
visita il blog IL NOTIZIARIO DI ANDREA SPEZIALI

 
Oroscopo 2012

Sezione Arte a cura di Andrea Speziali




di Andrea Speziali
visita il blog IL NOTIZIARIO DI ANDREA SPEZIALI

 
''New Antiques'' 1a Edizione


Ultima giornata per partecipare alla Prima edizione della mostra ‘’New Antiques’’ a Riccione, nella cornice del Palazzo del Turismo.

La mostra realizzata per il ponte dell’Immacolata, dall’8 all’11 dicembre e organizzata da AL.VI.  srl di Modena, tratta l’antiquariato, arte moderna e contemporanea.

Prenderanno parte alla rassegna riccionese espositori da tutta Italia e dalla Francia. Saranno tre le gallerie francesi presenti con sculture di avorio, pietre dure e arredo Art Decò e ci sarà uno spazio dedicato al vintage e ai gioielli.

Quello che si noterà subito entrando è l’abbinamento dell’antico al moderno, con prevalenza di opere a partire dal 1700 fino ai primi del 1900, di sicuro interesse sia per un pubblico specializzato che per quello appassionato e occasionale, che troverà negli stand allestiti dagli espositori dai dipinti antichi alla pittura dell’Ottocento italiano ed europeo, dai tappeti ai mobili di varie epoche ai gioielli alle stampe antiche e a preziosi libri.

Eccezionale evento per gli amanti dell’arte, collezionisti e antiquari.


Orario:

giovedì 8 dicembre dalle 10 alle 20

venerdì 9 dicembre dalle 15 alle 20

sabato 10 dicembre dalle 10 alle 20

domenica 11 dicembre dalle 10 alle 20



di Andrea Speziali
visita il blog IL NOTIZIARIO DI ANDREA SPEZIALI

 
Artisti, evitate i curatori sputtanati

Ho ricevuto varie osservazioni (e numerose proposte di coinvolgimento) dopo il post di settimana scorsa in cui mi interrogavo sulle ragioni per cui un artista possa rifiutare una mostra personale interamente prodotta da una galleria, tanto più in una città che è una vetrina del contemporaneo come Berlino. Qualche amico artista mi ha spiegato come, a suo avviso, ci si metta pochissimo a fare brutta figura dopo aver partecipato a mostre in gallerie sconosciute o con curatori non di primo livello. Se accetti di lavorare con certa gente devi anche abituarti al pubblico che si porta dietro, non basta che il progetto sia interessante: questo in sintesi il ragionamento. Quindi molta attenzione alle compagnie.
Un'amica in chat mi ha raccontato di aver rifiutato una mostra in uno spazio pubblico del nord Italia perché invece il curatore - ormai navigato - era parecchio sputtanato e troppo politico. "Che ci faccio con gente che ha leccato il didietro a Bondi e ha trasformato in commercio tutto quello che ha toccato?". Meglio dire no, come hanno fatto lei e molti artisti della scena torinese.
Forse insomma è meglio semplicemente non far comparire il proprio accanto a quello di persone che non si stimano. Ma alla fine non rischia di fare come l'incauto marito che si evira per dispiacere alla moglie?


di daniele capra
visita il blog BASTIANCONTRARIO



messaggi trovati: 122 - pagina: 1 - pagina successiva
 






     Exibart.
   Pubblicazione iscritta nel registro della stampa del Tribunale di Firenze con il n. 5069/01.
   Direttore Responsabile: Matteo Bergamini
   Direttore Editoriale: Cesare Biasini Selvaggi
   Direttore Commerciale: Federico Pazzagli - fax: 06/89280543
   Amministrazione: amministrazione@exibart.com -fax: 06/89280277