fino al 17.X.2006 - Giuseppe Chiari / Piero Mottola - Roma, Studio Stefania Miscetti 3086 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/02/2019
La Reggia di Versailles come non l'avevate ancora vista. In 3D
15/02/2019
Tutte le poesie di Kandinskij, in un nuovo volume a colori
14/02/2019
Tecnologia in gioco, per l’arte. Una conversazione all’Accademia di Verona
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 17.X.2006
Giuseppe Chiari / Piero Mottola
Roma, Studio Stefania Miscetti

   
 Un maestro e un seguace. Uniti in una performance e a confronto in una mostra. Un’Idea generatrice e la sua Evoluzione. In una Roma in aria di vigilia. Aspettando la Notte Bianca... daniela trincia 
 
pubblicato
“Un bambino che parla. Una sedia che si sposta. Una suoneria di cellulare. Un cane che ansima. Un piccolo sibilo. Un rumore metallico. Un colpo di tosse. Chiacchiericcio. Di nuovo una suoneria di cellulare. Passi. Rumori sommessi. Un rumore metallico. Sempre il bambino… ”. Così, seduto sullo sgabello di fronte al pianoforte -i gomiti poggiati sulle ginocchia- con un filo di voce e l'aria distratta, Luca Miti dona la parola ai suoni-rumori intorno a sé, dentro e fuori la galleria. È Fuori di Cornelius, dedicato a Giuseppe Chiari. Poi esce di scena. Dopo pochi minuti rientra, si siede nuovamente al pianoforte e con gesti malfermi e apparentemente insicuri, come se stesse cercando delle note o trovando una sequenza, con il dito di una sola mano accarezza i tasti dello strumento. “Bisogna non saper suonare per interpretare questo brano. Lo hanno eseguito due bambini molto meglio di me” sono le parole che chiudono la performance.
Ad entrare in scena, ma sedendosi di fronte ad un computer, è ora Piero Mottola con le sue Distanze emozionali, sistema compositivo da lui ideato che può essere considerato l’evoluzione della ricerca di Chiari attraverso l’utilizzo del digitale. Con i suoi brani composti con il suono-rumore, Mottola mira infatti a creare delle associazioni emozionali che, protratte nell’esecuzione del componimento, danno vita alle “passeggiate” (termine adottato da Mottola per indicare questo prolungamento temporale).
Piero Mottola, ambiente acustico E.10, 1997
Attraverso la scelta di determinati suoni e il loro susseguirsi, egli vuole suscitare nello spettatore differenti suggestioni e generare, dunque, una sorta di percorso emozionale.  Alla quarta edizione -per fortuna quest’anno senza pioggia- la Notte Bianca catalizza nella Capitale l’attenzione generale e l’organizzazione di numerose manifestazioni: quest’anno circa quattrocento. E nell’oceano di proposte, molte -fortunatamente- non squisitamente d’intrattenimento, si collocano le performance di musica d’avanguardia e di sperimentazione di Piero Mottola (Caserta, 1967) e Giuseppe Chiari (Firenze, 1926). O meglio, del sostituto di Giuseppe Chiari, Luca Miti, tra i più accreditati discepoli del Maestro, di cui più volte ha eseguito le opere. Ormai ottuagenario, Chiari centellina infatti le sue apparizioni.
Inserito a pieno titolo nel folto elenco degli artisti che diedeGiuseppe Chiari, Senza Titolo ro linfa al già storicizzato movimento Fluxus -insieme a Joseph Beuys, Arman, César e Brecht , solo per citarne alcuni- Chiari è l’unico protagonista italiano. Sin dagli anni Sessanta inizia la sua sperimentazione musicale e, in linea con lo spirito Fluxus, procede alla fusione di tutte le arti, per abolirne i rigidi confini tra arti visive, musica, teatro e letteratura. Mentre Mottola muove i suoi passi dagli insegnamenti di Sergio Lombardo, con la sua Scuola Eventualista. Di entrambi gli artisti sono esposti in galleria alcuni lavori. Quelli di Chiari, seppure attraverso un’esigua sezione, testimoniano l’utilizzo di tecniche diverse, quali il collage e la pittura. Di Mottola sono esposte le rappresentazioni grafiche e le stampe digitali del tracciato computerizzato del suono del suo sistema compositivo, e due registrazioni sonore tra loro molto diverse, che procedono per “associazioni di idee”. Un senso di assoluta leggerezza, con il rumore del mare e dell’acqua, caratterizza l’una; mentre l’altra, al contrario, è pervasa da un senso di pesantezza, di angoscia, con un respiro affannoso e sbattere di porte. Chi non avesse potuto prendere parte alla performance ha inoltre la possibilità di vedere il video realizzato durante l’evento.

daniela trincia
mostra visitata l’8 settembre 2006


Giuseppe Chiari / Piero Mottola - Opere ed emissioni
a cura di Mario De Candia e Patrizia Ferri
l’evento “Opere ed Emissioni – partiture e azioni sonore di Giuseppe Chiari e Piero Mottola” è in collaborazione con lo Studio Pino Casagrande
Roma, Studio Stefania Miscetti
via delle Mantellate 14 (trastevere-via della lungara) - 00165
tel./fax 06 68805880 - mistef@iol.it
dal lunedì al venerdì dalle ore 16 alle ore 20
dall’8 al 17 ottobre 2006


[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di daniela trincia
vedi calendario delle mostre nella provincia Roma
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Daniela Trincia, Fluxus, Giuseppe Chiari, Joseph Beuys, Patrizia Ferri, Piero Mottola, Pino Casagrande, Sergio Lombardo, Stefania Miscetti
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram