libri_saggi - Futurismo. Dall’avanguardia alla memoria - (skira 2004) 3082 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
14/11/2018
Pornhub e Milo Manara insieme, per un gioco di carte. Red Light, ovviamente
14/11/2018
Palazzo Grassi racconta la sua lunga storia, per due giorni tra moda e arte
14/11/2018
Disney Pixar ha rilasciato il primo teaser trailer di Toy Story 4
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

libri_saggi
Futurismo. Dall’avanguardia alla memoria
(skira 2004)

   
 Marinetti, Dottori, Govoni, Balilla Pratella, Sant’Elia e molti altri. Gli archivi futuristi, in Italia e all’estero, tra fruizione pubblica e necessità di una corretta conservazione. Gli atti di un importante convegno. Un’occasione per parlare di scoperte, fortuna critica e ridimensionamenti… Duccio Dogheria 
 
pubblicato
La forma è quella canonica degli atti di un convegno: abbondanza di pagine, copiosità di autori, assoluto rigore scientifico a scapito di una semplicità espositiva a fini divulgativi. Le trentotto relazioni contenute, relative al Convegno internazionale di studi sugli archivi futuristi tenutosi al Mart di Rovereto il 13-15 marzo 2003, sono un’imprescindibile banca dati per chiunque voglia approfondire uno dei più importanti movimenti artistici italiani a partire dai suoi documenti. Materiale in gran parte inedito dal quale, prima o poi, scaturiranno mostre, pubblicazioni, fortune critiche, riscoperte e ridimensionamenti. E’ l’altra faccia della storia dell’arte, che non è bell’e pronta ma che al contrario chiede di essere studiata, svelata, approfondita con occhio critico. Un patrimonio che se ha l’Italia come luogo privilegiato di produzione, nei decenni è stato malamente disperso e che ora si trova frammentato in ogni angolo del mondo, come testimonia l’importante archivio di F. T. Marinetti conservato in parte al Getty Research Institute di Los Angeles e soprattutto alla Yale University Library.
La pubblicazione –e il convegno che n’è stato all’origine- tessono le fila di questo discorso interrotto, di questa diaspora di documenti, offrendoci una mappatura aggiornata degli archivi futuristi italiani e non solo appartenenti ad istituti privati e pubblici, fondazioni, collezionisti ed eredi degli artisti. I nomi che toccano questi documenti sono sia di primissimo piano –è il caso del già ricordato archivio di F. T. Marinetti- sia quelli delle numerose personalità-satellite che in qualche modo sono legate al movimento futurista, tutte comunque essenziali per un’approfondita analisi del fenomeno. Assai interessante è anche il poter confrontare, archivio per archivio, le differenti modalità gestionali, dalla raccolta del materiale al suo ordinamento, dall’inventariazione alle più o meno aperte modalità di fruizione da parte degli studiosi.
Tre le sezioni in cui si divide il libro: la prima ha al centro lo stretto rapporto tra archivi e collezioni d’arte, spesso imprescindibile come nel caso dello stesso Mart, possessore, tra i tanti, degli archivi di Severini, Carrà, Censi, Thayat, Depero e Crali; la seconda tratta, per casi, le modalità d’acquisizione e gestione degli archivi; la terza, infine, dilata la tradizionale percezione ‘cartacea’ dell’archivio, coniugandola con le moderne possibilità offerte dall’informatica, in primis Internet.
Le relazioni si alternano sul pendolo dell’utilità e della piacevolezza. Alcune, in modo forse un po’ troppo scontato, fissano semplicemente un punto della situazione, elencando il posseduto, le modalità d’acquisizione e la biografia del raccoglitore. Altre –indubbiamente più interessanti- fanno emergere, al di là di elencazioni e cifre, l’importanza storica e critica della documentazione archivistica. E’ questo il caso dell’archivio di Gianni Mattioli, dalle cui carte emerge -con gustosità quasi narrativa- il punto di passaggio in cui il futurismo, da movimento artistico ritenuto secondario, iniziò ad essere considerato come uno dei più importanti momenti della storia dell’arte.

articoli correlati
Il convegno sul Futurismo al Mart
Futurismo a Verona
Manifesto d’Arte Sacra Futurista, una mostra
Due generazioni di Futuristi a Bologna

duccio dogheria


Futurismo. Dall’avanguardia alla memoria/a cura di Elena Casotto e Paola Petenella - 1.ed. – Milano: Skira, 2004. – 412 p. 21 cm. - (Documenti de Mart; 8) ISBN 88-8491-791-3. Prezzo € 32,00. Contatti: Mara Vitali Comunicazione - Lucia Crespi, Corso Indipendenza, 1, 20129 Milano, tel 02.70108230, fax 02.70005403, e-mail arte@mavico.it, web www.skira.net

[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Duccio Dogheria
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Carrà, Depero, Dottori, Duccio Dogheria, F. T. Marinetti, Gianni Mattioli, Lucia Crespi, Severini, Thayat
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram