3126 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Exibart.loves - Centrale Fies
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
messaggi nuovi - senza risposta - tutti i forum

free '4umIL FORUM LIBERO !!!Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re: IL NUOVO PAPA, BENEDETTO XVI : CHE NE PENSATE?
<<precedentesegnala questo interventosuccessivo>>
.Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re: IL NUOVO PAPA, BENEDETTO XVI : CHE NE PENSATE?
No Edmondo, la piazza non è assolutamente dalla tua parte. Se si sentono delle urla in tuo favore sono sicuramente registrate
I messaggi IO li ho ricevuti davvero!
Rispondi a questo messaggio 
marcodarimini_, 23/04/2005 19.47.19
..Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re: IL NUOVO PAPA, BENEDETTO XVI : CHE NE PENSATE?
Stasera ho compreso tante cose...
Non l'avevo mica capito...
Non c'è niente di male ad esserlo!
Ma non avvo capito...

Mo si spiegano tante cose... e certi atteggiamenti...
Rispondi a questo messaggio 
edmondo, 24/04/2005 10.36.39
...Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re: IL NUOVO PAPA, BENEDETTO XVI : CHE NE PENSATE?
Città del Vaticano, 24 aprile 2005
Con la solenne messa di intronizzazione prevista alle 10 in piazza san Pietro prenderà ufficialmente il via il Pontificato di Benedetto XVI. Durante la celebrazione, il protodiacono Jorge Arturo Medina Estevez, lo stesso che, dalla loggia delle Benedizioni, ha annunciato al mondo l'elezione di Joseph Ratzinger, imporrà al nuovo pontefice il sacro Pallio, recitando la formula in latino: "Sia benedetto Dio, che ti ha scelto come pastore di tutta la Chiesa, affidandoti il ministero apostolico. Che tu possa risplendere gloriosamente durante lunghi anni di vita terrena, fino a quando, chiamato dal tuo Signore, sia rivestito di immortalità nell'ingresso del regno celeste".

Durante la celebrazione, il Papa verrà insignito anche dell'anello del pescatore, fabbricato in oro per ciascun nuovo pontefice, così detto perché la figura dell'impronta rappresenta l'apostolo Pietro su una barca in atto di tirare le reti della pesca. La scena è riprodotta con un timbro ad inchiostro rosso rotondo.

Per l'evento si ripeterà lo stesso 'copione' sperimentato il giorno dei funerali di Karol Wojtyla: misure di sicurezza elevate, gestione e coordinamento della Protezione civile. Per le celebrazione sono attesi 500mila fedeli. Spazio aereo chiuso e 140 delegazioni giunte da tutto il mondo, tra cui 36 capi di Stato e di governo.

Per Benedetto XVI oggi poi ci sarà il primo bagno di folla in piazza san Pietro. In papamobile. Secondo quanto si apprende, infatti, il pontefice all'inizio e al termine della messa che segna l'inizio del pontificato dovrebbe - salvo cambiamenti dell'ultima ora - fare un giro in mezzo alla marea di pellegrini.

Piazza San Pietro è già stracolma di gente e la marea umana affolla quasi tutta via della Conciliazione. Diverse decine di migliaia di fedeli hanno cominciato ad affluire in tutta l'area del Vaticano fin dalle primissime ore di questa mattina. Piazza San Pietro è un arcobaleno di colori con le bandiere di moltissimi Paesi, soprattutto quelle tedesche, ma anche numerosissime bandiere polacche che testimoniano quanto sia ancora forte il ricordo di Papa Giovanni Paolo II. Moltissimi i giovani di tutto il mondo arrivati oggi in Vaticano per l'insediamento ufficiale del nuovo Papa e moltissimi anche gli striscioni che celebrano Benedetto XV
Rispondi a questo messaggio 
edmondo, 24/04/2005 10.41.56
....Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re: IL NUOVO PAPA, BENEDETTO XVI : CHE NE PENSATE?
Città del Vaticano, 23 aprile 2005
Per la prima volta da Papa, Josef Ratzinger ha fatto ingresso nell'Aula Nervi, o Aula Paolo VI, acclamato da migliaia di giornalisti, presenti alla sua prima udienza pubblica che è loro riservata. "E' con piacere che incontro e cordialmente saluto", il mondo della comunicazione: "Grazie per la vostra visita e particolarmente per il servizio che avete reso in questi giorni alla Santa Sede e alla Chiesa cattolica", ha detto Benedetto XVI.

"Grazie al vostro lavoro - ha ripetuto Ratzinger - per diverse settimane, l'attenzione del mondo intero è rimasta fissa su San Pietro, sulla piazza e sul palazzo apostolico, nel quale il mio predecessore Giovanni Paolo II ha chiuso serenamente la sua esistenza serenamente e dove in seguito, nella cappella Sistina sono stato eletto".

Il desiderio di Benedetto XVI è proseguire "l'affettuoso dialogo" con il mondo dei media. Il nuovo Papa ha detto di condividere quanto affermato da Giovanni Paolo II: che il fenomeno dei mass media permette alla Chiesa di affrontare una revisione pastorale adatta al passaggio epocale che stiamo vivendo.

L'aspetto "etico" del compito dei media e la necessità del "rispetto della persona" quando si informa su situazioni e contesti, sono stati sottolineati dal Papa nel suo discorso in tedesco.

Attesi domani 500mila fedeli
Sono attesi in piazza San Pietro circa 500.000 fedeli provenienti in particolar modo dall'Italia e dalla Germania. E' probabile che dopo la Santa messa, Papa Benedetto XVI scenda tra la folla con la Papamobile per incontrare i suoi fedeli.

Domattina per l'insediamento di Benedetto XVI è tutto pronto, dal punto di vista organizzativo delle Forze di Polizia, Protezione Civile, Aeronautica militare, Capitaneria di porto e Marina Militare.

Per la Santa messa del Papa non è previsto dalla Prefettura la chiusura totale delle strade di accesso alla zona di San Pietro, come è avvenuto invece in occasione dei funerali di Giovanni Paolo II. Il blocco è stato predisposto solo per le strade immediatamente adiacenti a via della Conciliazione. È stata stabilita la chiusura dello spazio aereo, con il controllo dei cieli affidato agli aerojet F16 dell'Aeronautica militare.

E' pressoche' certo che domani il Papa Benedetto XVI attraversera' a piedi piazza San Pietro al termine della cerimonia liturgica di inizio Pontificato. Una volta pronunciato il rituale "Ite, missa est", "Andate, la Messa e' finita", al momento di rientrare in Vaticano, Ratzinger percorrera' i corridoi centrali e laterali che sono gia' delimitati da transenne, cercando e avendo quindi il suo primo grandioso bagno di folla, tra le decine e decine di migliaia di persone che avranno trovato posto nelle aree delimitate della piazza e riservate ai fedeli.

Rispondi a questo messaggio 
edmondo, 24/04/2005 10.42.48
.....Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re: IL NUOVO PAPA, BENEDETTO XVI : CHE NE PENSATE?
http://www.vatican.va/news_services/or/or_quo/index.html
Rispondi a questo messaggio 
edmondo, 24/04/2005 10.45.21
......IL NUOVO PAPA, BENEDETTO XVI : CHE NE PENSATE?
Città del Vaticano, 24 aprile 2005
Molto emozionato e sorridente, è apparso Benedetto XVI al momento della benedizione che ha dato avvio alla cerimonia di inzio del pontificato. La sua apparizione sul sagrato della basilica di San Pietro è stata salutata con grandi grida della folla e dallo sventolio delle bandiere.

La cerimonia è cominciata con una visita alla tomba di Pietro. Benedetto XVI vi è sceso da solo, accompagnato dai patriarchi delle Chiese orientali e dai cerimonieri, mentre i cardinali sono restati nella basilica. Il gesto sta ad indicare il collegamento con l'inizio della missione di Pietro.

Saranno due cardinali, il cileno Jorge Medina Estevez (che già ha annunciato al mondo l'elezione di Benedetto XVI) e Angelo Sodano, Segretario di Stato e vicedecano del Sacro Collegio cardinalizio, a consegnare al Papa il Pallio e l'anello del Pescatore, simboli dell'autorità del successore di Pietro.

Ciampi e Berlusconi assistono alla Messa
Il presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi guida la delegazione italiana alla prima messa celebrata da Benedetto XVI. Sul sagrato di piazza San Pietro hanno preso posto anche il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi e quelli di Camera e Senato, Casini e Pera. Ciampi, che ha salutato il nuovo Papa nella Basilica di San Pietro, è accompagnato dalla moglie Franca. E oggi anche Veronica Berlusconi assiste alla messa di inizio pontificato con il figlio più piccolo Luigi. Nei banchi delle autorità, i reali di Spagna, Juan Carlos di Borbone e la regina Sofia, vestita di pizzo bianco. La delegazione tedesca è guidata dal presidente Horst Koehler e vede presenti anche il ministro dell'Interno Otto Schily e il governatore della Baviera Edmund Stoiber.

Folla cosmopolita
Vengono dalla Francia come dall'Irlanda, dalle Filippine come dal Brasile, i pellegrini che affollano questa mattina piazza San Pietro per partecipare alla prima messa di Benedetto XVI. Certamente erano tedeschi però moltissimi fedeli che attendevano già dall'alba l'inizio della cerimonia. I colori della Germania (nero, rosso e giallo) e molte bandiere della Baviera, la regione dalla quale proviene Joseph Ratzinger, (bianche, azzurre con al centro un leone dorato) spiccano nella piazza e tra la folla si intravede qualche pellegrino del Land a cui fa capo Monaco, con addosso i tipici costumi della Baviera.
E tuttavia anche oggi, almeno a giudicare dalle bandiere che sventolano tra la folla i polacchi battono i pellegrini della Germania.
Rispondi a questo messaggio 
edmondo, 24/04/2005 10.47.22
.......Re: IL NUOVO PAPA, BENEDETTO XVI : CHE NE PENSATE?
ancora sotto i riflettori!
Rispondi a questo messaggio 
edmondo, 24/04/2005 10.50.17
........arte, artisti e conformismo
ARTE, ARTISTI E CONFORMISMO

Da artisti ci interroghiamo su cosa sia l'omologazione.
BENE, BENISSIMO!

Più volte ho sentito lamentazioni e visto scagliare fulmini sul mondo conformista: religione, politica, sistema dell'arte ecc. ecc.
BENE, BENISSIMO!

Ma cos'è l'omologazione se non l'appartenenza - acritica e ossessiva - ad un gruppo. Ad un gruppo che si auto genera ed autoriconosce...?

Si Appartenenza ad un gruppo ed al suo sentire... un sentire che è ancor più forte se il suo credo non è scritto.

Ora, provate ad astrarvi ed a considerare che anche voi siete un gruppo, qui su questo sito...

Spero che almeno una o due persone, tra voi, riescano a comprendere che l'omologazione ed il conformismo che tanto volete combattere all'esterno voi lo praticate qui!
Si, qui.

Chi non è in accordo con voi viene villipeso, umiliato, attaccato, deriso....

Con un fuoco concentrico di persone che si prestano a vari livelli...
Ci sono i pagliacci, i mastini, gli pseudo intellettuali, i super partes... ecc. ecc..
Ma osservate bene la sommatoria e la dinamica di tutti questi comportamenti messi insieme: essi formano un nuovo conformismo... a cui non si può sfuggire.

MA come non siete contro l'omologazione?
Ma come non siete conto il sistema dell'arte ed il suo mercato?
Ma come, non siete contro i conformismi?
Si, voi siete astrattamente convinti di essere contro il conformismo e dell'omologazione che non stanno bene a voi, con cui non suiete in accordo, magari perchè quel mondo vi emargina... e... tutto questo vi provoca rabbia e rancore.

Però, se provate ad astrarre il concetto, a definirlo senza riferirlo alla società od al sistema dell'arte...
scoprireste che, mi spiace dirlo, anche voi siete un sistema... un sistema omologato... un nuovo conformismo!

Grazie per la vostra attenzione
Rispondi a questo messaggio 
edmondo, 26/04/2005 11.25.47
.........mafia e massoneria
EURISPES
RAPPORTO ITALIA '92
Percorsi di ricerca nella società italiana

SCHEDE CAPITOLO II
LEGALITA'/ILLEGALITA'

SCHEDA 19
LA MASSONERIA IN CIFRE



Vecchie inchieste e recenti indagini indicano con sempre maggiore sicurezza deviazioni e inquinamenti della massoneria tradizionale. Dal caso della loggia Propaganda 2 all'inchiesta avviata tra mille difficoltà dal giudice Agostino Cordova ricorrono troppe coincidenze per poter considerare questi due episodi giudiziari come separati e distinti tra loro. La massoneria deviata sembra essere sopravvissuta ai colpi inferti dalle istituzioni nel corso dell'inchiesta sulla P2, e appare essersi ripresa e rinvigorita proprio all'ombra delle istituzioni stesse. Come più volte è emerso nel contesto delle indagini e dei procedimenti giudiziari, quando si è trattato di confrontarsi con la massoneria deviata ci si è trovati di fronte a una parte dello Stato che combatteva sue ramificazioni occulte. Ciò è emerso con tutta la sua drammaticità in occasione della P2, ma continua a emergere in occasione di tutti quei procedimenti che affrontano casi in cui è coinvolta, seppur marginalmente, la massoneria.
La massoneria deviata si pone spesso al centro di intrecci tra politica, mafia, magistratura, imprenditoria e molto altro ancora per una serie di motivazioni che trovano una loro logica. I fenomeni di devianza all'interno delle cosiddette logge coperte si verificano, fondamentalmente, a causa di tre elementi che caratterizzano questa forma particolare di associazionismo. Il primo attiene alla tipologia degli aderenti: solitamente coloro che si iscrivono alla massoneria sono professionisti affermati o persone che comunque godono di status socioeconomico alto e medio alto. Il secondo è relativo alle relazioni che si stabiliscono all'interno delle logge che prevedono la presenza di un capo e di una gerarchia che non tiene conto delle attività professionali dei singoli liberomuratori. Ciò può creare pericolose interferenze nel momento in cui, ad esempio, il magistrato massone si trova a dover giudicare l'imprenditore suo maestro. Infine, last not least, bisogna considerare il fatto che la massoneria si articola su tutto il territorio nazionale e dispone di una struttura tale da poter mettere in contatto il centro con la periferia, il Nord con il Sud. Si riesce, in tal modo, a creare un network di controllo che parte dai poteri affaristico-politico-mafiosi locali per giungere a settori del potere centrale e, eventualmente, connettersi alle centrali massoniche sparse in tutto il mondo. Non va dimenticato, infatti, che la massoneria deviata storicamente si è contraddistinta per due caratteristiche: primo, per la grande capacità di sviluppare profitti grazie all'elaborazione di fitte interrelazioni clientelari e affaristiche. Secondo, per la capacità di canalizzare il complesso delle relazioni affaristico-clientelari entro un progetto unico e finalizzato, non di rado, a influire sulle dinamiche politico-istituzionali.
In seguito alle indagini svolte dal giudice Agostino Cordova e al sequestro dei registri degli iscritti alle maggiori obbedienze presenti sul territorio nazionale si è venuti in possesso di informazioni sufficienti a una disamina quantitativa, seppur parziale e provvisoria, della presenza massonica nel nostro Paese. Anche se ciò può apparire ancora poca cosa di fronte all'enormità dei fatti giudiziari in cui è apparsa essere coinvolta la massoneria deviata, bisogna considerare le difficoltà incontrate, non solo oggi, da chiunque ha voluto interessarsi a questo argomento. Fino a oggi i magistrati non disponevano neanche di un censimento attendibile degli iscritti alla massoneria e dell'elenco esatto delle logge presenti sul territorio. Non solo, lo stesso giudice Cordova lamenta la parzialità degli elenchi sequestrati in quanto, a suo giudizio, numerosi liberomuratori sarebbero stati affiliati all'orecchio del maestro, in altri termini, la loro appartenenza alla massoneria non risulterebbe da alcun documento. Alcuni passi in avanti sono stati fatti, ma la maggiore preoccupazione consiste nel fatto che alla lunga i procedimenti che coinvolgono la massoneria deviata subiscono spesso intralci e ostacoli. A tale proposito si potrebbero leggere le dichiarazioni rilasciate dal giudice Cordova alla Commissione parlamentare antimafia in cui numerosi sono i riferimenti alle difficoltà incontrate dall'ufficio della Procura da lui diretto nell'espletamento anche delle funzioni meno rilevanti.

Tabella 1
Logge massoniche e iscritti in Italia per regione
Anno 1994
La Toscana risulta essere la regione che conta il numero maggiore di logge e di iscritti alla liberomuratoria. Anche l'indice di concentrazione evidenzia la sostanziosa presenza di "frammassoni" in questa regione. La Calabria, con i suoi 2.901 iscritti e le 86 logge, si dimostra essere la seconda regione per la presenza di liberomuratori.
Il dato globale rileva che in tutta la Penisola sono stati censiti 31.594 iscritti alla massoneria distribuiti in 1.126 logge. Ciò significa che ogni 100 mila abitanti si hanno circa 55 liberomuratori. Va, inoltre, evidenziato che le logge, per quanto è stato possibile accertare attraverso le indagini, contano una media di circa 28 iscritti ciascuna.
Il dato, disaggregato per obbedienza massonica, dimostra la preponderanza del Grande Oriente d'Italia nei confronti delle altre associazioni massoniche.
Tabella 2
Logge e iscritti per obbedienza massonica. Il Grande Oriente d'Italia
Anno 1994
Gli investigatori, dopo aver posto sotto sequestro gli elenchi del Grande Oriente d'Italia, hanno individuato, in tutta Italia, 20.939 nominativi distribuiti in 630 logge, il che significa una media pari a 36,9 iscritti ogni 100 mila abitanti. Gli iscritti al G.O.I. sono più numerosi, anche in questo caso, in Toscana (3.677) e in Sicilia (2.399).

Tabella 3
Logge e iscritti per obbedienza massonica. Il Centro Sociologico Italiano
Anno 1994
Per quanto riguarda il Centro sociologico italiano sono stati censiti 6.291 iscritti e 335 logge. La media degli iscritti per loggia è pari a 18,8 mentre l'indice di concentrazione per 100 mila abitanti supera di poco le 11 unità. La Toscana si conferma quale regione tradizionalmente più abitata dai liberomuratori (1.536 iscritti e 81 logge), seguita dal Piemonte con 708 iscritti e 33 logge.

Tabella 4
Logge e iscritti per obbedienza massonica. Il Gran Priorato d'Italia, le Logge di Jolanda Adami Tomaseo, la Gran Loggia Generale d'Italia, la Serenissima Gran Loggia d'Italia, la Gran Loggia d'Andorra, la Loggia di Diritto Umano, Muscolo
Anno 1994
I magistrati hanno preso in considerazione anche le obbedienze cosiddette minori e hanno individuato nel complesso 3.123 iscritti e 166 logge.

Tabella 5
Logge e iscritti per aree geografiche
Anno 1994
Disaggregando il dato e verificando la presenza di iscritti alla massoneria nel Nord, Centro e Sud Italia si evince che le regioni settentrionali contano il numero maggiore di liberomuratori (11.693) e di logge (466). Ma osservando il dato relativo alla concentrazione di iscritti ogni 100 mila abitanti emerge che il Centro registra la maggiore concentrazione di liberomuratori (91,9 ogni 100 mila abitanti).

Tabella 6
Logge e iscritti nelle province del Nord
Anno 1994
Tra le province del Nord, Torino conta il numero più elevato di iscritti (2.499) e di logge (80), seguita da Milano con 1.402 liberomuratori e 61 logge. L'indice di concentrazione per 100 mila abitanti, invece, pone al primo posto Imperia e al secondo posto Trieste.

Tabella 7
Logge e iscritti nelle province del Centro
Anno 1994
Firenze, tra le province del Centro, è quella che conta il numero maggiore di iscritti e di logge, rispettivamente 2.475 e 90, seguita da Roma con 2.305 "frammassoni" e 71 logge. Considerando l'incidenza della popolazione massonica con quella della province emerge che a Livorno vi è una media di 238,8 iscritti alla massoneria ogni 100 mila abitanti, media che scende a 231 unità per quanto concerne Grosseto.

Tabella 8
Logge e iscritti nelle province del Sud
Anno 1994
Tra le province del Sud, Cosenza è quella in cui è stato censito il maggior numero di iscritti alla massoneria (1.277) seguita da Palermo (1.262). La Calabria, inoltre, registra anche la media superiore di iscritti alla massoneria ogni 100 mila abitanti, sia a Cosenza (170,1) che a Reggio Calabria (132,5).

Tabella 9
La professione dei "liberomuratori"
Anno 1994
Di particolare importanza risulta essere l'elaborazione presentata dalla Commissione parlamentare antimafia in merito alla professione dei liberomuratori. Su una popolazione di 15.581 iscritti dei quali è stato possibile desumere la professione ben il 18,7% sono medici e il 12% impiegati. Vanno sottolineati anche i 420 militari che, seppur rappresentati in misura minore rispetto alle altre professioni, indicano una notevole rappresentanza di questa categoria. Stessa cosa può essere detta a proposito dei professori universitari e dei commercialisti-tributaristi.

FONTE, Commissione parlamentare antimafia, Elaborato statistico iscritti alla massoneria, allegato alla Relazione conclusiva, approvata il 18 febbraio 1994.
LIBRO CONSIGLIATO, G. Cipriani, I mandanti. Il patto strategico tra massoneria e mafia, Editori Riuniti, Roma 1993.
INCROCI, 11. La criminalità organizzata: i dati aggiornati - 12. Scu, la quarta mafia: la struttura - 16. La strategia delle bombe. Gli attentati attraverso la stampa.


Rispondi a questo messaggio 
donatellaleoni, 26/04/2005 14.25.30
..........Re: mafia e massoneria
...
Rispondi a questo messaggio 
marcodarimini_, 26/04/2005 19.09.55
...........Re: Re: mafia e massoneria
...
Rispondi a questo messaggio 
marcodarimini_, 26/04/2005 19.11.49
............Re: Re: Re: mafia e massoneria
...
Rispondi a questo messaggio 
marcodarimini_, 26/04/2005 19.25.45
.............Re: Re: Re: Re: mafia e massoneria
Mi chiedo tutto questo che cosa abbia a che vedere con il tema del forum... davvero me lo chiedo... e mi rendo conto che forse sono l'unico...

Anche qui la malafede è totale anche perchè il sig. Marco sa bene avendogli risposto.... vedi didascalia della foto... che quello è solo il retro di un tondo in cui c'è (dall'altra parte) un altorilievo di Bacco e la scritta "non sine sole..."

Il tondo è inclinato leggermente in avanti ed il peso dello stesso è più che altro sostenuto alla base... pertanto il fabbro ha ritenuto di rerrere il manufatto con tre perni: uno sopra e due sotto.

Ecco perchè ci sono tre barrette unite a triangolo.
I due tubi che si aprono a ventaglio sono stati realizzati per ospitare le aste di due bandiere... quella italiana e quella europea...

Ora l'utente marcodarimini fià era a conoscenza di questa spiegazione, perchè aveva postato la questione sulla foto che sta sulla mia pagina, (vedila nella sua interezza) ed io con cortesia a lui avevo risposto.

Alcuni, forse la maggioranza sosterranno l'inutilità di rispondere qui e così, ma io sono ancora a dimostrare l'infondatezza e la precisa volontà di diffamare, offendere e distorcere la realtà.

Sistematicamente, a prescindere dalla realtà e dalla verità, che qui emerge lapalissiana ed inconfondibile.
Il triangolo e il compasso... dentro il triangolo l'occhio...
massoneria 
 censura   [MARCODARIMIN
Rispondi a questo messaggio 
edmondo, 27/04/2005 9.44.17
..............documentarsi prima di diffamare...
per chi volesse prima documentarsi e poi, liberamente decidere, potreste dare un'occhiata qui:
www.grandeoriente.it

Rispondi a questo messaggio 
edmondo, 27/04/2005 9.56.32
...............Re: documentarsi prima di diffamare...
allora: vi basta?
Rispondi a questo messaggio 
edmondo, 27/04/2005 10.05.49
Pagina: 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 << >>
<<precedentesegnala questo interventosuccessivo>>

utenti on line
trovamostre
@exibart on instagram