fino al 29.I.2006 - Siri Kollandsrud – Same Sky, other Clouds - Roma, Accademia di Danimarca 3054 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
14/12/2018
L’universo in bottiglia. Ilaria Vinci vince l’ottava edizione del Menabrea Art Prize
14/12/2018
La casa sull'albero progettata dall'architetto Will Beilharz
13/12/2018
Milano da bere? No, “Milano da Vinci”. Apre il concorso dedicato alla città di Leonardo
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 29.I.2006
Siri Kollandsrud – Same Sky, other Clouds
Roma, Accademia di Danimarca

   
 Lavori su carta appesi con studiata noncuranza sulle pareti di un auditorium. Che diventa un raffinato teatro dell’inconscio. Per la regia di un’artista nordica di passaggio a Roma. Paesaggi inconsci e inquietudine... luca arnaudo 
 
pubblicato
L’Accademia di Danimarca a Roma è un’appartata Castalia a ridosso del verde di Villa Borghese, la cui sede -un gioiello dell’architettura razionalista di scuola scandinava, disegnato da Kay Fisker sul finire degli anni ‘60- ospita artisti e studiosi delle più diverse discipline. Nell’auditorium interno è in corso una concentrata personale di Siri Kollandsrud, pittrice di origini norvegesi residente a Copenaghen e attuale borsista dell’Accademia.
Impegnata da anni a sviluppare una significativa vena introspettivo-espressionista attraverso il mezzo pittorico, ma con frequenti incursioni nell’essenzialità del disegno, la Kollandsrud espone per l’occasione una serie di opere su carta realizzate nel corso del soggiorno in Italia. Sono lavori per lo più di medie dimensioni, presentati con trasparente minimalismo senza alcuna cornice o altri apparati espositivi, come ad amplificare la leggerezza del segno e dei colori impiegati per animare favole strettamente personali. Assai rilevante, in effetti, è l’elemento narrativo nelle immagini, espressioni di un inconscio che l’artista lascia emergere in termini spesso inquieti ma mai drammaticamente scomposti, mescolando presenze figurative, solitamente delineate a matita e carboncino, con fremiti di materia organica dove predomina l’energia cromatica delle tempere o dei pastelli. C’è, in generale, una traccia di dolenza tipicamente nordica, soprattutto nella definizione di situazioni emozionali sospese, disposte in una natura al contempo avvolgente e misteriosa, fatta di forme spesso indefinibili. Corpi -potrebbero essere cadaveri, ma anche rilassati villeggianti- che galleggiano immobili nelle acque di un lago circondato da alberi morbidamente irreali, ragazze che passeggiano lungo giardini impossibili portandosi con apparente noncuranza una bara sulle spalle, esseri antropomorfi colti in una quiete domestica di straniante normalità.
Siri Kollandsrud – Same Sky, other Clouds
Si va così a comporre un universo sorprendente, dove la linea sinuosamente nevrotica di Edvard Munch pare combinarsi a un rovello onirico degno di Francesco Clemente o Richard Tuttle, giusto per richiamare i primi riferimenti che vengono in mente. Trasportata, come recita immaginifico il titolo, sotto altre nuvole (presumibilmente quelle romane) di un medesimo cielo, l’inquietudine di Kollandsrud mantiene così la freschezza visiva propria del post-minimalismo che alcuni dei nomi appena citati tanto hanno contribuito a sviluppare, continuando ad alternare quella spontaneità e riflessione che, secondo il giudizio di Mai Misfeldt formulato in occasione di una sua precedente personale, costituiscono le caratteristiche più felici dell’artista.

link correlati
La pagina personale dell’artista

luca arnaudo
mostra visitata il 18 gennaio 2006


Siri Kollandsrud - Same Sky, other Clouds
Roma, Accademia di Danimarca,Via Omero 18 (Piazzale delle Belle Arti)
Dal 18 al 29 gennaio 2006
visite su appuntamento
per informazioni tel. 06-3265931 fax 06-3222717
accademia@dkinst-rom.org - www.dkinst-rom.dk


[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di luca arnaudo
vedi calendario delle mostre nella provincia Roma
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Dem, Edvard Munch, Francesco Clemente, Luca Arnaudo, Richard Tuttle
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram