blog@exibart.com
home inaugurazioni calendario speed-news forum annunci concorsi sondaggi commenti pubblicità contatti
Exibart.platform > onpaper mobile bookshop rss radio tv alert newsletter segnala blog
recensioni > roma milano napoli venezia torino toscana vedi le altre 
rubriche > libri architettura design fashion in fumo decibel vedi le altre 
e-mail    password password persa? registrati ora!


INTERVENTI CON PAROLE CHIAVE 'ORNELLA FAZZINA'
 
SPAZI DEL CONTEMPORANEO IN SICILIA


GALLERIA CIVICA D’ARTE CONTEMPORANEA MONTEVERGINI
Via Santa Lucia alla Badia, 1 - 96100 Siracusa

mercoledì 9 novembre 2011, ore 18.30


Ornella Fazzina
SPAZI DEL CONTEMPORANEO IN SICILIA

Nuove realtà per l’arte del presente
LetteraVentidue Edizioni, 2011


Presentazione del libro e dibattito sul tema

LO STATO DELL’ARTE CONTEMPORANEA IN SICILIA


con interventi di

Roberto Visentin, Sindaco, Comune di Siracusa

Mariella Muti, Assessore alle politiche culturali, Comune di Siracusa

Sebastiano Missineo, Assessore regionale ai beni culturali e identità siciliana

Michele Romano, Cocuratore della collana Hdemia Books

Ornella Fazzina, Accademia di Belle Arti di Catania

Francesco Gallo, Accademia di Belle Arti di Roma

Paolo Brodbeck, Presidente Fondazione Brodbeck

Vincenzo Indaco, Presidente Accademia diBelle Arti di Catania

Carmelo Nicosia, Direttore Accademia di Belle Arti di Catania

Andrea Bartoli, Presidente Farm Cultural Park


Links di interesse correlato:

Fondazione Puglisi Casentino

Riso, Museo d’Arte Contemporanea della Sicilia

Farm Cultural Park

Fondazione Sambuca

Belice/Epicentro della Memoria Viva

Museo dell’immagine “Terz’occhio- Meridiani di luce”

Fondazione Brodbeck Arte Contemporanea

Ornella Fazzina – BTA Bollettino Telematico dell’Arte

Giuseppe Carrubba, Il museo contemporaneo. Un libro sulle strutture, lo spazio espositivo e le politiche culturali, in BTA – Bollettino Telematico dell’Arte, n. 416, 11 dicembre 2005



di Giuseppe Carrubba
visita il blog MOUNTAINS O' THINGS

 
Cuore di pietra

Noto, Siracusa - 06 agosto 2007

Ritorno ad occupare questo spazio dopo un periodo intimista di crisi e di riflessione.

Ho ascoltato tanta musica e parlato con le persone; lo so a volte aiuta, quando ci sono dei cambiamenti o quando finisce una storia importante.

 

Quest’estate ero in Sicilia. Una sera a Noto (Siracusa), la capitale del barocco, ho incontrato Mili Romano, artista e docente all’Accademia di Belle Arti di Bologna, in occasione della presentazione del suo libro “Cuore di pietra”, un progetto di Public Art a Pianoro (Bologna), con videoproiezione.

A presentare il libro e a sollecitare il dibattito e le dovute riflessioni critiche c’era Ornella Fazzina, critico d’arte e docente all’Accademia di Belle Arti di Palermo, che intervistava l’autrice.

 

Mi piace l’etica e la poetica operativa di questa artista nel suo modo di intendere l’arte pubblica, perchè le dà un valore in rapporto alla capacità di stimolare relazioni e processi, sociali, intellettivi e visionari.

La sua arte pubblica nasce nei quartieri delle città con progetti pensati per spazi site e contest specific. In questo senso l’arte ha una chiara funzione politica e sociale, in modo da incidere nello spazio storico e culturale delle persone: la coscienza individuale e collettiva.

 

Mili Romano l’ho conosciuta qualche anno fa a Bologna alla Galleria neon>campobase per la giornata di studio “Politica culturale e territorio”, in qell’occasione presentava proprio l’inizio del progetto “Cuore di pietra” con entusiasmo e passione.

 

Il progetto è un intervento di arte pubblica nato come reazione alla demolizione delle case ex-IACP in un’area del territorio pianorese, un paese della periferia di Bologna, destinata ad una nuova riqualificazione urbanistica.

“Cuore di pietra” ha inizio nel marzo del 2005 con l’affissione di manifesti per le strade di Pianoro e l’esposizione degli stessi fuori dalle finestre.

Così i manifesti, raffiguranti la bandiera italiana con la scritta “W la Resistenza”, vennero esposti seguendo la prassi consolidata in Emilia Romagna del 25 aprile.

Questa storia nasce in questo modo, con la partecipazione attiva e condivisa degli abitanti che invece di subire il cambiamento e le trasformazioni di un luogo, lo spazio civile e sociale di un paese, hanno deciso di partecipare e di riflettere sul mutamento, sulla memoria e sull’identità.

 

“Cuore di pietra”, un progetto collettivo e in progress, accompagna il cambiamento urbanistico e antropologico di un paese, sollecitando il pensiero critico e creativo dei suoi abitanti, con interventi artistici sia stabili che provvisori, il cui fine non è soltanto il miglioramento estetico di un luogo, ma la qualità della vita e lo stimolo di nuove reazioni e nuovi comportamenti sociali, dove il concetto di “relazione” e di “condivisione” mettono in atto la progettualità operativa e le  nuove identità.

 

Il progetto si concluderà nel 2011, quando saranno ultimati i lavori di riqualificazione dell’area interessata, e prevede azioni di sinergia tra abitanti, artisti e curatori.

 

La pubblicazione del primo “Quaderno” cartaceo, con allegato un DVD, documenta la prima fase del lavoro nel territorio con le scuole elementari e medie e con gli abitanti. Gli anziani e gli adolescenti stabiliscono un collegamento nel discorso sull’identità e sulla memoria in rapporto alle tracce e ai modi di abitare.

 

Mili Romano, Cuore di pietra. Un progetto di public art a Pianoro, Bologna, CLUEB, 2007

 

 

Links

 

Galleria neon>campobase

 

Mili Romano – galleria neon>campobase

 

Nicola Desiderio, Dar voce alle pietre in una città di cemento, in “Arcomai. Movimento in atto tra architettura e progetto urbano”, Bologna, 30 aprile 2005.

 

Ornella Fazzina, Cuore di Pietra. Mili Romano e la funzione politica e sociale dell’arte, in “BTA- Bollettino Telematico dell’Arte”, 25 agosto 2007, n. 465

 



di Giuseppe Carrubba
visita il blog MOUNTAINS O' THINGS

scritto 28/08/2007 20:59:00 | permalink | commenta | lista commenti (0) | invia il post ad un amico | parole chiave: cuore di pietra mili romano arte pubblica neon>campobase ornella fazzina


messaggi trovati: 2
 






     Exibart.
   Pubblicazione iscritta nel registro della stampa del Tribunale di Firenze con il n. 5069/01.
   Direttore Responsabile: Matteo Bergamini
   Direttore Editoriale: Cesare Biasini Selvaggi
   Direttore Commerciale: Federico Pazzagli - fax: 06/89280543
   Amministrazione: amministrazione@exibart.com -fax: 06/89280277