fino al 26.XI.2006 - Oltre Lilith. Il Femminino Sacro - Frascati (rm), Scuderie Aldobrandini 3063 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
10/12/2018
Il Premio Fabbri si apre alla fotografia. Ecco i vincitori della sesta edizione
09/12/2018
La storia della grafica dal XIX secolo ai giorni nostri, nei due nuovi volumi editi da Taschen
08/12/2018
Al Castello di Rivoli, Milovan Farronato e Carolyn Christov-Bakargiev ricordano Chiara Fumai
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 26.XI.2006
Oltre Lilith. Il Femminino Sacro
Frascati (rm), Scuderie Aldobrandini

   
 Un paio di scarpe rosse. Inizio e fine di un percorso intellettuale e creativo tutto al femminile. Da esplorare passo dopo passo. Nei lavori di ventidue artiste internazionali… manuela de leonardis 
 
pubblicato
Rappresentano la memoria e l'evocazione della figura materna quelle scarpe rosse con i bottoncini fotografate in pieno isolamento da Ishiuchi Miyako (1947). Il percorso di Oltre Lilith. Il Femminino sacro comincia proprio con le immagini dell’artista giapponese, per concludersi al piano superiore con la provocatoria installazione di Monika Grycko (Varsavia, 1970). Other Gods Against my Face é un lavoro che ruota intorno alla statua di un’ibrida Madonna nella triplice versione di Maria Vergine, Eva e Lilith, che prevede tra i vari oggetti di culto, emblema della cultura popolar-consumistico-trash dei nostri tempi, un paio di scarpe rosse dai tacchi alti.
La sacralità -il Femminino Sacro per l’esattezza- è il tema di questa terza edizione della rassegna, ideata e realizzata a partire dal 2004 da Rosetta Gozzini. La scelta della curatrice si è orientata, stavolta, verso quelle artiste che si esprimono attraverso le quattro fasi energetiche che, ciclicamente, ogni donna affronta nella propria esistenza: caccia (verginità), nutrimento (madre), sogno ed esplorazione.
Uno sguardo alla dea per eccellenza, allora, la Madre Terra, e alle sue figlie d’Africa, continente di tradizioni ancestrali: Seni Camara (Senegal, 1945), le cui sculture in terracotta ricordano gli gnomi delle cattedrali romaniche, ed Esther Mahlangu (Sudafrica, 1935) che proietta sulla tela e sugli oggetti i colori vivacissimi delle pitture murali della sua etnia, la tribù Ndebele.
La sacralità e la ritualità affiorano anche nelle polaroid e nelle performance di Maria Magdalena Campos-Pons (Matanzas, Cuba, 1959), che si ricollega alla tradizione afro-cubana e nei volti delle donne africane incorniciati da copricapi spettacolari, veri e propri diademi di stoffa arrotolata, che ritrae in bianco e nero Paola Mattioli (Milano, 1948).
Soyen Cho, Beautiful Monster, 2005 Istallazione, materiale plastico 300 x 250 cm courtesy Galleria Michela Rizzo - Venezia
La fotografia -anche nella sua evoluzione dinamica che è il video con Alessia De Montis e Tessa M. Den Uyl- è forse la tecnica più utilizzata dalle artiste. Non solo lavori fotografici incentrati sul corpo femminile nelle varianti metaforiche e metafisiche, come quelli di Marina Abramovic (Belgrado, 1946), Vanessa Beecroft (Genova, 1969), Maree Azzopardi (Australia, 1966), Cecilia Paredes (Lima) e Luisa Raffaelli (Torino), ma anche riflessioni che spaziano dalla religiosità, con le Madonne in versione “santino” di Bruna Biamino (Torino, 1956) e al mistero della maternità con Luce-Luisella Torreforte (Matera).
C’è anche chi, pur dipingendo, lo fa con l’occhio lucido dell'obiettivo. Come Chiara Albertoni (Padova, 1979), con i suoi quadri a olio di sapore botanico o Vania Comoretti (Udine, 1975) che trascrive con acquarello, china e pastello i mutamenti psicologici di un volto femminile, nentre Amparo Sard (Maiorca, 1973) sagoma figure perforando la carta. Forme irregolari e liquide per Rebecca Horn (Michelstadt, Germania, 1944) e Ieva Mediodia (Lituania), che trovano un filo conduttore nelle sculture (prevalentemente di marmo) di Mog-Morgana Orsetta Ghini (Roma, 1978) e nelle installazioni (prevalentemente di materiale plastico) di Soyen Cho (Seoul, 1974).

articoli correlati
Altre Lilith. Le Vestali dell’Arte – Terzo Millennio
Lilith. L’aspetto femminile della creazione

manuela de leonardis
mostra visitata il 14 ottobre 2006


Oltre Lilith. Il Femminino sacro. a cura di Rosetta Gozzini
Frascati (Roma), Scuderie Aldobrandini, Piazza Guglielmo Marconi, 6
Orario mart.-ven. 10-18; sab.-dom. e festivi 10-19 (chiuso lun.)
Biglietto intero € 5,16 – ridotto € 2,58 - per informazioni tel. 069417195
www.zetema.it - catalogo Gangemi


[exibart]

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di manuela de leonardis
vedi calendario delle mostre nella provincia Roma
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Abramovic, Afro, Alessia De Montis, Bruna Biamino, Cecilia Paredes, Chiara Albertoni, Dem, Esther Mahlangu, Guglielmo Marconi, Luisa Raffaelli, Manuela De Leonardis, Marina Abramovic, Paola Mattioli, Rebecca Horn, Rosetta Gozzini, Seni Camara, Vanessa Beecroft, Vania Comoretti
 

2 commenti trovati  

19/10/2006
dani
concordo !
se poi simettevano anche i link sui nomi degli artisti citati , era la fine !


19/10/2006
morimura
ma che razza di recensione è questa? il comunicato stampa era più critico!!!

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram