Roma in fiamme. Scoppiano i tre incendi digitali di Thyra Hilden & Pio Diaz 3078 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/11/2018
Homeating ti porta a cena nelle case di design a Napoli e in Costa d'Amalfi
14/11/2018
Pornhub e Milo Manara insieme, per un gioco di carte. Red Light, ovviamente
14/11/2018
Palazzo Grassi racconta la sua lunga storia, per due giorni tra moda e arte
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Roma in fiamme. Scoppiano i tre incendi digitali di Thyra Hilden & Pio Diaz

   
   
 
pubblicato

L
Giocano col fuoco gli artisti Thyra Hilden & PioDiaz, che a Roma presentano la videoinstallazione -divisa in tre location- dal titolo City On Fire - Bruciando le radici della culturaoccidentale.
La storia gloriosa della città, raccontata dalle sue monumentali architetture, accoglie –per contrasto- il medium digitale, diventando schermo di proiezione e superficie accesa di frame crepitanti.
Roma, emblema dell’antica cultura europea, è la prima tappa di un grande progetto ispirato all’elemento del fuoco, simbolo di costruzione, rinnovamento, evoluzione, distruzione e rinascita.
Il primo appuntamento è al supperclub. Quindi gli altri due interventi, l’incendio elettronico all'Accademia di Danimarca e quello della Fontana di Trevi, la notte di capodanno.


Thyra Hilden & Pio Diaz, City On Fire
Roma, supperclub - Via De' Nari 14
evento: 17 dicembre 2005, ore 22-00.00
mostra:17 dicembre 2005 - 1 gennaio 2006
Roma, Accademia di Danimarca
29 dicembre 2005, ore 18-20
Roma, Fontana di Trevi
31 dicembre 2005, ore 21-22
info: supperclub, tel +39 0668807207; fax +39 066869752
www.cityonfire.org
mail@cityonfire.org
thyra@thyrahilden.dk
evento realizzato con il sostegno del Danish Arts Council


[exibart]

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Dem, Pio Diaz, Thyra Hilden
 

2 commenti trovati  

15/02/2006
Pio Diaz, Argentino
http://www.piodiaz.dk
Dear antonioMuadib, di napoli. I am sorry you do not share with me the point of my art work, ore the concepts around my "forma d'arte". But let me point that indeed Occident, and specially Europe did started with "Philosophers and Thinkers" movement that oppressed the rest of the world. I know Italians does not play much of any roll in the XX more than combing in and out of strategic alliances. However I live in Denmark a democratic Socialistic Kingdom with a deep understanding on home security and external fulling around. This is a general feeling I get from all Europeans with the exemption of Norway.
And in fact: Imperialism and colonialism are two Ideas coming from the bottom of your belly, that Indeed mixed up Africa, Asia, and Latin America.

Lets have a final fire.
lets have a real one.

Pio Diaz


17/12/2005
antonioMuadib, napoli
mi sembra veramente ridicolo questa "forma d'arte",se lo è?la caltura occidentale è il portato di quella greca(filosofia),araba e oggi si appresta a confrontarsi con quelle orientali.credo che dovremmo scombrare il campo da ogni sciochezza che si ammanti di porformance artistica.cominciamo a capire che forse l'occidente non è la fonte di tutti i mali e che le altre culture siano verginali.volendo leggerle,tutte hanno cominciato con forme spirituali panteistiche relazionate al mondo della natura.solo succesivamente a quello di una unica divinità.ma credo che forse la filosofia sia l'unica scieza che in maniera speculativa abbia, e cerca di capire la realtà della vita sul pianeta,mare-terra.un saluto

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram