blog@exibart.com
home inaugurazioni calendario speed-news forum annunci concorsi sondaggi commenti pubblicità contatti
Exibart.platform > onpaper mobile bookshop rss radio tv alert newsletter segnala blog
recensioni > roma milano napoli venezia torino toscana vedi le altre 
rubriche > libri architettura design fashion in fumo decibel vedi le altre 
e-mail    password password persa? registrati ora!


INTERVENTI CON PAROLE CHIAVE 'REGIONE EMILIA ROMAGNA'
 
Invito alla cerimonia di premiazione ITALIAN LIBERTY



La cerimonia di premiazione del terzo  premio internazionale foto & video ITALIAN LIBERTY si tiene domenica 13 dicembre presso l’Hotel Corallo di Riccione alle ore 17:30 con intermezzi canori del Maestro Andrea Bianchino.

L’ingresso è libero e a tutti i partecipanti sarà rilasciato la monografia ''Villa Masini. Uno scrigno d'arte e ingegno a Montevarchi'' offerta dall'Associazione Nuove Direzioni.

Sarai accolto da due modelle che vestono preziosi abiti ricamati a merletto, opera di Nadia Fidanzi. All'ingresso dell'hotel Corallo sarà esposta l'auto appartenuta ad Al Capone.

Per informazioni rivolgersi allo 0541.600807 (rif. Pierpaolo o reception).

LINK: www.italialiberty.it/ concorsofotografico



di Andrea Speziali
visita il blog IL NOTIZIARIO DI ANDREA SPEZIALI

scritto 21/11/2015 19:13:18 | permalink | commenta | lista commenti (0) | invia il post ad un amico | parole chiave: nadia fidanzi ada friello al capone auto d'epoca adele cammarata adele graziani adria corradi adrian gaucan adriana aimone aisa luise alberta puccinelli alberto mazzucato aleksandra obradovic alessandra beni alessandra bonasera alessandra facchinetti alessandra latini alessandra rovida alessandro angelo carlo raineri alessandro bisogno alessandro fidato alessandro marchetti alessandro mendozzi alessandro orlandi alessandro pieroni alessandro previdi alessandro riente alessandro rosario rizza alessandro santucci alessandro sanvitale alessandro serratore alessia ambrosetti alessia bernardini alessia crivello alessia macor alessia mazza alessia piccinini alfredo bonaventura alice godone alida baltuzzi amanti della seta amin gino fabbrucci barbagli ana pavic andrea ceccobelli andrea daddi andrea lombardi andrea marino andrea paoletti andrea pasquale angiuli andrea piccirilli andrea piotto andrea rui andrea speziali angela laganà e francesca paolino angelica lugli angelo battista angelo di cicco angelo galani angelo palmieri angelo raffaele battista angelo scuderi anita titi anna bersa anna caterina angione anna daniela ingletto anna maria de robertis anna marinucci anna marzia soria anna nesci anna raimondi anna sanguini annalaura pancetti annalisa gallo annalisa mauro annamaria capicchioni annamaria zappatore annia livia pacchiarotti anny wu anselmo orsi antonella autorino antonella marcucci antonia rana antonina maionara antonino azzarà antonio barberis antonio damanti antonio riefolo antonio salzano antonio silvi antónio tedim aristide conte armando biblioteca ashif ridwan augusta rossi aurora franzosi aurora perleonardi balazs juhasz balint juhas barbara benvenuti barbara dotti barbara giambartolomei barbara magni barbara renzi barbaro savuto beatrice marrone beatrice notarnicola beatrice rinaudo benedetta picco biagio granata biancamaria zuccollo bogdan gottardo boujlida dounia brian romeijn camille constanty carla bacchini carla bini carlo dalla vecchia carlo de cristofaro carlo lupatini carlo marchesano carlo silva carlo vivirito carlos cesar muniz pinto carlos perez antonio carlotta fadalti carmelo amato carmelo vecchio carmen mazza carolina facioni cassandra monti cecilia gatto chiara caldaronello chiara casalone chiara cavaliere chiara cretella chiara vallarino chris morri christophe angst cinzia ferrari cinzia grasso ciro amato ciro foschi clara bonitti clara judith carrizales claudia codazzi claudia mazzoli claudia notarnicola claudia peroni claudia sacchetti claudia sanso claudio gotta claudio mazzocchi claudio scialanga claudio trevisan clorinda galasso concetta maria muncivì concetta scuderi cosimo cardea cristina ciciarelli cristina colpo cristina corsi cristina limonta cristina morelli cristina paladini cristina rivelli cristina trucco cristina valdambrini daniela alberghini daniela appice daniela dirani daniela ghione daniela graglia daniela greco daniela grifeo daniela lomio daniele gulinelli daniele pavesi daniele rech daria morelli dario giangolzian agopian dario licciardello david spiel davide del vecchio davide enrico sacco davide faccio davide palmisano davide peluso davide perdomo davide rizzo davide scurati davide toniolo davide vacher debora di donato delfina truccato campanella delia pistacchio denis pedrotti denise italiano diego bonacina diego santin diletta siccardi dino ciardi domenico cristiano drago donatella baronchelli donatella basaglia donatella bonvicini donatella torcoletti donatella vicentini donato natuzzi edoardo de santis edoardo sansa eduardo verneau elena antonini elena bacciocchi elena giammartini elena grossi elena jamilah mamluk elena mosso elena pacca elena valeva eleonora deri eleonora geppi eligio verazzi elio barberio elisa borasca elisa della vecchia elisa marenda elisa valente elisabeth rass elisabetta cacioppo elisabetta martini emanuela villa emanuele ortoleva emanuele rinaldi emiliano cirilli ennio belli ennio cistaro ennio demori enrica brusa enrico benedettelli enrico dilda enrico la spina enrico lattanzi enrico pelos enrico prete esmeralda rucci ester distefano eugenia angelini eugenio novajra eugenio valletta fabio battaglino fabio bau' fabio cauli fabio mancini fabio marsella fabio ornago fabiola d'alessandro fabrizio aleotti fabrizio barbers fabrizio di meo fabrizio livi fabrizio magrì federica campagna federica dioli federica pizzi federica rocco federica rossi federica villa federico rinoldi filippo borghi filippo d'altamura filippo forchino filippo papa filippo tornambé fiore dal santo fiorella viscontini fiorenza gorio flavia milioni flavio bisaro franca callegari franca francella franca reggio francesca annese francesca belcastro francesca berneri francesca ficarra francesca mancini francesca montorfano francesca palmucci francesca pansera francesca ranza francesca romana petrucci francesca strafino francesca tassinari francesco antonelli francesco campigli francesco fiori francesco giuseppe atzeni francesco giustino francesco iacopini francesco maria mariotti francesco martorana francesco meoli francesco noferini francesco ruocco franco bussolino franco paletta fulvio grande furio tiddi gabriel decianu gabriele agostini gabriele cabassi gabriele chiocchetti gabriele de micheli gabriele macorini gabriele romeo gabriele teti gabriella gigli gabriella paggi gabriella paola lonzi gabriella tettamanti gaia marangon georgios lagionis giacomo colombo giacomo pumilia giada calamida giada palladini gian luca diamanti gian piero pisuttu giancarlo lamio gianfranco brevetto gianfranco giraudo gianfranco radice gianfranco santiprosperi gianluca presto gianluigi gelmini gianna cortesi gianna di bona gianni cesari gianni ciarlo gianpaolo occelli ginesio hulsepete giorgia facioni giorgia la placa giorgio adragna giorgio berga giorgio maria silvano giorgio marinelli giorgio tavella giovanna glatz giovanna polito giovanni ciarlo giovanni de leo giovanni ferrario giovanni gangi giovanni parodi giovanni pastorino giovanni varetto giovanni vicari girolamo cannatà giuditta chiaramonte giulia agabitini giulia carbonara giulia gentili giulia montaperto giulia raccuglia giulia savasta giulia semenzin giulia zagrebelsky giuliana berti giuliana gualandi giulio gigante giulio petrassi giulio zucchi giuseppe agnoletti giuseppe amodeo giuseppe de marte giuseppe di giorgio giuseppe dragna giuseppe miguel manzotti giuseppe modafferi giuseppe nuzzo giuseppe tabarelli giuseppe viarizzo giuseppe zanin giuseppina giambarresi giusi vasta giustina czosnyka grace cortez ortiz grazia coppolecchia gruppo basile gualtiero fergnani guido biancalani guido marazzi hemza benyoucef iacopo giannini ilaria gori ilario moretti ingrid bencini innocenzo di lisi irena willard irene tommasi iris di pietro irma rossi isabella bembo  isabella quaranta isabelle petit jacopo bertella jacopo scampini jacques lasserre jerferson permejo joanna camille ladesma julia cavalieri kathleen aranzaso katia zambon konrad masiero kristel pisani massamormile laura bolognesi laura caldognetto laura caligiuri laura carlodalatri laura menesini laura porpora laura pozzi laura spizzichino leda pace leonardo camellino letizia bagnato liana rispoli liceo artistico sarandì lidia trivisano linda blasi lisa bidini lisa chieregato loredana d'ugo loredana lo fiego lorena tortora lorenza cavallo lorenza gialloreto lorenzo calandri lorenzo crovetto lorenzo davighi lorenzo naia lorenzo pellegrini lorenzo pessani luca arnone luca balzarini luca capecchi luca cassine luca dal canto luca paccusse luca pivotto luca sabbatucci luca scarpa luca straccioni luca tosini lucia clerici lucia palumbo lucia ravanetti lucia stanga luciana caricato luciana majoni luciano lusetti luciano romeo luigi caracappa luigi casavecchia luigi matteoni luigi svezia luisa toffoli manlio cinti manuela arsié manuela carluccio manuela costa manuela russo manuele mandrile manuele salvetti manuella miele marcella cicchino marcella scalia marcello tumminello marcelo bacellar marco cicio marco columbu marco de tomasi marco giovanni casiraghi marco leoni marco maggi marco mariani marco mazzon marco menichi marco morra marco pascucci marco ragaini marco stefanelli margherita corrado margot lenzi maria alessandra ruzzetta maria ausiliatrice butera maria beatrice servi maria benedetta mioni maria binaggia maria caterina bonuccelli maria curci maria fichera maria fortarezza maria gabriella adamo maria giovanna senatore maria lucia ferracane maria luisa gambino maria madeo maria mezzatesta maria pia gerini maria pia settin maria piera moraglia maria rosaria granata maria torre mariagrazia dinoia marica fae marika pauletto marilena martiradonna marina anselmi marina de rosa marina grotti marina verza marino paroli mario bergami mario mameli mario ristori mario villa marisa el betty marta abelli marta meniconi marta nurra marta parenti marta pin marta verdi martha di ciaccio martina di bona martina ledda martina mondaini martina vegni marzia caredda marzia todeschini masoudeh miri massimiliano frisone massimiliano giuliani massimiliano monnecchi massimiliano montanari massimiliano rastello massimiliano sammaciccia massimo battaglia massimo caiazza massimo campanari massimo cosentino massimo manenti massimo messere massimo parlanti mathieu dugelay matteo cordaro matteo flore matteo grande matteo migliorini matteo pennisi mattia anemona mattia bodo mattia camellini mattia maniscalco mattia repetto maurizio capone maurizio franzosi maurizio genovese maurizio monti maurizio moroni maurizio veri mauro ferrari mauro fiori mauro fiorina mauro magnati max cascini melissa torcoli michela lucarelli michela mucciarelli michela palladino michele chiomenti michele ghigo michele sartoris michele vannella mila michelassi mimma livini mirella merino mitia cugusi monica benassi monica chiale monica raiteri monica ravalico monica russo monica tellini monica tettamanzi muammer özal nadia cecconi naomi buonazia nerina angi nevio battistuta nicola bertellotti nicola comito nicola grande nicola zanella nicola zanichelli nicole feliziani nicoletta urbano ninfa oriana d'accardi olga harmsen orietta bottazzo ornella pellegrino ozren majeric paola bottini paola caterina sala paola licciardi paola mantica paola mignani paola parodi paola portagnuolo paola vivian paola zola paolo colombo paolo madrussa paolo maria bonora paolo scerpena paolo sestri paolo spadaro paolo torresan paolo zannelli paolo zanzi pasquale bellino pasquale di filippo pasquale marinelli patrizia emiliani patrizia forte patrizia gallina patrizia giannelli paulo marcelo peralta petrocelli antonio pier paolo galletti pier paolo piazza pierangela porcu pieranna manara pierfederico favia piero arrigo piero caraci pierpaolo montagna pierpaolo tuveri pietro aldighieri pietro bernardi pietro costantini pietro maurizio gucciardi pietro ponti pietro scolorato pietro torre pietro urgesi raffaele passoni raffaele porreca raffaele zerbinati raffaella cardinali raffaella di stolfo raffaella giove raffaella risso raphaëlle leduc raquel aparicio seda rebecca bellino riccardo fadaldi riccardo giulietti richard demers rita coppolino rita de nardi rita sommariva roberta gravino roberta maderi roberta pellegrini roberto bottazzo roberto cicio roberto dell'agnello roberto depratti roberto di patrizi roberto fracassi roberto marconi roberto melis roberto oliva roberto piu roberto reggiani roberto traverso rocco mortelliti rodolfo caglia roger seganti rosangela spina rosanna cassano rosaria benedetta favata rosario angellotti rosella fogli rosetta granziero rosita la monica rossana ingaldi rossella baselice rossella convertino rossella fenili ruggero piperno sabbatino molaro samantha ranieri samira mosca sandro galante sandro monari sara arrabito sara castracani sara desiree paparella sara giambrone sara lazarevic sara moretti sara nanni sara piloto sara visintainer sebastian alexandre serena cartellà sergio bezzi sergio ramari settimia sorace silvana ferreri silvana orlandini silvano zingoni silvia fini silvia lo russo silvia salvini silvia stella galimberti silvia urbani silvio campione simona damato simona pons simona restuccia simone baldo simone cappai simone de bartolo simone fracasso simone iannuzziello simonetta demuro simonetta montonato stefania cartechini stefania grelloni stefania grignetti stefania miotto stefania scotti stefano barattini stefano corgnati stefano elegibili stefano fuschetto stefano maruzzo stefano milazzo stefano montaguti stefano motta stefano regi stefano scagliarini stefano scatarzi stefano semenzato stefano vannucchi sveva bernardini tarcisio bottani tatsuya ouchi tecla salvatori teresa righetti tino cantoro tito prato tiziana quirico tiziana trabucchi tiziano biasoli tobia piccoli tommaso negri tretiakov pavlo ugo matone umberto di porzio umberto stefano urso marco ursula fait valentina buttignon valentina cristini valentina filamingo valentina franzone valentina zanaga valeria dattilo valeria frezza valeria romano valeria tombetti valeria virano valter liotto vargiu sara veronica ballante veronika scurto vincenzo giovinazzo vincenzo pentangelo viola malagoli tagliazucchi virgilio bellomo vitalina parisi vito distante vito migliore vittorio adriano vittorio lovri viviana di leo vladimir mirabal wagner alexandre de cunto wally violati yari tumiatti ylenia covalea yulia ryzhenko zeudi giovannini andrea bianchino andrea speziali cecilia casadei vittorio sgarbi paolo manazza manuela valentini laura novak renata tosi tirincanti vittorio milesi roberto buda daniela gay ernestina de paola aitm art sallusti sylos labini fontana gallo media internazionali rai tg regionali regione emilia romagna riccione hotel corallo liberty art nouveau jugendstil
 
Villa Amarissimo Riccione

Villa Amarissimo, Riccione

Tra i villini dei primi del ‘900, a Riccione, merita certamente una menzione villa Amarissimo, sorta attorno al 1928 sul viale Dante. A distanza di tanti anni la villa fortunatamente non è stata soggetta alla demolizione per far spazio a un condominio o a un albergo, seppure destinato alla nobile causa della crescita del turismo riccionese; essa è ancora lì, con le stesse linee con cui la volle far erigere il suo primo proprietario, noto farmacista di quell’epoca: Arnaldo Passerini, nato nel 1891 in provincia di Modena e deceduto attorno agli anni ’50.

Come ci racconta l’attuale proprietaria, sembra che il villino fosse stato progettato da un fratello dello stesso Arnaldo.

Arnaldo Passerini fu vicepodestà a Riccione, dove è ricordato non solo per essere stato il proprietario della farmacia dell’Amarissimo, ancora oggi  in piena attività in viale Ceccarini, e per aver controllato lo sfruttamento delle acque termali riccionesi, ma anche per il suo carattere di uomo mite e generoso, che non faceva mancare donazioni e aiuti alla popolazione.

Durante la guerra, in Italia, il ferro scarseggiava, così anche i riccionesi dovettero sottostare al regolamento nazionale che imponeva a tutti i cittadini di dare il loro contributo. Avvicinandosi il conflitto bellico bisognava costruire armi e veicoli da guerra, perciò nel 1940 furono varate disposizioni legislative per recuperare manufatti civili in acciaio, ferro e ghisa. Per la raccolta, come attesta Dante Tosi in ‘’Riccione una rotta nel vento’’, si mobilitano semplici cittadini e istituzioni, soprattutto partiti, scuole e sindacati.

Si raccoglie ferro ovunque, tra i rottami e in tutti gli angoli delle case. Camionate di metallo per una lira al chilo. Alla razzia non sfuggono le cancellate delle ville, comprese quelle artistiche che cingevano i giardini delle abitazioni dei Santangelo, Terzi, Passerini, Santi, Pullè, Pasquini e Guarnieri. Queste ultime due famiglie invano tentano di reclamare ricorrendo alla Sovrintendenza ai monumenti della Romagna.

La villa della famiglia Pasquini è villa Emilia, in viale Francesco Baracca, che oggi conserva una recinzione in legno. La villa Amarissimo come la villa Antolini hanno ancora la cancellata originaria perché le origini dei proprietari erano straniere: italoamericane per gli Antolini e sammarinesi per i Passerini.

Per la cronaca va sottolineato che non solo a Riccione vennero strappate alle ville tante belle cancellate; a Pesaro, per esempio, vennero fusi anche i due portali Liberty e la cancellata del villino Ruggeri dell’architetto Brega.

Per i motivi sopra esposti, invece, l’originaria cancellata in ferro battuto con le iniziali del primo proprietario, Arnaldo Passerini, circonda ancora Villa Amarissimo sia sul lato che si affaccia sul viale Dante di Riccione che su quello del vialetto laterale.

La villa conserva un discreto giardino che affaccia sul viale Dante, dove vi è l’ingresso principale. Il giardino è arricchito da qualche pianta e da un boschetto, al confine, per dare privacy all’interno. Sul lato che affaccia sulla pasticceria Moderna vi è l’ingresso alla dependance, probabilmente realizzata in seguito. Il cancello è adibito al passaggio dei mezzi di strasporto. Confina con l’hotel Luna.

Il villino non è riccamente decorato. Conserva una decorazione più Art Decò che Liberty. I capitelli delle balaustre e delle colonne utilizzate nella decorazione del portico del piano rialzato e del terrazzo al primo piano riportano una decorazione florelae classica, dalle linee semplici ed essenziali: foglie corinzie nel capitello delle colonne degli archi e un fiore nelle piccole balaustre.

L’architetto ha utilizzato per l’esterno del piano terra un muro bugnato e per il primo piano un mattoncino.

Da una cartolina della villa in mio possesso, edita nel volume ‘’Una Stagione del Liberty a Riccione’’, Maggioli Ed, a pagina 41, troviamo la conferma che la villa si è sempre mantenuta come allora, a parte la sostituzione di qualche albero. Le finestre dal pianterreno sono ad arco, mentre quelle al primo piano a mattoncino. Purtroppo non è possibile accertare la variazione dei colori dell’edificio durante il tempo. Però posso presumere che le cromie della villa si siano sempre mantenute simili, nonostante le varie imbiancature nel corso degli anni.



info@andreaspeziali.it

www.riccioneinvilla.it



di Andrea Speziali
visita il blog IL NOTIZIARIO DI ANDREA SPEZIALI

 
La colonia Le Navi è l’unico caso di architettura futurista in Romagna

Cartolina

Ore 6:30, la sveglia e poi tutti di corsa a prepararsi ben lavati e pettinati, per la ginnastica respiratoria: ispirare con il naso ed espirare con la bocca… (il fascismo anche a questo educava i giovani italiani!); poi la ginnastica mattutina, mezzo per formare l’equilibro e la forza fisica, ma anche per insegnare l’ordine e la disciplina; infine il solenne saluto alla bandiera, accompagnato da canti che esaltavano  la gloria della madre patria.

Tutto questo veniva percepito dai bambini come un gioco nella colonia marina “Le Navi”, dove ogni momento della giornata era vissuto esattamente come in marina: le abitudini, lo sparo del cannone, i vestiti dei ragazzi e dei loro educatori… ogni attività ricordava la vita in una flotta navale; ma quello che rendeva tutto ciò possibile era l’architettura stessa della colonia, che nel suo complesso rappresentava proprio una flotta navale.

La colonia è una delle tante sorte lungo la costa italiana in quegli anni, la sua costruzione, però, si differenzia da tutte per le sue caratteristiche compositive, tanto che fu inaugurata dal Duce stesso il 28 giugno del 1934. Il ricercato complesso fu pensato e progettato dall’Architetto Clemente Busiri Vici, il quale volle creare qualcosa di originale e fantastico che coinvolgesse dal punto di vista emotivo i “marinaretti”. La progettazione delle colonie era, in quel periodo, oggetto di sperimentazione del linguaggio architettonico, grazie soprattutto alla insolita libertà concessa dalla mancanza di riferimenti tradizionali e contestuali; l’architettura della colonia denominata “Le Navi” è il frutto di un’originale sperimentazione architettonica, e rappresenta l’unico caso di architettura futurista in Romagna.

In essa sono evidenti un’intensa carica simbolica legata al mito modernista della “macchina”: se si giunge dal mare si ha l’impressione di essere attaccati da una corazzata di linea; se si giunge da terra si ha l’impressione di trovarsi di fronte ad un grosso velivolo, che alcuni assimilano ad un idrovolante.

Il complesso della colonia è costituito da quattro padiglioni divergenti verso il mare e da un padiglione principale posizionato nel punto di divergenza dei padiglioni minori. Il padiglione centrale, denominato “Nave Ammiraglia”, era composto da un insieme di torrette e ponti rastremati in elevazione fino ad accogliere nel ponte più alto il cannone. Al piano terra vi era il refettorio, spazio che permetteva l’adunata di tutti i “marinaretti” al cospetto della statua del Duce. I quattro padiglioni erano esclusivamente adibiti a dormitori per un numero complessivo di 900 ragazzi, disposti in cuccette-lettini su due piani che avevano l’apparenza di veri ponti di navi. A poppa di ognuno di questi erano disposti i servizi relativi; i ponti erano decorati con soggetti marinareschi, le lampade erano le stesse in uso sulle navi ed i pavimenti erano a liste di legno, simili anch’essi a quelli utilizzati in marina. In ogni padiglione c’erano telefono e altoparlante, così che gli ordini del comandante potessero arrivare dalla sua cabina, collocata al piano superiore della nave ammiraglia, a tutta la colonia. All’esterno, al centro del piazzale verso il mare, c’era il pennone dell’alzabandiera.

Le Navi erano all’avanguardia dal punto di vista anche della tecnologia: costruite tutte in cemento armato con le strutture ed i corpi degli edifici a sbalzo, si distinguevano anche per la modernità degli impianti.

L’ ampliamento delle navi fu intrapreso già dall’anno successivo fino al completamento dell’impianto avvenuto nel 1943, quando il numero dei blocchi totali fu portato a 15 e la colonia divenne un centro autosufficiente in grado di ospitare circa 2000 marinaretti.

L’istituto della colonia marina non fu un’invenzione fascista; infatti, già dalla seconda metà dell’Ottocento iniziarono a sorgere numerosi edifici lungo la costa dedicati alle cure delle malattie infantili. Quello che cambiò con il fascismo fu il loro utilizzo come modello formativo di massa: durante il fascismo, infatti, le colonie vennero utilizzate come strumento di propaganda per giungere non solo alle famiglie, ma plasmare le stesse coscienze di bambini, con l’obiettivo di “formare” il perfetto fascista.

Anche se dai bambini “Le Navi” erano vissute come un gioco, lo scopo del regime era quello di creare una forte coscienza militare; erano infatti numerosi i riferimenti militari nell’architettura della colonia:i nomi  - incisi caratteri cubitali – dei quattro padiglioni adibiti a dormitorio, Costanzo Ciano, Gabriele D’Annunzio, Nazario Sauro, Luigi Rizzo, eroi della Prima Guerra Mondiale, e quello della nave ammiraglia, “XXVIII Ottobre”, data della marcia su Roma.

La colonia “Le Navi”, proprio perché destinata ai figli degli italiani all’estero, doveva svolgere questo ruolo in modo ancora più intenso: doveva rimanere per sempre impressa nella memoria dei ragazzi come un’ indimenticabile esperienza trascorsa nella madre patria, della quale avevano sempre sentito parlare, ma che probabilmente avrebbero potuto vedere solamente una volta nella propria vita.

La struttura della colonia rimase pressoché la stessa fino ai primi degli anni ’60, quando vennero abbattute tre Navi, al fine di incrementare l’attività turistica sul litorale. Quando nel 1969 fu minacciata la totale demolizione del complesso, diversi furono gli esponenti dell’architettura che manifestarono il loro dissenso, tra questi spicca il nome di Bruno Zevi.

Oggi le “Navi” sono sede di un parco tematico acquatico, a seguito di un progetto di riqualificazione della zona,  grazie al quale si è recuperato l’insieme degli edifici che si trovavano ormai in un totale stato di abbandono, ma che ha portato ad un totale stravolgimento delle strutture interne e alla perdita dello spirito di vita marinaresca che le aveva caratterizzate.

 


piermatteo.perazzini@gmail.com



di Andrea Speziali
visita il blog IL NOTIZIARIO DI ANDREA SPEZIALI

 
Villa Solinas splende ancora su Via Principe Amedeo

Villa Solinas - Foto di Andrea Speziali

Via Principe Amedeo è ancora oggi una delle più belle vie di Rimini perché, accanto a dimore moderne ben tenute e non prive di una certa eleganza, conserva alcuni edifici di pregio. Fra questi spicca villa Solinas che porta ancora il nome di chi l’ha commissionata e successivamente abitata. Gian Maria Solinas Apostoli non era certamente un nobile di alto rango, ma un grande borghese, un personaggio di un certo rilievo del Parlamento nazionale e del mondo finanziario il cui cursus honorum culmina e termina con la nomina a senatore.

Gian Maria nacque l’11 luglio del 1836 a Sassari e scomparve il 23 febbraio 1914 a Roma.

Condusse una vita movimentata, principalmente dedita all’attività politica. Eletto deputato di Macomer e Cagliari nelle legislature XIV, XV, XVI, XVII, XVIII, XIX, XX, XXI E XXII, il 4 aprile del 1909 Solinas venne nominato senatore per la terza categoria e convalidato nel maggio dello stesso anno. A Cagliari coprì cariche amministrative. Solinas partecipò attivamente anche ai lavori della Camera, dove sedette al centro sinistra. Parlò soprattutto su questioni giuridiche e finanziarie facendo parte di varie commissioni in argomento. La famiglia Solinas nell’Enciclopedia storico-nobiliare di V. Spreti del 1932 viene fatta risalire ai diplomi del Re di Spagna Carlo II, del 1688, e di Vittorio Amedeo II, Re di Sardegna, del 1729. Consultando lo ‘’Spreti’’, nei due rami della famiglia di Sorso e di Ittiri il nostro Gian Maria non appare, né si trova la famiglia Solinas – Apostoli.
Una famiglia Giordano-Apostoli, com’è noto, figura tra i committenti di Guglielmo Bilancioni, il pittore dello Stabilimento Balneare costruito dal cugino Gaetano Urbani, che soggiornò in Sardegna a partire dal 1882. Secondo Giovanni Rimondini queste famiglie di notabili sardi entrano in contatto con Rimini e con i suoi notabili e pittori grazie alla mediazione di Enrico Serpieri, padrone di miniere in Sardegna e, dal 1863, presidente della Camera di Commercio di Cagliari.

Ma a prendere i contatti col Solinas si presume che siano stati i parlamentari riminesi e i nobili locali che avevano relazioni di amicizia con la nobiltà di corte.

La questione ha una certa rilevanza se viene riferita al problema della scelta della qualità sociale dei ‘’forestieri’’ da invitare come residenti per la nuova città di Marina o semplicemente per un soggiorno estivo.

 

Dal recente convegno tenutosi a Rimini riguardo la figura di Enrico Serpieri, sono emerse due ipotesi che collegano Rimini a Cagliari e che ci possono svelare come Gian Maria Solinas sia capitato a Rimini: una di carattere politico-economico che fa capo a Enrico Serpieri, riminese che si è trasferito a Cagliari e che ha fondato la Camera di Commercio, oltre a gestire delle miniere, e l’altra di carattere estetico, perché Guglielmo Bilancioni, pittore dei Serpieri, è andato a Cagliari a dipingere per diverse famiglie nobili ed era cugino di Gaetano Urbani. Le ipotesi però non sono certe.

È il 27 Luglio 1874 quando al deputato del Parlamento nazionale e Direttore della Banca Sarda Giammaria Solinas Apostoli viene concesso gratuitamente l’appezzamento di terreno di ragione comunale nello stabilimento balneare.

 La costruzione della villa, realizzata su progetto di  Gaetano Urbani, secondo i racconti di qualche storico è durata circa tre anni e, una volta ultimata, riuscì subito a distinguersi dalle classiche ville erette nella città dei bagni.

Gaetano Urbani, il suo ideatore, nacque a Rimini il 21 novembre 1823 da Giovanni Battista e Costanza Bilancioni. Dagli Urbani gli derivarono l’amore per lo studio, la patria, le istituzioni e con scienza e virtù impreziosì un casato che fu notevole nella città; dal ramo dei Bilancioni gli derivarono la sete della perfezione, l’intuizione della bellezza e l’estro per le arti. Professionalmente si formò presso la facoltà filosofica dell’Università di Bologna e, dopo gli studi bolognesi, si trasferì nella capitale per allargare il giro delle conoscenze influenti, per seguire all’Università un ‘’Corso di perfezionamento in tecnica matematica’’ e per frequentare l’accademia di San Luca. Fu allievo di Luigi Poletti (artefice del Teatro in Piazza Cavour a Rimini)e nel corso degli anni realizzò importanti edifici tra cui villa Solinas a Rimini, commissionata dal politico Gian Maria Solinas Apostoli.

Nel corso dei decenni la villa è stata sempre abitata e ciò ha contribuito a salvarla dal degrado; l’azione del tempo e mutate esigenze abitative hanno comunque reso necessario un intervento di restauro, effettuato verso la fine degli anni ’90 a cura dell’architetto Massimo Mori che, come spiegò in un articolo pubblicato sulla rivista Ariminum,  ha riproposto gli originari colori vivi con simbologie antiche. Le banchine delle finestre sono in pietra di San Marino, ancora originali, e i decori gotici delle porte esterne e delle finestre, con i ‘’gattoni’’ rampanti e i fiori di cimasa sono in cemento colorato.

La costruzione è in stile neogotico, strutturato sullo schema classico, simmetrico.

L’immenso giardino della villa fu realizzato all’inglese, con forme irregolari. L’attuale vegetazione non è quella originale, che prevedeva una maggiore varietà di piante; oggi prevalgono palme e folti cespugli. Il giardino risulta di ampie dimensioni anche nella parte posteriore della villa, tanto da ospitare anche una lunga piscina che gode tutto intono di un’ulteriore spazio verde. Di quell’epoca sono rimasti: la fontana, che accoglie i visitatori appena varcato il cancello della villa, ai due lati della quale si dipartono due vialetti che permettono di inoltrarsi nel giardino, le statue, i vasi e quattro colonne.

Oggi villa Solinas, emblematica e ruggente, spicca ancora nel riminese viale Principe Amedeo tra gli edifici dei primi del ‘900 rimasti intatti e quelli più moderni: ruggisce, catturando l’attenzione con i suoi colori accesi, e al tempo stesso seduce  il passante con il suo fascino d’altri tempi.



di Andrea Speziali
visita il blog IL NOTIZIARIO DI ANDREA SPEZIALI

 
Una mostra sulle cartoline di Riccione


A Riccione, presso la ''Vetrina di viale Gramsci'', dal 20 novembre 2010 al 28 settembre 2011 vi è la mostra ''Riccione in cartolina'' a cura di Andrea Speziali.

Chi ha avuto per qualsiasi motivo occasione di fermarsi a Riccione non può non aver notato passeggiando per le vie della città quell'accattivante gusto retrò che si respira. Vi è un periodo storico che più di altri ha caratterizzato lo sviluppo della città lasciando testimonianze del passaggio di un vento liberty nell'architettura degli edifici. Un bel libro pubblicato da un giovane autore del luogo (''Una Stagione del Liberty a Riccione'' di Andrea Speziali - edizioni Maggioli) offre una precisa descrizione di questo passaggio e della positiva influenza artistica che ha avuto in questa città la presenza del poliedrico e geniale architetto Mario Mirko Vucetich. Lo sguardo del collezionista troverà tra le pagine un'ampia raccolta di cartoline che da sole raccontano più delle parole la trasformazione di un paese che sa e vuole vivere il suo tempo. La creazione di nuovi edifici diverranno luoghi di aggregazione e cultura e le molte piccole costruzioni “villini”che fanno bella mostra di sé sulle cartoline, creati e utilizzati dalle famiglie benestanti del luogo nel tempo si trasformeranno in accoglienti ed ospitali alberghi.
Attraverso questa mostra si potrà assaporare la Riccione del tempo attraverso le cartoline di proprietà di Andrea Speziali.
Riccione è una località di mare che dalle sue origini è stata capace di anticipare ed interpretare i mutamenti economici, sociali e di costume della società italiana meritandosi l'indiscusso titolo di "cuore" delle vacanze estive. Una piccola realtà che facendo leva sulla dedizione al lavoro dei suoi cittadini (accoglienti ed ospitali con i turisti, testardi ed ostinati a migliorare ed aumentare l'offerta turistica e, soprattutto, grandi amanti del "vivere bene") ha raggiunto la celebrità a livello nazionale ed internazionale; celebrità che, ogni anno, la rende la meta ideale per migliaia di turisti che vogliono vivere la vacanza ognuno secondo il proprio gusto e stile. E' questo un altro segreto del successo di Riccione: essere un luogo accessibile a tutti (famiglie, single, giovani, adulti e anziani, uomini e donne, imprenditori, studenti ed operai), fruibile in diversi modi (di giorno o di notte, in spiaggia o facendo sport, ballando o riposandosi). Ma quello che più caratterizza Riccione è la sua capacità di intercettare le tendenze ed i cambiamenti restando, costantemente, un punto di riferimento. Tutta la sua storia è intessuta da cultura dell'ospitalità, fin dall'inizio del secolo scorso, quando fu il turismo delle famiglie aristocratiche a far emergere la vocazione all'accoglienza dei primi improvvisati operatori. Poi Riccione seppe reinterpretare con professionalità il proprio ruolo di Perla delle vacanze, creando innovazione attraverso il servizio. Oggi Riccione è una delle principali località turistiche della Riviera Romagnola, con numeri di tutto rispetto: circa 150 stabilimenti balneari e 460 alberghi, per una spiaggia di sabbia finissima sulla quale vigilano 41 postazioni di salvataggio. Una località ambita soprattutto dai giovani, per i quali il divertimento non si ferma mai, neppure di notte, ma anche dalle famiglie con bambini al seguito: la tipologia dei fondali e le strutture ricettive alberghiere e balneari sono, infatti, "a misura di bambino", per soggiorni sicuri quanto appaganti. Standard qualitativi ai massimi livelli, anche per andare incontro alle sempre maggiori esigenze dei turisti, tra cui sempre più numerosi quelli stranieri, e non solo tedeschi. Sin dai primi anni del Novecento i riccionesi si erano resi conto che, per rispondere alle crescenti esigenze della frazione, che si era già affermata come centro balneare (Una delle località più affermate e chic d'Italia) e in cui l'urbanizzazione si era sviluppata con più velocità dei servizi, l'unica strada era quella di ottenere il comune autonomo, distaccandosi dal Municipio di Rimini. Infatti la distanza dal centro decisionale e la mancanza di una classe residente, capace di imporre soluzioni e provvedimenti alla municipalità riminese, avevano portato, presto, al disinteresse quasi totale per i problemi della borgata.L'autonomia amministrativa di Riccione si imponeva fortemente per la sistemazione definitiva dei servizi pubblici e per la risoluzione di tutti quei problemi che, se trascurati, avrebbero pregiudicato il promettente incremento di questa frazione. Nel 1905 Sebastiano Amati, Ausonio Franzoni e Felice Pullè, avevano dato vita alla società "Pro-Riccione" che cercava anche di risolvere i problemi contingenti della vita quotidiana, ottenendo maggiori servizi dal Comune di Rimini. Nel 1910 si arrivava a formalizzare ufficialmente questa volontà con una petizione firmata dalla maggioranza dei riccionesi e con la decisione di presentare al Ministero degli Interni l'istanza per la costituzione del Comune autonomo. Lo scoppio della prima guerra mondiale e il terribile terremoto del 1916 arrestano lo sviluppo di Riccione e il suo percorso verso l'autonomia. La guerra aveva lasciato l'Italia in condizioni disastrose: disoccupazioni e crisi economica ovunque, inoltre aveva diviso gli italiani tra interventisti e neutralisti e lasciato strascichi di insoddisfazione per i suo esiti. Fu la Giunta socialista Clari a varare gli adempimenti formali per l'autonomia riccionese. Il sindaco socialista riminese il 6 aprile del 1921 riconosceva legittime le aspirazioni autonomistiche di Riccione. Successivamente il consiglio comunale approvava finalmente, all'unanimità, l'autonomia riccionese.L'autonomia non era del resto più rinviabile perché la comunità di Riccione aveva raggiunto indubbiamente il grado di maturità necessario per gestire la propria azienda amministrativa e finanziaria, senza dimenticare che la domanda di autonomia rispondeva già da tempo alle condizioni richieste dalla legge per la costituzione del Comune. Si erano sviluppate l'industria dalla pesca e quella edilizia, le attività commerciali e artigianali, ma soprattutto, la nascente industria turistica già nel primo dopoguerra, a fronte di ventimila presenze, si rivelava come il centro propulsore dell'economia locale. Il 22 ottobre 1922 viene emesso il decreto ministeriale che sancisce appunto l'autonomia di Riccione. Dunque la raggiunta autonomia riccionese veniva decretata dal Commissario prefettizio dopo le dimissioni del sindaco socialista. In quell'anno Mirko Vucetich progettò il Villino Lampo per la sua famiglia


Catalogo:
''A. Speziali, Una Stagione del Liberty a Riccione, Maggioli editore, Santarcangelo 2010''

Tratto dalle news di www.riccioneinvilla.it


di Andrea Speziali
visita il blog IL NOTIZIARIO DI ANDREA SPEZIALI



messaggi trovati: 5
 






     Exibart.
   Pubblicazione iscritta nel registro della stampa del Tribunale di Firenze con il n. 5069/01.
   Direttore Responsabile: Matteo Bergamini
   Direttore Editoriale: Cesare Biasini Selvaggi
   Direttore Commerciale: Federico Pazzagli - fax: 06/89280543
   Amministrazione: amministrazione@exibart.com -fax: 06/89280277