3075 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
25/06/2019
Bill Murray riceverà da Wes Anderson il Premio alla carriera alla Festa del Cinema di Roma
24/06/2019
Creare un'opera in galleria. A Parma il secondo appuntamento di ART in PROGRESS
24/06/2019
A Lucca torna LuBi, la Biennale internazionale della carta. Aperte le iscrizioni per partecipare all’evento
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
messaggi nuovi - senza risposta - tutti i forum

forum attiviDISCUSSIONI ATTORNO ALL'ARTE PUBBLICAL' ERMITAGE sbarca sulle rive del PO.
<<precedentesegnala questo interventosuccessivo>>
L' ERMITAGE sbarca sulle rive del PO.
L'HERMITAGE sbarca in riva al Po.

Sconfitte le due candidate rivali, Mantova e Verona, sarà infatti Ferrara ad accogliere la sede italiana del prestigioso museo russo e ad ospitare il centro internazionale di studi, nuovo di zecca, che il grande istituto di San Pietroburgo ha in animo di aprire nel nostro Paese.
Il fax che annuncia la decisione ufficiale è arrivato ieri mattina negli uffici del presidente della Provincia, Pier Giorgio Dall'Acqua, principale promoter del progetto messo in cantiere nei mesi scorsi assieme ad una cordata di partner di grande profilo: l'università, la Regione, il Comune, il Conservatorio, l'Opificio delle pietre dure di Firenze la Fondazione Carife e la
Cassa di risparmio di Ferrara.
L'OBIETTIVO del progetto ferrarese è ambizioso: creare un laboratorio per la ricerca, la valorizzazione e la diffusione dell'arte e della cultura italiana, a cominciare dall'immenso patrimonio custodito sulle rive della Neva. Un'officina destinata non solo agli studiosi e agli esperti, ma anche 'motore' straordinario di iniziative di grande livello per il pubblico, attraverso mostre, convegni e concerti.
«IL NOSTRO progetto si basa su alcuni punti di forza — è l'opinione del sindaco Gaetano Sateriale, che non nasconde la sua grande soddisfazione — Prima di tutto l'alto livello qualitativo delle esposizioni, delle collezioni dei nostri musei: un'offerta strettamente legata allo straordinario patrimonio artistico, storico e culturale della città. Poi non bisogna dimenticare il proficuo rapporto di collaborazione che, grazie alla mostra sulle sculture di Antonio Lombardo e sui Camerini di Alfonso d'Este, si è instaurato tra Ferrara e il museo russo, che ospita tanti capolavori realizzati dai maestri ferraresi per la corte estense e non solo».
Una straordinaria occasione di crescita per la città, insomma, che metterà le fondamenta per un nuovo modello di istituzione culturale, aprendo inaspettati orizzonti europei agli operatori. «E' un terreno, quello dell'arte e della musica, sul quale Ferrara non è seconda a nessuno — ricorda Dall'Acqua — E la decisione di San Pietroburgo lo conferma, riempiendoci di grandissima soddisfazione».

Fonte:NAZIONE - Carlino GIORNO 05/10/2006
http://www.patrimoniosos.it
Rispondi a questo messaggio 
stefanorollero, 05/10/2006 18.30.12
<<precedentesegnala questo interventosuccessivo>>

utenti on line
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram