fino al 15.IV.2010 - Volkan Diyaroglu - Milano, AR Contemporary Gallery 3067 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/04/2019
Whisky e arte a go go, nella nuova distilleria di Bob Dylan
18/04/2019
Cannes 2019: ecco tutti i film in concorso alla 72esima edizione del Festival
18/04/2019
Weekend romantico nella Maison Blu di Monet a Giverny
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 15.IV.2010
Volkan Diyaroglu
Milano, AR Contemporary Gallery

   
 Collage e dipinti surreali. Tutto qui per la nuova sede di AR? Nient’affatto, perché alla base dell’opera del turco ci sta nientemeno che Einstein. E buchi cavi che somigliano a una macchina del tempo... ginevra bria 
 
pubblicato
Wormhole è la definizione scientifica (pubblicata nel 1916) che più si avvicina alla metodica surrealista delle rappresentazioni di Volkan Diyaroglu (Istanbul, 1982). Intraducibile in italiano, ‘wormhole’ è il nome conferito a un esperimento mentale, a un tunnel che connette due differenti punti nella dimensione spazio-temporale. Risucchiati all'interno di questo ‘buco cavosi potrebbe addirittura viaggiare impiegando molto meno tempo di un tragitto che comprende, nello spazio “normale”, lo stesso punto di partenza e di arrivo.
I diversi terminali del wormhole, in teoria, potrebbero anche essere intra-universali (cioè esistenti e insistenti sullo stesso universo) oppure inter-universali (portali impiantati in differenti universi, dei quali ci si può servire come punto di connessione tra le due diverse dimensioni). È da ricordare, inoltre, che l'espediente di wormhole è sorta come parte della soluzione delle equazioni di Einstein, a proposito della teoria della relatività. Volkan Diyaroglu - Hole - 2009 - collage e inchiostro su carta - cm 27x37I wormhole sono cadute dello spazio da usare per il viaggio ad alta velocità nel tempo.
Seguendo lo stesso processo di rappresentazione spaziale, gli undici lavori - tra collage e inchiostri su carta - di Diyaroglu sono una sorta di riflesso simbolico e compositivo di queste teorie. Sintetici, piacevoli e divertenti, sono “la trasposizione figurativa” dei suoi enormi murales, progetti già sviluppati fuori dall'Italia ma che, per questa personale milanese, sono stati ridotti fino al nocciolo, appiattiti in un cortocircuito (spazio)temporale.
Nelle tele e nei collage, Diyaroglu gioca a inserire elementi improbabili all'interno di sfondi che sembrano imperituri, a causa di texture ancestrali e di cromie inspiegabilmente di un'altra epoca. Secondo Diyaroglu, noi “veniamo da dove andremo”: il futuro e il passato sono nella stessa direzione all’interno della sua opera. Guardare avanti significa guardare come nello specchio retrovisore di un'immensa macchina per il tempo e nella notte affianco, viaggiarci dentro.
Nelle opere allestite negli spazi della nuova galleria, il presente e il passato e il passato e il futuro si incontrano cadendo, attraverso botole temporali che portano l'elemento vita (terminazioni umane e animali) all'interno della fissità dello scenario compositivo. Definiti tra scienza e letteratura fantasy, i wormhole sono ipotesi intuitive che mantengono al loro interno il buio, per riversare luce di contrasto all'interno di paesaggi naturali e prospettive urbane.
Volkan Diyaroglu - Inekler gelirken - 2009 - collage e inchiostro su carta - cm 18x30
Nelle immagini sovrapposte, spazi e tempi sono collegati da passaggi improvvisi e onirici, di evocazione surreale. Finestre e armadi segnano la strada, aprendo una crepa nella realtà. Mucche, uomini, pesci e mani appaiono o cercano la fuga, e falle perdono acqua. Il meccanismo figurativo-compositivo di Diyaroglu scherza e permea immagini selezionate per il gusto dell’assurdo, ma anche pregne della drammatica ricerca di una fuga, di un ingresso, di un wormhole.

ginevra bria
mostra visitata il 19 marzo 2010


dal primo febbraio al 15 aprile 2010
Volkan Diyaroglu - Wormholes

a cura di Francesco Clerici
AR Contemporary Gallery
Via Marco Polo, 11 (zona Repubblica) - 20124 Milano

Orario: da martedì a sabato ore 11-19.30
Ingresso libero
Info: tel. +39 0245498902; fax +39 0245498354; info@contemporarygallery.it; www.contemporarygallery.it

[exibart]

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di ginevra bria
vedi calendario delle mostre nella provincia Milano
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Einstein, Francesco Clerici, ginevra bria, Volkan Diyaroglu
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram