blog@exibart.com
home inaugurazioni calendario speed-news forum annunci concorsi sondaggi commenti pubblicità contatti
Exibart.platform > onpaper mobile bookshop rss radio tv alert newsletter segnala blog
recensioni > roma milano napoli venezia torino toscana vedi le altre 
rubriche > libri architettura design fashion in fumo decibel vedi le altre 
e-mail    password password persa? registrati ora!


INTERVENTI CON PAROLE CHIAVE 'RAI'
 
Invito alla cerimonia di premiazione ITALIAN LIBERTY



La cerimonia di premiazione del terzo  premio internazionale foto & video ITALIAN LIBERTY si tiene domenica 13 dicembre presso l’Hotel Corallo di Riccione alle ore 17:30 con intermezzi canori del Maestro Andrea Bianchino.

L’ingresso è libero e a tutti i partecipanti sarà rilasciato la monografia ''Villa Masini. Uno scrigno d'arte e ingegno a Montevarchi'' offerta dall'Associazione Nuove Direzioni.

Sarai accolto da due modelle che vestono preziosi abiti ricamati a merletto, opera di Nadia Fidanzi. All'ingresso dell'hotel Corallo sarà esposta l'auto appartenuta ad Al Capone.

Per informazioni rivolgersi allo 0541.600807 (rif. Pierpaolo o reception).

LINK: www.italialiberty.it/ concorsofotografico



di Andrea Speziali
visita il blog IL NOTIZIARIO DI ANDREA SPEZIALI

scritto 21/11/2015 19:13:18 | permalink | commenta | lista commenti (0) | invia il post ad un amico | parole chiave: nadia fidanzi ada friello al capone auto d'epoca adele cammarata adele graziani adria corradi adrian gaucan adriana aimone aisa luise alberta puccinelli alberto mazzucato aleksandra obradovic alessandra beni alessandra bonasera alessandra facchinetti alessandra latini alessandra rovida alessandro angelo carlo raineri alessandro bisogno alessandro fidato alessandro marchetti alessandro mendozzi alessandro orlandi alessandro pieroni alessandro previdi alessandro riente alessandro rosario rizza alessandro santucci alessandro sanvitale alessandro serratore alessia ambrosetti alessia bernardini alessia crivello alessia macor alessia mazza alessia piccinini alfredo bonaventura alice godone alida baltuzzi amanti della seta amin gino fabbrucci barbagli ana pavic andrea ceccobelli andrea daddi andrea lombardi andrea marino andrea paoletti andrea pasquale angiuli andrea piccirilli andrea piotto andrea rui andrea speziali angela laganà e francesca paolino angelica lugli angelo battista angelo di cicco angelo galani angelo palmieri angelo raffaele battista angelo scuderi anita titi anna bersa anna caterina angione anna daniela ingletto anna maria de robertis anna marinucci anna marzia soria anna nesci anna raimondi anna sanguini annalaura pancetti annalisa gallo annalisa mauro annamaria capicchioni annamaria zappatore annia livia pacchiarotti anny wu anselmo orsi antonella autorino antonella marcucci antonia rana antonina maionara antonino azzarà antonio barberis antonio damanti antonio riefolo antonio salzano antonio silvi antónio tedim aristide conte armando biblioteca ashif ridwan augusta rossi aurora franzosi aurora perleonardi balazs juhasz balint juhas barbara benvenuti barbara dotti barbara giambartolomei barbara magni barbara renzi barbaro savuto beatrice marrone beatrice notarnicola beatrice rinaudo benedetta picco biagio granata biancamaria zuccollo bogdan gottardo boujlida dounia brian romeijn camille constanty carla bacchini carla bini carlo dalla vecchia carlo de cristofaro carlo lupatini carlo marchesano carlo silva carlo vivirito carlos cesar muniz pinto carlos perez antonio carlotta fadalti carmelo amato carmelo vecchio carmen mazza carolina facioni cassandra monti cecilia gatto chiara caldaronello chiara casalone chiara cavaliere chiara cretella chiara vallarino chris morri christophe angst cinzia ferrari cinzia grasso ciro amato ciro foschi clara bonitti clara judith carrizales claudia codazzi claudia mazzoli claudia notarnicola claudia peroni claudia sacchetti claudia sanso claudio gotta claudio mazzocchi claudio scialanga claudio trevisan clorinda galasso concetta maria muncivì concetta scuderi cosimo cardea cristina ciciarelli cristina colpo cristina corsi cristina limonta cristina morelli cristina paladini cristina rivelli cristina trucco cristina valdambrini daniela alberghini daniela appice daniela dirani daniela ghione daniela graglia daniela greco daniela grifeo daniela lomio daniele gulinelli daniele pavesi daniele rech daria morelli dario giangolzian agopian dario licciardello david spiel davide del vecchio davide enrico sacco davide faccio davide palmisano davide peluso davide perdomo davide rizzo davide scurati davide toniolo davide vacher debora di donato delfina truccato campanella delia pistacchio denis pedrotti denise italiano diego bonacina diego santin diletta siccardi dino ciardi domenico cristiano drago donatella baronchelli donatella basaglia donatella bonvicini donatella torcoletti donatella vicentini donato natuzzi edoardo de santis edoardo sansa eduardo verneau elena antonini elena bacciocchi elena giammartini elena grossi elena jamilah mamluk elena mosso elena pacca elena valeva eleonora deri eleonora geppi eligio verazzi elio barberio elisa borasca elisa della vecchia elisa marenda elisa valente elisabeth rass elisabetta cacioppo elisabetta martini emanuela villa emanuele ortoleva emanuele rinaldi emiliano cirilli ennio belli ennio cistaro ennio demori enrica brusa enrico benedettelli enrico dilda enrico la spina enrico lattanzi enrico pelos enrico prete esmeralda rucci ester distefano eugenia angelini eugenio novajra eugenio valletta fabio battaglino fabio bau' fabio cauli fabio mancini fabio marsella fabio ornago fabiola d'alessandro fabrizio aleotti fabrizio barbers fabrizio di meo fabrizio livi fabrizio magrì federica campagna federica dioli federica pizzi federica rocco federica rossi federica villa federico rinoldi filippo borghi filippo d'altamura filippo forchino filippo papa filippo tornambé fiore dal santo fiorella viscontini fiorenza gorio flavia milioni flavio bisaro franca callegari franca francella franca reggio francesca annese francesca belcastro francesca berneri francesca ficarra francesca mancini francesca montorfano francesca palmucci francesca pansera francesca ranza francesca romana petrucci francesca strafino francesca tassinari francesco antonelli francesco campigli francesco fiori francesco giuseppe atzeni francesco giustino francesco iacopini francesco maria mariotti francesco martorana francesco meoli francesco noferini francesco ruocco franco bussolino franco paletta fulvio grande furio tiddi gabriel decianu gabriele agostini gabriele cabassi gabriele chiocchetti gabriele de micheli gabriele macorini gabriele romeo gabriele teti gabriella gigli gabriella paggi gabriella paola lonzi gabriella tettamanti gaia marangon georgios lagionis giacomo colombo giacomo pumilia giada calamida giada palladini gian luca diamanti gian piero pisuttu giancarlo lamio gianfranco brevetto gianfranco giraudo gianfranco radice gianfranco santiprosperi gianluca presto gianluigi gelmini gianna cortesi gianna di bona gianni cesari gianni ciarlo gianpaolo occelli ginesio hulsepete giorgia facioni giorgia la placa giorgio adragna giorgio berga giorgio maria silvano giorgio marinelli giorgio tavella giovanna glatz giovanna polito giovanni ciarlo giovanni de leo giovanni ferrario giovanni gangi giovanni parodi giovanni pastorino giovanni varetto giovanni vicari girolamo cannatà giuditta chiaramonte giulia agabitini giulia carbonara giulia gentili giulia montaperto giulia raccuglia giulia savasta giulia semenzin giulia zagrebelsky giuliana berti giuliana gualandi giulio gigante giulio petrassi giulio zucchi giuseppe agnoletti giuseppe amodeo giuseppe de marte giuseppe di giorgio giuseppe dragna giuseppe miguel manzotti giuseppe modafferi giuseppe nuzzo giuseppe tabarelli giuseppe viarizzo giuseppe zanin giuseppina giambarresi giusi vasta giustina czosnyka grace cortez ortiz grazia coppolecchia gruppo basile gualtiero fergnani guido biancalani guido marazzi hemza benyoucef iacopo giannini ilaria gori ilario moretti ingrid bencini innocenzo di lisi irena willard irene tommasi iris di pietro irma rossi isabella bembo  isabella quaranta isabelle petit jacopo bertella jacopo scampini jacques lasserre jerferson permejo joanna camille ladesma julia cavalieri kathleen aranzaso katia zambon konrad masiero kristel pisani massamormile laura bolognesi laura caldognetto laura caligiuri laura carlodalatri laura menesini laura porpora laura pozzi laura spizzichino leda pace leonardo camellino letizia bagnato liana rispoli liceo artistico sarandì lidia trivisano linda blasi lisa bidini lisa chieregato loredana d'ugo loredana lo fiego lorena tortora lorenza cavallo lorenza gialloreto lorenzo calandri lorenzo crovetto lorenzo davighi lorenzo naia lorenzo pellegrini lorenzo pessani luca arnone luca balzarini luca capecchi luca cassine luca dal canto luca paccusse luca pivotto luca sabbatucci luca scarpa luca straccioni luca tosini lucia clerici lucia palumbo lucia ravanetti lucia stanga luciana caricato luciana majoni luciano lusetti luciano romeo luigi caracappa luigi casavecchia luigi matteoni luigi svezia luisa toffoli manlio cinti manuela arsié manuela carluccio manuela costa manuela russo manuele mandrile manuele salvetti manuella miele marcella cicchino marcella scalia marcello tumminello marcelo bacellar marco cicio marco columbu marco de tomasi marco giovanni casiraghi marco leoni marco maggi marco mariani marco mazzon marco menichi marco morra marco pascucci marco ragaini marco stefanelli margherita corrado margot lenzi maria alessandra ruzzetta maria ausiliatrice butera maria beatrice servi maria benedetta mioni maria binaggia maria caterina bonuccelli maria curci maria fichera maria fortarezza maria gabriella adamo maria giovanna senatore maria lucia ferracane maria luisa gambino maria madeo maria mezzatesta maria pia gerini maria pia settin maria piera moraglia maria rosaria granata maria torre mariagrazia dinoia marica fae marika pauletto marilena martiradonna marina anselmi marina de rosa marina grotti marina verza marino paroli mario bergami mario mameli mario ristori mario villa marisa el betty marta abelli marta meniconi marta nurra marta parenti marta pin marta verdi martha di ciaccio martina di bona martina ledda martina mondaini martina vegni marzia caredda marzia todeschini masoudeh miri massimiliano frisone massimiliano giuliani massimiliano monnecchi massimiliano montanari massimiliano rastello massimiliano sammaciccia massimo battaglia massimo caiazza massimo campanari massimo cosentino massimo manenti massimo messere massimo parlanti mathieu dugelay matteo cordaro matteo flore matteo grande matteo migliorini matteo pennisi mattia anemona mattia bodo mattia camellini mattia maniscalco mattia repetto maurizio capone maurizio franzosi maurizio genovese maurizio monti maurizio moroni maurizio veri mauro ferrari mauro fiori mauro fiorina mauro magnati max cascini melissa torcoli michela lucarelli michela mucciarelli michela palladino michele chiomenti michele ghigo michele sartoris michele vannella mila michelassi mimma livini mirella merino mitia cugusi monica benassi monica chiale monica raiteri monica ravalico monica russo monica tellini monica tettamanzi muammer özal nadia cecconi naomi buonazia nerina angi nevio battistuta nicola bertellotti nicola comito nicola grande nicola zanella nicola zanichelli nicole feliziani nicoletta urbano ninfa oriana d'accardi olga harmsen orietta bottazzo ornella pellegrino ozren majeric paola bottini paola caterina sala paola licciardi paola mantica paola mignani paola parodi paola portagnuolo paola vivian paola zola paolo colombo paolo madrussa paolo maria bonora paolo scerpena paolo sestri paolo spadaro paolo torresan paolo zannelli paolo zanzi pasquale bellino pasquale di filippo pasquale marinelli patrizia emiliani patrizia forte patrizia gallina patrizia giannelli paulo marcelo peralta petrocelli antonio pier paolo galletti pier paolo piazza pierangela porcu pieranna manara pierfederico favia piero arrigo piero caraci pierpaolo montagna pierpaolo tuveri pietro aldighieri pietro bernardi pietro costantini pietro maurizio gucciardi pietro ponti pietro scolorato pietro torre pietro urgesi raffaele passoni raffaele porreca raffaele zerbinati raffaella cardinali raffaella di stolfo raffaella giove raffaella risso raphaëlle leduc raquel aparicio seda rebecca bellino riccardo fadaldi riccardo giulietti richard demers rita coppolino rita de nardi rita sommariva roberta gravino roberta maderi roberta pellegrini roberto bottazzo roberto cicio roberto dell'agnello roberto depratti roberto di patrizi roberto fracassi roberto marconi roberto melis roberto oliva roberto piu roberto reggiani roberto traverso rocco mortelliti rodolfo caglia roger seganti rosangela spina rosanna cassano rosaria benedetta favata rosario angellotti rosella fogli rosetta granziero rosita la monica rossana ingaldi rossella baselice rossella convertino rossella fenili ruggero piperno sabbatino molaro samantha ranieri samira mosca sandro galante sandro monari sara arrabito sara castracani sara desiree paparella sara giambrone sara lazarevic sara moretti sara nanni sara piloto sara visintainer sebastian alexandre serena cartellà sergio bezzi sergio ramari settimia sorace silvana ferreri silvana orlandini silvano zingoni silvia fini silvia lo russo silvia salvini silvia stella galimberti silvia urbani silvio campione simona damato simona pons simona restuccia simone baldo simone cappai simone de bartolo simone fracasso simone iannuzziello simonetta demuro simonetta montonato stefania cartechini stefania grelloni stefania grignetti stefania miotto stefania scotti stefano barattini stefano corgnati stefano elegibili stefano fuschetto stefano maruzzo stefano milazzo stefano montaguti stefano motta stefano regi stefano scagliarini stefano scatarzi stefano semenzato stefano vannucchi sveva bernardini tarcisio bottani tatsuya ouchi tecla salvatori teresa righetti tino cantoro tito prato tiziana quirico tiziana trabucchi tiziano biasoli tobia piccoli tommaso negri tretiakov pavlo ugo matone umberto di porzio umberto stefano urso marco ursula fait valentina buttignon valentina cristini valentina filamingo valentina franzone valentina zanaga valeria dattilo valeria frezza valeria romano valeria tombetti valeria virano valter liotto vargiu sara veronica ballante veronika scurto vincenzo giovinazzo vincenzo pentangelo viola malagoli tagliazucchi virgilio bellomo vitalina parisi vito distante vito migliore vittorio adriano vittorio lovri viviana di leo vladimir mirabal wagner alexandre de cunto wally violati yari tumiatti ylenia covalea yulia ryzhenko zeudi giovannini andrea bianchino andrea speziali cecilia casadei vittorio sgarbi paolo manazza manuela valentini laura novak renata tosi tirincanti vittorio milesi roberto buda daniela gay ernestina de paola aitm art sallusti sylos labini fontana gallo media internazionali rai tg regionali regione emilia romagna riccione hotel corallo liberty art nouveau jugendstil
 
Grand Hotel Leonardo da Vinci, inaugurato il 5 stelle di Cesenatico

In foto Andrea Speziali, autore di Romagna Liberty

Cesenatico, 27 luglio 2013 - Fra le centinaia di ospiti accorsi per l’inaugurazione del nuovo albergo a cinque stelle di Antonio Batani, a Cesenatico si sono dati appuntamento parecchi vip, autorità e personaggi noti.
Fra questi non è un caso che fra gli ospiti d’onore vi fosse il sindaco di Verona, Flavio Tosi, in quanto era fra le migliaia di bambini veronesi che all’età di sei anni si trasferivano a turno per due settimane proprio alla colonia Veronese (l’edificio storico da cui è stato ricavato il Grand Hotel Leonardo da Vinci), per trascorrere le vacanze estive e godere dei benefici della salsedine e dell’aria di mare. Assieme a Tosi altri volti noti, tra i quali il presidente di Confindustria Giorgio Squinzi e il presentatore della Rai Massimo Giletti, che ha condotto la serata.


Fonte: http://www.ilrestodelcarlino.it/cesena/provincia/2013/07/27/926233-inaugurazione-grand-hotel-leonardo-da-vinci-cesenatico.shtml


di Andrea Speziali
visita il blog IL NOTIZIARIO DI ANDREA SPEZIALI

 
Mine vaganti...

Invento progetti per la comunicazione del design. Giorgio Tartaro, giornalista professionista, autore RAI e volto Sky. Ma quante professionalità custodisce ancora nel cassetto?

Inizia così la mia intervista virtuale alla prima mina vagante del settore culturale italiano. Un talento raro, eclettico, ambizioso, che si distingue su tutti gli altri per l'operato integro, pulito e sincero. Nell'autodefinizione che fa di se stesso Giorgio non indugia a nomenclare tutte le esperienze di studio e di lavoro fatte finora, con una sicurezza propria di chi è consapevole del proprio processo di crescita e ne fortifica giorno dopo giorno le fondamenta. Dalla RAI a Sky TV, passando per l'editoriale Domus e l'insegnamento al Politecnico di Milano, una carriera in continua crescita, graduale e faticosamente conquistata, che gli ha già portato numerose soddisfazioni. Viene quasi spontaneo chiedersi quali siano i suoi obiettivi ora che è arrivato al successo e alla notorietà. L’ho intervistato attraverso una modalità del tutto nuova, una corrispondenza epistolare interattiva, cui Giorgio ha accettato di partecipare fin da subito. Il motivo? La continue 'transumanze' cui si sottopone ogni giorno, come dice lui stesso, le quali lo costringono a viaggiare di continuo in treno, su e giù per l'Italia. La corrispondenza coi media attraverso il palmare, oltre che con gli amici, diviene così, in un'epoca dove tutto si rincorre e ci rincorre senza tregua, un modo per mantenere vive le proprie relazioni sociali o crearne di nuove, investendo concretamente il proprio tempo senza perderlo su un treno, tra una stazione e l'altra, guardando fuori dal finestrino...

Di strada finora ne hai fatta, e tanta, ma quand'è che si è verificato in te il cambiamento? Quand'è che hai capito d'iniziare a decollare? O senti di dover raggiungere ancora altri obiettivi? Quali?

Un vero e proprio cambiamento non l'ho mai avvertito. E' stato tutto molto graduale e conquistato. Ci sono stati dei salti, come il lavoro di autore in RAI, Lezioni di Design, Compasso d'Oro, poi l'assunzione a tempo determinato a Domus... Poi l'avventura in video, con tv locali prima e poi con il Gruppo Sitcom, Leonardo e Alice,  Sky TV. Certo, vedersi riconoscere per strada in tutta Italia fa un certo effetto... 
Obiettivi? Trovare piattaforme sempre più professionali (network più importanti, nonostante la mia riconoscenza al gruppo Sitcom) e parlare con format adeguati a raggiungere un pubblico motivato e vasto...

Immaginavo che il cambiamento fosse stato graduale così come per gradi sta avvenendo il continuo perfezionamento del tuo progetto itinerante et in fieri per la comunicazione del design. Ma nel privato reputi ugualmente di essere un razionale perfezionista o la passione per la musica – ricordiamo ai lettori che sei anche diplomato al Conservatorio - ti rende, in un certo senso, appassionato artistoide (in senso buono ovviamente)?

Nel privato...  Sempre più difficile mantenere una dimensione privata quando entri in un negozio in montagna e ti fanno i complimenti per la trasmissione. Il privato esiste, eccome. La mia famiglia, i due bimbi, protettissimi da qualsiasi "spammata" mediatica. Artistoide?. Mah, sicuramente chi mi conosce bene pensa, immagino, che io sia un semipazzo razionale, un istrionico determinato... E' che la condizione ossimorica è davvero l'unica praticabile ai giorni nostri, soprattutto se si fa un lavoro, anzi, più lavori, che mischiano preparazione, brand di se stessi, nodi di una rete, lobby di competenze...

Dunque, privato per Giorgio uguale figli. E Giorgio? Oltre ad essere un giornalista professionista, com'è realmente Giorgio? Nella condizione ossimorica da te descritta io ci vedo un garbato equilibrio interiore piuttosto che un conflitto elettrico. E con questo termino le domande personali...

Sì, diciamo più garbato equilibrio che conflitto elettrico. O forse… agognato equilibrio.

Passiamo ora al tuo lavoro. Come mai, dopo intere puntate in cui gli ospiti venivano nella tua trasmissione (ricordiamo ai lettori l'intervista che hai realizzato al light designer Nanni, all’Arch. Martiniello, etc.), hai deciso di effettuare questo cambiamento per cui adesso sei tu che ti sposti continuamente e visiti gli ambienti lavorativi del settore architettura, arte e soprattutto design?

Quello cui ti riferisci ora è un nuovo format, A2, nel quale vado a visitare gli architetti nei loro studi, nelle loro case. E' una puntata di un'ora, post prodotta, che richiede molte ore di lavoro. Design.book continua con successo e sono interviste in studio registrate in presa diretta. Poi faccio anche piccoli interventi come inviato speciale di Tendenze Casa... Più promo, spot, ecc. Insomma, volto del canale Leonardo...

Già, il volto rasserenante di Leonardo direi. Oltre alla ricchezza dei contenuti di cui sei espressione più che riuscita del canale in questione. Hai citato Tendenze Casa. Ecco, parliamo di tendenza. In che misura secondo te il design - intendendo per esso proprio la base del processo di realizzazione degli oggetti - è anticipatore di nuove tendenze in ambito sociale? Fino a che punto esso può essere lungimirante?

Diciamo che tutto il filone della sostenibilità, dal design all'architettura, è ormai insito nel progetto, per legge e per forza di cose. Quindi il progetto, perlomeno sulla carta, è da tempo "sostenibile" e migliorativo. Se una tendenza si vuol trovare, occorre andare nella compartecipazione, nell'interazione. Sempre più progetti sono il risultato di bisogni di una comunità, condivisione di ricerche, indicazioni di mercato. La strada è ancora lunga ma la legge del "custom" può valere anche per il progetto, soprattutto per quanto riguarda applicazione di nuove tecnologie e materiali.

A proposito di nuove tecnologie e materiali... Ho da poco scovato un’intervista che hai rilasciato qualche anno fa, in cui affrontavi la questione affermando che auspicavi un superamento delle mode (e delle forme) in ambito architettonico. Mi sembra di percepire dalla tua risposta che la problematica sia ancora aperta nonostante le correnti 'liquide' degli ultimi anni (vedi Z. Bauman e M. Novak), le quali, per certi aspetti, hanno addirittura minato la tradizionale 'tettonica'. Non credi, invece, che in quest'epoca di crisi, soprattutto d'identità e valori, sia necessaria una riappropriazione consapevole di quelle forme?

Posso citare Fuksas, che ho intervistato qualche mese fa per A2. Non è un problema di forma dell'architettura, ma di emozione e appropriazione. Sono forse finiti gli stili come li intendiamo e l'architettura deve rispondere a un luogo, a una comunità, agli individui. Ma qui si apre un dibattito sulle archistar che è meglio tralasciare. Certo, il concorso può essere una buona soluzione di compromesso tra richiesta della committenza e segno/progetto dell'architetto. Mi risulta però che, soprattutto in Italia, non se ne facciano molti. Ogni impresa o sviluppatore ha il proprio architetto e le assegnazioni si fanno spesso al ribasso.

Preferisco anch'io tralasciare il dibattito, trito e ritrito, sulle archistar. Pensa che pure nel settore dell'arte si parla di artistar, Damien Hirst, in prima linea, seguito da Cattelan, Koons, Murakami… Dunque, quello su cui focalizzerei a questo punto l'attenzione è proprio il concetto di topos (intendendo sia lo spazio fruibile che l'uomo stesso che lo occupa), cui l'architettura e il design si trovano a rispondere. Come ti risulta mutato questo spazio oggi? E - per te che sei addetto ai lavori - come l'hanno celebrato i Saloni di Milano dopo 50 anni di manifestazioni fieristiche?

Lo spazio muta, gli spazi mutano. Ho visto fondamentalmente velocità differenti, anche nella tua citazione dei maestri e un "eclettismo del tempo". Si mischia, si cita, si interagisce e la categoria dell'effimero entra prepotentemente nei cataloghi delle aziende. Divani presentati al salone che si riproporzionano e cambiano le dimensioni, cose mai viste. A questo Salone abbiamo finalmente visto proposte che sono più scenario che prodotto chiuso. Idee e immagini del brand suscettibili di correzione, interazione... Tante nuove proposte, meno assiomatiche e aprioristiche, insomma.

Ecco il punto. Lo definisci eclettismo del tempo. E lo individui in molti settori dell'arte, dall'architettura al design. Insomma, quello che sta accadendo oggi nel campo del design somiglia molto a ciò che già si riscontra da tempo nell'architettura: vengono presentati progetti interattivi spinti, immagini con renderizzazioni effimere, ma tutto ciò risponde poi alle reali esigenze del consumatore? Credi che l'utenza finale gradisca davvero le variazioni creative del progettista o essa necessiterebbe di più concreti punti di riferimento?

Credo che si viva in un'epoca con davvero pochi punti di riferimento. L'unica vera realtà è la condivisione, per comunità, di informazioni. Non vedo l'effimero quale categoria necessariamente negativa. Forse il troppo finito, il prodotto imposto dall'alto e stereotipato ha terminato la propria funzione (parlo ovviamente di terreni di frontiera). E' comunque necessario cambiare la prospettiva di giudizio.

E dunque… Come si può giungere, secondo il tuo parere di profondo osservatore e studioso del settore, al cambiamento? Secondo quale prospettiva di giudizio (e non necessariamente di giudizio) bisognerebbe guardare avanti e auspicarsi una nuova fase d'implementazione del prodotto? Quali potrebbero essere i nuovi punti di riferimento che valgono sia per i professionisti che per i diretti usufruitori del prodotto finito?

Risponderei con un'unica indicazione, che in parte riprende quanto detto sino ad ora. L'unica via di sviluppo o crescita o innovazione, dato per scontati e acquisiti i criteri di sostenibilità, etica, grado di novità, ecc. del prodotto, è quella dell'interattività e della crescita condivisa. Cioè non tanto la customizzazione esasperata e il prodotto di serie che diviene unico (stile migliaia di combinazioni possibili del mondo dell'auto), quanto piuttosto la partecipazione di comunità alla realizzazione di una serie di prodotti. Nessuno nega nulla e alcuna funzione, ma proprio nell'epoca dell'informazione condivisa e rettificata just in time, perché non lavorare a progetti che nascano da un'oligarchia di menti, esperte in diversi campi, guidate da un capo progetto? La storia insegna che molte equipe di ricerca erano organizzate in questo modo. Oggi però sarebbe un gruppo di lavoro remoto, ingaggiato, sollecitato, spronato, verificato sul campo, sui campi. Mi stupisce che ancora nessun grande ci abbia pensato. Forse è un progetto utopico, snob, improponibile, fallimentare, ma la storia insegna che occorre anche questo.

di Angela Russo



di Angela Russo
visita il blog Avant-garde

 
Udite, udite... Il Presidente del Museo di Rivoli, Minoli, spiega la sua ipotesi sul futuro del Castello...

Masi, l'ex direttore generale più bersagliato nella storia della radiotelevisione italiana. Una "cozza" in perenne abito gessato, baffetto curato e fazzoletto bianco nel taschino...

Il presidente del Museo di Rivoli, Giovanni Minoli ha voluto attendere l'inaugurazione dell'esposizione "Arte Povera 2011" di Sabato 8 ottobre,  per fare il punto sulla situazione di un museo che da molti mesi è bersagliato dalle critiche.

Chiama in causa la sua esperienza di uomo della televisione: "Il modello da emulare è quello della Rai, che ha un direttore generale e tre direttori di rete. Così dovrebbe essere per l'arte".
_________

Poveri noi!!!! 

La RAI  perderà anche quest'anno  decine di milioni di euro e la pubblicità  scenderà sotto il 20% dello scorso anno.
La casta dell'ente dal Presidente ai direttori, dai consiglieri ai dirigenti sono tutti di nomina politica, il resto, capostrutture e di programmisti sono tutti raccomandati dai partiti, esiste poi  all’interno e all’esterno della struttura il nepotismo più diffuso dell'universo.

Da decenni si dice che la Rai è la principale "azienda" culturale del Paese. Ma più che come un’azienda culturale sta comportandosi come un carrozzone burocratico e fazioso.

Il Presidente Minoli poteva fare altri esempi, non di  un sistema dove l'ombra lunga degli interessi di partito si sostituisce a chiunque abbia preparazione, volontà e capacità, dove chiunque saprebbe fare meglio, nessuno potrebbe essere peggio......

http://www3.lastampa.it/torino/sezioni/cultura/articolo/lstp/423940/
 

di "Nel poeta e nell'artista c'è l'infinito."
visita il blog VOCAZIONE VAGABONDO per L'ARTE

 
La cultura ed uno sfogo leghista


Non sono mai stato della Lega e mi sono sempre tenuto lontano da ogni ismo che il movimento del Senatùr & Co. hanno sostenuto in tanti anni di celodurismo, bandiere italiane "da appendere al cesso" e tutti i discorsi da circo che sono stati fatti. Ma pure qualche problema intelligente questa forza politica l'ha posto (spesso dandovi risposte sbagliate o non all'altezza). E uno di questi è quanto conti realmente il Nord sul piano nazionale, dato che - per le inefficienze del sistema politico, informativo e culturale - per troppo tempo è rimasto ai margini dell'attenzione nazionale.
Pensavo questo mentre stavo ascoltando Ventotto minuti su Radio 2, l'insopportabile trasmissione di Barbara Palombelli, esempio della borghesia liberal all'acqua di rose ("de sinistra"), che invitava gli ascoltatori ad andare ad una presentazione di un libro presso l'ennesimo palazzo romano del centro. Ho avuto un attacco di vomito e ho mandato sinceramente a fare in culo lei e chi fa il palinsesto radiofonico.
Non si riesce infatti ancora a rompere questa logica incredibile per cui ciò che capita a Roma o a Milano capita all'Italia intera, anche culturalmente. Nessuno si è accorto che ad esempio il Nordest ha smesso di essere periferia attivando dei processi culturali avanzati (con case editrici, festival, design, gallerie, ecc.) nonostante l'epopea dei mille cornuti - celtici - della Lega, nonostante il sindaco Sceriffo che suggerisce di sparare agli immigrati travestendoli da leprotti, nonostante la simpatia di Brunetta o le puttane di Arcore?


di daniele capra
visita il blog BASTIANCONTRARIO



messaggi trovati: 14 - pagina: 1 - pagina successiva
 






     Exibart.
   Pubblicazione iscritta nel registro della stampa del Tribunale di Firenze con il n. 5069/01.
   Direttore Responsabile: Matteo Bergamini
   Direttore Editoriale: Cesare Biasini Selvaggi
   Direttore Commerciale: Federico Pazzagli - fax: 06/89280543
   Amministrazione: amministrazione@exibart.com -fax: 06/89280277