New York, la videoarte arriva sull'iPod 3071 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/06/2019
Tracce di assenza. All'Hotel Hilton Molino Stucky di Venezia le opere di Mimmo Catania
19/06/2019
Ad Alberto Angela la laurea honoris causa dell’Università Suor Orsola di Napoli
19/06/2019
Flaminia Bonciani e i colori degli anni ’80, al RUFA Space
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

New York, la videoarte arriva sull'iPod

   
  alice spadacini 
 
pubblicato

A quasi mezzo secolo dalla nascita della videoarte, nella stessa città, si assiste oggi alle più recenti configurazioni della tendenza. Il 9 dicembre 2005 la galleria Fine Art in Space di New York, in collaborazione con 31Grand, apre una mostra di video, curata da Heather Stephens, pensata esclusivamente a misura del re dei player, l'iPod. Gli artisti che esporranno i propri lavori a PodART hanno concentrato la proprie istanze creative nei 6,35 cm del display del nuovo modello video lanciato dalla Apple.
Gogol Bordello, Jason Clay Lewis, Nelson Loskamp, MTAA, Marisa Olson, Eugenio Percossi, Jean Pigozzi, Adam Stennett, Lee Walton e Jeff Wyckoff espongono sul piccolo schermo a colori, solo 320x240 pixel, che permette di visualizzare fino a 150 ore di filmati MPEG-4 e H.264. Ogni lavoro è stato concepito per essere venduto all'interno del proprio lettore, in edizione limitata.
La fruizione creativa orientata verso questo MTAA, Pirated Movie, video su iPod nuovo campo percettivo in miniatura si pone sulla stessa linea di Odys for Your iPod , una moderna 'odissea' attraverso una serie di narrazioni non lineari firmate da Nathaniel Stern, che è possibile visualizzare gratuitamente anche su iTunes.
Se il video d'artista fungeva da coscienza per la televisione di massa, queste piccole sequenze sapranno fare lo stesso per il noto player che ha stravolto il mercato, l'iPod, ormai integrato nella cultura popolare? Un oggetto che estremizza l'invasione del quotidiano cercata negli anni Sessanta dalle avanguardie, poiché si presenta come un plurifunzionale dispositivo portatile, anzi 'tascabile'.
Dalle ricognizioni di grandi sperimentatori come Nam June Paik siamo arrivati all'arte elettronica per dispositivi mobili: con la progettazione filmica per uno strumento multimediale come l'iPod si chiude un altro cerchio… (alice spadacini)

link correlati
www.31grand.com/podart.html

[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di alice spadacini
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Eugenio Percossi, Jean Pigozzi, Nam June Paik
 

3 commenti trovati  

25/03/2007
Barbara, Italian
http://www.videowork.net/linterbarbara.html
Molto interessante i vostri commenti e la homepage!

09/12/2005
crescenzio, arona
che simpatica purcaria!

08/12/2005
morimura
Nessun cerchio si chiude, si sta solo confondendo il mezzo con il fine.

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram