3073 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/07/2019
Banksy è ufficialmente l’artista più amato di tutti i tempi dagli inglesi
18/07/2019
Un uomo ha appiccato un incendio in uno studio di animazione giapponese. Almeno 20 morti
17/07/2019
Per il compleanno di Frida Kahlo, regalati la sua nuova collezione beauty
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
messaggi nuovi - senza risposta - tutti i forum

forum attiviARTE E POLITICAArte e islam intollerante...
<<precedentesegnala questo interventosuccessivo>>
Arte e islam intollerante...
L'arte può essere politica? Una performance può essere protesta?
Protestiamo con una net performance contro gli islamici intolleranti che insultano parlamentari italiani! Scriviamo una mail di protesta alla moschea di Segrate!!!

centroislam@digibank.it

***** MODIFICATO DA sandrybeau il 23/10/2006 14.59.00 *****
Rispondi a questo messaggio 
sandrybeau, 23/10/2006 14:59:00
Re: Arte e islam intollerante...
Davvero molto artistico!
Si può fare ma con l'arte c'entra poco!
Rispondi a questo messaggio 
marcodarimini_, 24/10/2006 23:27:27
Re: Re: Arte e islam intollerante...
tu dici?
Il film di Theo Van Gogh "submission" è un film che non c'entra con l'arte?
eppure le immagini della donna velata con le sure proiettate sulla sua pelle, il modo di raccontare le diverse storie, LE PAROLE che vengono usate sono terribilmente EVOCATIVE....
sono ancora stupito che il mondo dell'arte in generale, quello che fa tanto "telethon" l'abbia praticamente silurato nel DIMENTICATOIO mentre sbava e spende quintali di inchiostro per certe sbobbe di almodovar (tanto per fare un'esempio).
quando uno fa la bella vita tra i trans e l'altro è stato sgozzato PER QUEL FILM.
ecco quanto vale il tanto sbandierato "IMPEGNO SOCIALE"....
Rispondi a questo messaggio 
gabbiano, 27/12/2006 09:26:04
Re: Arte e islam intollerante...
Il film di theo non l'ho visto e non posso esprimere pareri. In generale penso che ognuno abbia diritto alle proprie idee anche gli immigrati, anche voi. Basta non superare i limiti della democrazia, della convivenza civile e della tolleranza. Qui da me lavora un ragazzo del Marocco. E' un ottimo ragazzo che in 6-7 anni non mi ha mai dato nessun tipo di problema. Bisogna stare attenti a non generalizzare troppo. Fra gli Islamici ci saranno sicuramente cattive persone come ce ne sono di ottime, come ce ne sono in Italia in Europa in tutto il mondo. Altrimenti si rischia di ripetere vecchi errori, come quando gli italiani allestero venivano tutti bollati di "fannullone, mafioso, mandolini e pizza", e non era giusto.
Io stesso negli anni '80 nella civilissima inghilterra sono stato preso in giro in quanto italiano cattolico dal un gruppetto di ricchi educati protestanti. Bollato con un "mammamia paparroma" in modo indipendente dalle mie idee perchè, specialmente in quel periodo, ero tuttaltro che cattolico anzi penso mi si potesse definire ateo.

***** MODIFICATO DA g.boncio.lini il 27/12/2006 11.21.15 *****
Rispondi a questo messaggio 
g.boncio.lini, 27/12/2006 11:21:15
Re: Re: Arte e islam intollerante...
http://www.youtube.com/watch?v=wt5jcrQNNKM&mode=related&search=
versioni in italiano è difficile trovarne.
ma è stato scritto da una donna di origine somale in collaborazione con theo. ha vissuto sotto scorta in olanda, visto che era parlamentare, ed ora vive negli usa... quindi non è una questione di RAZZISMO...
questo è un'articolo che riporta i dialoghi
QUANDO IL VELO SERVE A NASCONDERE LE FERITE SULLA
PELLE
DI ANNA MOMIGLIANO
“Oh Allah, mentre sotto il velo prego per la mia salvezza, tu rimani silenzioso. Come la
tomba che mi aspetta”
Trascrizione integrale di “Submission” Theo Van Gogh ha messo in scena un monologo in
cui una musulmana litiga con Dio. Confessa gli amori e denuncia le violenze domestiche coperte dalle leggi coraniche. Una musulmana litiga con Dio. Così può essere riassunto il cortometraggio- monologo del
regista olandese Theo Van Gogh, ucciso lo scorso novembre in seguito alla trasmissione sulla televisione pubblica della sua opera, che il suo assassino, oggi sotto processo, giudicò un’offesa imperdonabile all’Islam. Submission, la cui sceneggiatura in parte autobiografica è stata scritta dalla parlamentare di origine somala Ayaan Hirsi Ali, avrebbe dovuto essere
la prima parte di una trilogia che non sarà mai completata. E’ una pellicola a basso budget (18 mila euro, sborsati da Van Gogh di tasca propria), ma non per questo ha le sembianze del film fatto in casa. L’ambientazione è senza spazio e senza luogo, e il monologo con Allah non si riferisce a una figura o a un processo particolare, ma riassume le sorti e le angosce di tre donne. Le citazioni letterarie si sprecano: un essere umano, una donna, raccoglie le proprie forze e affronta il Dio che adora. Ma a differenza della novella di Stephan Zweig, Rachele litiga con Dio, lunghissimo monologo in cui la matriarca, levatasi dalla tomba, dissuade Dio dal cancellare la razza umana dalla terra, la donna del cortometraggio non
rimprovera Dio per difendere l’umanità, bensì per rinfacciargli tutto il male che le è stato fatto in suo nome. Senza che Allah facesse alcuna cosa. Il riferimento principale, va da sé,
sono i Versetti Satanici di Salman Rushdie, cui Van Gogh e Ayaan Hirsi Ali sono stati
spesso paragonati. Mutatis mutandis, entrambe le opere sono una critica diretta, secondo alcuni, un affronto, direbbero altri, all’Islam. Van Gogh, come Rushdie, prende spunto da un passo preciso del Corano. Il primo dalla Sura delle donne (4:34): “Gli uomini sono preposti alle donne, (..) Ammonite quelle di cui temete l’insubordinazione, lasciatele sole nei loro letti, battetele”. Il secondo dalla Sura della stella (53:19-22) cui si riferisce la
leggenda dei versetti satanici: Maometto, sotto le pressioni dei mercanti pagani della Mecca, avrebbe scritto nel Corano che la trimurti venerata dai meccani, meritava le preghiere anche dei monoteisti. Secondo la leggenda questi versetti, furono dettati dal
demonio, e in seguito rettificati da Allah. In molti hanno considerato di cattivo gusto la dissacrazione del testo coranico, dipinto in alcune scene sulle nudità delle attrici. A questi
Ayaan Hirsi Ali rispose: “il versetto a cui mi riferisco è quello che dice che i mariti possono picchiare le proprie mogli. E’ questo il lato dell’Islam cui io mi oppongo. E ci sono milioni di persone nel mondo che, oggi, portano avanti alla lettera quel versetto”. Per chi voglia
farsi un’opinione propria ricordiamo che il film è facilmente reperibile online, e riportiamo qui sotto, in versione integrale, il testo del cortometraggio.

La preghiera. I due autori sono seduti a un tavolo. Poi appare la figura della narratrice: il
volto è coperto, i corpo è velato da una stoffa trasparente. La donna s’inginocchia e comincia a salmodiare la Fatiha: “Allah è grande. In nome di Allah, il Compassionevole, il
Misericordioso. La lode ad Allah, Signore dei mondi , il Compassionevole, il
Misericordioso, Re del Giorno del Giudizio. Te noi adoriamo e a Te chiediamo aiuto.
Guidaci sulla retta via, la via di coloro che hai colmato di grazia , non di coloro che sono incorsi nella Tua ira, né degli sviati. Amin”.
Comincia il monologo: Oh Allah, mentre giaccio qui ferita, il mio spirito infranto e odo nella mia testa le voce del giudice che mi dichiara colpevole (si sente una frustata). La sentenza a cui devo sottopormi è nelle tue tue parole: “la donna e l’uomo colpevoli di adulterio e di fornicazione, colpiscili con cento frustate, che nessuna compassione ti tocchi
nei loro confronti, secondo la maniera prescritta da Allah. Se credi in Allah e nell’ultimo giorno, allora lascia che i credenti siano testimoni della loro punizione”. (Corano 24:2)
Prima storia: i due amanti. “Una anno fa, in un giorno pieno di sole, mentre ero al suq i miei occhi furono attratti da quelli di Rahman, il giovane più bello che io abbia mai incontrato. Dopo quel giorno, non ho potuto fare a meno di notare la sua presenza ogni volta che mi recavo al mercato, e fui entusiasta quando scoprì che le sue apparizioni al
bazar non erano una coincidenza. Un giorno egli ha (lunga pausa) suggerito di incontrarci in un luogo segreto. Ed io ho accettato. E da allora la nostra relazione si è approfondita, e,
in più, dal nostro amore una nuova vita cominciò a crescere. La nostra felicità non passò inosservata. Dopo non molto tempo, le occhiate hanno lasciato spazio a lingue malevoli. Ignoriamo queste persone, Rhaman e io ci siamo detti l’uomo all’altra, e affidiamoci alla
pietà di Allah. Ingenui, giovani. E innamorati, forse. Ma noi pensavamo che la sua santità fosse dalla nostra parte. Rhaman e io condividevamo affetto, fiducia, e un profondo
rispetto l’uno per l’altra: come poteva, Allah, disapprovare tutto questo? Perché avrebbe dovuto?”

Seconda storia: il matrimonio forzato. “Quando avevo sedici anni, mio padre venne da me
in cucina: “Sposerai Aziz”, mi disse “Egli proviene da una famiglia virtuosa e saprà
prendersi cura di te”. Il giorno del mio matrimonio, è stato una celebrazione della mia famiglia più che di me. Una volta giunti a casa, mio marito si è avvicinato a me, e da allora il suo tocco mi disgusta. Il suo odore mi è repellente, anche se si è appena fatto una doccia,
eppure, oh Allah, obbedisco ai suoi ordini, secondo le tue parole, e lascio che mi possegga. Perché ogni volta che io lo respingevo, egli mi ricorda la tua volontà: “ti chiederanno sul ciclo delle donne, rispondi loro: è cosa impura, quindi tieni loro lontane da te mentre hanno il ciclo, e non ti accostare a loro fino a che non saranno pure. Ma quando esse si
sono purificate, allora puoi accostarti a esse in ogni maniera, tempo o luogo permessi da Allah. Perché Allah ama coloro che si mantengono puri e puliti””. (Corano, 2:222) Appare
l’immagine di una giovane donna, dal volto pesto, che giace semi-svestita, tremando in un angolo, sul suo corpo si possono leggere alcuni versetti del Corano. “Oh Allah, altissimo, tu
dici che gli uomini sono i protettori, il sostegno delle donne, perché hai dato agli uni più forza che alle altre. Ebbene, io sento almeno una volta alla settimana la forza del pugno di mio marito sul mio volto. Oh Allah, altissimo, la vita con mio marito è dura da sopportare,
ma io sottometto il mio volere al tuo. Mio marito mi mantiene con i suoi mezzi, e per
questo io sono devota e obbediente, e in assenza di mio marito custodisco ciò che mi ordini di custodire. Ma mio marito, mio protettore, sostegno teme che io non gli sia fedele, che io abbia una condotta malvagia. Mi accusa di essere ingrata nei suoi confronti e trova sempre
una ragione per mettere in dubbio la mia fedeltà. E, dopo una serie di minacce e
avvertimenti, si decide a picchiarmi”.
Terza storia: la violenza. “Oh Allah, grande e misericordioso, come tu richiedi da ogni donna credente, io abbasso il mio velo e custodisco la mia modestia. Non mostro mai la
mia bellezza o i miei gioielli, nemmeno il mio volto o le mie mani, cammini anche in modo da non attirare mai attenzione sui miei ornamenti nascosti, nemmeno alle feste. Non esco mai di casa, a meno che non sia assolutamente necessario. E anche in questi casi, solo con il permesso di mio padre. E quando esco, velo le mie forme, secondo quanto comandi. Ogni tanto, pecco. Ho delle fantasie: sentire il vento tra i capelli, il sole sulla mia pelle, magari
sulla spiaggia. Sogno a occhi aperti di un lungo viaggio attraverso il mondo, immaginando tutte le persone e tutti i luoghi che esistono là fuori. Chiaramente, io non vedrò mai questi
luoghi, né incontrerò mai molte persone, perché è così importante che io custodisca la mia modestia, così da assecondare la tua volontà, oh Allah. Così, è con gioia che io faccio ciò che
tu comandi, copro il mio corpo dalla testa ai piedi. Tranne quando sono a casa, con la sola compagnia dei membri della mia famiglia. In genere (tono sarcastico) sono molto
soddisfatta della mia vita. Ciononostante, le cose sono cambiate da quando il fratello di mio padre, Hakim, si è trasferito da noi. (la telecamera si sposta su una donna completamente velata, sulla lunga veste nera da lei indossata, alcune versi del corano) Egli aspetta che io sia a casa da sola, entra nella mia camera e mi ordina di fare delle cose per
lui, di toccarlo nelle parti più intime del suo corpo. Così, da quando mio zio sta con noi, ho preso l’abitudine di indossare il velo anche dentro casa, per scoraggiarlo. (lunga pausa).
“Ma questo non l’ha fermato. Anzi, questa volta mi ha strappato il velo, ha stracciato la mia
biancheria intima e mi ha violentata. E quando l’ho riferito a mia madre lei ha detto che ne avrebbe parlato con mio padre, ma mio padre ci ha ordinato di non mettere in discussione l’onore di suo fratello. Io sento un dolore profondo ogni volta che mio zio viene da me, mi
sento come un animale in gabbia che aspetta di essere sgozzato, mi riempio di sensi di colpa e di vergogna. Mi sento abbandonata, anche se sono circondata dalla mia famiglia e da amici. Oh Allah (piangendo) Hakim se n’è andato, ora che sa che sono incinta”.
Conslusione: submission?
“Il verdetto che ha ucciso la mia fede e il mio amore è nel tuo libro sacro: fede in te, la sottomissione a te, sembra come un tradimento a se stessi. Oh Allah, sei tu che dai e tu che prendi la vita, hai ordinato a tutti i credenti di rivolgersi a te... per ottenere questo? (il
suono di una frusta). Per tutta la mia vita non ho fatto altro che rivolgermi a te, e adesso, mentre, sotto il velo, prego per la mia salvezza, tu rimani silenzioso. Come la tomba che mi aspetta”.
La donna si inginocchia sul tappeto, e riprende la sua preghiera.


***** MODIFICATO DA gabbiano il 27/12/2006 11.42.02 *****
Rispondi a questo messaggio 
gabbiano, 27/12/2006 11:42:02
Re: Re: Re: Arte e islam intollerante...
Ho visto YOU TUBE e non mi piace la sua performance...sembra una prostituta a lutto e suona del tutto falsa e ostentata...nel suo accento americano.
Rispondi a questo messaggio 
notizen, 27/12/2006 12:21:10
Re: Re: Re: Re: Arte e islam intollerante...
performance? ma quale performance?
il fatto poi che dai più peso all'accento che A QUEL CHE DICE penso sia indicativo...
prostituta a lutto? vabbè va'... lasciamo perdere...
Rispondi a questo messaggio 
gabbiano, 27/12/2006 12:42:26
Re: Re: Re: Re: Re: Arte e islam intollerante...
Gabbiano, quando dicevo che centra poco con l'arte intendevo che mandare della mails di protesta non mi pare arte, mentre fare un film si, ma prima ho anche detto che si può fare, anzi credo che sia giusti scrivere delle mails di protesta a quella moschea intollerante.
Solo che l'arte non centra
Ma questo è un forum vecchio.
Rispondi a questo messaggio 
marcodarimini_, 27/12/2006 14:05:25
Re: Re: Re: Re: Re: Arte e islam intollerante...
Cosa vorresti implicare per "indicativo"? Che solo te capisci ciò che lei ha detto?
Non solo ho capito quello che ha detto benissimo ma ho anche afferrato le sfumature insinuanti del suo "body language tattuato" che non sarebbe poco...e se non è un tipo di performance la sua invocazione che altro è vendita estetica su YOU TUBE?



***** MODIFICATO DA notizen il 27/12/2006 14.35.31 *****
Rispondi a questo messaggio 
notizen, 27/12/2006 14:35:31
Re: Re: Re: Re: Re: Re: Arte e islam intollerante...
sono sconvolta....
Rispondi a questo messaggio 
monicalume, 27/12/2006 15:04:09
Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re: Arte e islam intollerante...
eh sì le feste sono pesanti per tutti
Rispondi a questo messaggio 
giovanni3, 27/12/2006 15:05:33
.Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re: Arte e islam intollerante...
non pretendo che un uomo possa comprendere....
Rispondi a questo messaggio 
monicalume, 27/12/2006 15:13:37
..Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re: Arte e islam intollerante...
giusto. l'uomo serve solo a una cosa e spesso manco gli riesce.
Rispondi a questo messaggio 
giovanni3, 27/12/2006 15:20:23
...Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re: Arte e islam intollerante...
lo stai dicendo tu adesso, dopo avere dimostrato una sostanziale insensibilità verso qualcosa di piu profondo che riguarda la donna....
Rispondi a questo messaggio 
monicalume, 27/12/2006 15:36:39
....Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re: Arte e islam intollerante...
ma di cosa si parlava?
Rispondi a questo messaggio 
giovanni3, 27/12/2006 15:45:37
Pagina: 1 2 3 4 5 6
<<precedentesegnala questo interventosuccessivo>>

utenti on line
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram