visualia_interviste - Robert Cahen 3075 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/01/2019
Slitta la data di apertura del parco a tema Studio Ghibli di Hayao Miyazaki
14/01/2019
Smorfie su richiesta. Al Macro Asilo, le performance face to face di Pino Boresta
13/01/2019
Messico: trovato il primo tempo dedicato al culto di Xipe Tótec, risale a circa 1000 anni fa
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

visualia_interviste
Robert Cahen

   
 Uno dei maggiori videoartisti francesi. Che lavora rielaborando scansione temporale e colore. In bilico tra veglia e sonno, vita e morte. Sulle tracce di un mistero nascosto, da svelare in un istante. Abbiamo incontrato Robert Cahen a Milano, in occasione di una serata video dedicata dal Centre Culturel Français...  Monica Ponzini 
 
pubblicato
Parliamo del suo rapporto con la musica. Nei suoi video utilizza un tecnica simile a quella usata dalla musica concreta: registra la realtà, manipolando poi i frammenti registrati, riorganizzandoli, operando con la postproduzione per ottenere un risultato che superi i limiti della narrazione puramente lineare. Ma ci sono delle differenze tra suono e immagine...
Ci sono effettivamente delle differenze: i procedimenti che ho appreso quando ho seguito lo stage di musica concreta mi hanno permesso di affrontare allo stesso modo il lavoro sull’immagine, cioè di partire dall’immagine reale e rielaborarla per de-documentarizzarla, per allontanarsi dall’approccio documentaristico, giornalistico, e per permettere a questa immagine di andare nella direzione della mia poetica. Una poetica della visione del mondo in cui l’immagine è snatuarata a livello di colore, ripresa a livello di sviluppo nel tempo. Lavoro molto con il ralenti, mi piace trattenere il tempo per permettere a una storia nuova di “raccontarsi” nel tempo della storia normale. Mentre si sviluppa nella sua velocità normale, la storia è già contenuta nel suo evolversi, il tempo dilatato fa diventare “fiction” la realtà. Poi il suono e l’immagine compongono l’opera finale: il video ha allo stesso tempo una colonna sonora e delle immagini, ed è proprio l’aspetto audiovisivo la finalità del mio lavoro. Sono il suono e l’immagine, entrambi rielaborati, che formano un elemento che chiamiamo opera di videoarte.

Il tempo è molto importante nei suoi video?
Certo, è importante, come per molti altri artisti. Nel mio caso ne ho scoperto l’importanza anche grazie a dei critici che hanno scritto sulle mie opere, specialmente Sandra Lischi nel suo libro Il respiro del tempo, dove affronta tutte le questioni della composizione, della scrittura e del lavoro sul tempo. Per me è essenziale il momento in bilico tra due stati: veglia-sonno, vita-morte. Il momento in cui l’immobile si mette in movimento...

robert cahen
Nei suoi video hanno un certo rilievo anche le persone (come in Karine, Juste le temp, Solo, 7 visions fugitives). Che cosa la seduce delle persone che riprende?

Ho seguito Karine da zero a sei anni e ho compreso come il tempo l’ha cambiata, mentre per le Visiones fugitives, filmate in Cina, il mio amico Michel Chion ha coniato l’espressione “anonimo singolare”: ogni persona per me rappresentava un’identità. Infine in In juste le temps riprendo due personaggi, un uomo e una donna, che possono incrociarsi per far vivere l’esperienza del passaggio.
I miei sono spesso incontri istantanei: un approccio in cui cerco la verità dell’altro e non la trovo mai, ma so di interporre nell’istante, nell’immagine, una realtà che funziona da specchio, dove ritroviamo noi stessi.

robert cahen
La tecnologia moderna offre la possibilità d’intervenire sull’immagine filmata, di manipolare le immagini anche in tempo reale e le pratiche dei live media sono particolarmente legate alla musica. Quali prospettive vede in questa direzione ?

Non lavoro con questo tipo di tecnologia... Sono della vecchia scuola! La manipolazione dell’immagine in tempo reale facilita la sperimentazione, ma non facilita la creazione. Uso da più di 30 anni macchine che diventano sempre più perfezionate: ho imparato a servirmi delle macchine, ma cerco di tradurre sempre le stesse sensazioni, lavoro sulle stesse emozioni da trasmettere. La macchina è semplicemente l’attrezzo che mi permette di raggiungere un risultato grazie al lavoro del tecnico. Io lavoro sempre con altre persone, come il cineasta lavora con un’equipe, ho bisogno di lavorare con qualcuno per avere una prospettiva, un dialogo, anche una critica sul lavoro di creazione. E c’è bisogno di tempo per considerare quello che è stato creato nel momento dell’esecuzione.

articoli correlati
Robert Cahen allo Zô di Catania
Cinema e arti elettroniche. Cinque giorni di convegno a Roma
Paradossi
Festival Nemo

bio Nato nel 1945 a Valence, in Francia, Robert Cahen si laurea al Conservatoire National Superieur Musique de Paris e studia con Pierre Schaeffer, fondatore della “musica concreta” (musica e suoni in generale registrati dal vivo, poi rielaborati, decontestualizzati e rimontati). Dal 1971 al 1974 è membro di un gruppo di ricerca presso l’ORTF (Office de Radiodiffusion Télévision Française) e dal 1973 al 1976 è direttore di video sperimentazione per l’ORTF/INA (Institut National Audiovisuel). Cahen ha sempre esplorato in maniera dialettica la fotografia, il cinema e la musica: i suoi video sono caratterizzati dalla manipolazione dell’immagine e del tempo filmico, dalla giustapposizione di elementi fissi e in movimento, dalla decontestulizzazione e dalla rottura della narratività, con una grande attenzione alla parte sonora.
Autore di numerosi video e installazioni, le sue opere sono state ospitate in tutto il mondo, dalla Biennale di Parigi al MOMA di New York, da Documenta 8 al Festival di Locarno.
La proiezione al Centre Culturel Français di Milano ha messo in luce un percorso sperimentale in cui l’artista ha sempre “indagato” i generi del video e le altre arti che ad esso potevano collegarsi.

intervista a cura di monica ponzini


14 ottobre 2004
Serata dedicata a Robert Cahen con proiezione di opere alla presenza dell’autore:
Karine,1976, 8’19’’
Juste le temps, 1983, 13’
Cartes postales vidéo, 1984-86, selezione di 5’ (con Stephane Huter e Alain Longuet)
Montenvers et mer de glace, 1987, 8’
Solo, 1989, 4’
7 visions fugitives, 1995, 35’
Corps flottants, 1997, 13’
L’étreinte, 2003,8’
Centre Culturel Français, corso Magenta 63 – Milano
www.lecentreculturelfrancaisdemilan.it
organizzato in collaborazione con Invideo
www.mostrainvideo.it


[exibart]




strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Monica Ponzini
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Dem, Monica Ponzini, Pierre Schaeffer, Robert Cahen, Sandra Lischi
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram