fino al 5.I.2007 - Fabio Viale - Torino, Gas Art gallery 3069 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
22/06/2019
L'Adidas ha annunciato una capsule collection omaggio a Keith Haring
21/06/2019
La scuola di Twin Peaks verrà demolita a luglio
21/06/2019
Valentino Catricalà è il direttore della sezione arte di Maker Faire Roma
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 5.I.2007
Fabio Viale
Torino, Gas Art gallery

   
 Il condizionamento delle masse. Attraverso l’allucinazione ed il miraggio, ovvero il culto dell’immagine. Una personale composita che, con eleganza e discrezione, spazia dalla videoarte alla scultura…  Sonia Gallesio 
 
pubblicato
Ciò che appare, che si palesa con ingannevole immediatezza, codifica e regolamenta la percezione della realtà. Guida i desideri e i bisogni dell’individuo medio, sia esso consumatore di prodotti commerciali, oppure di valori etici, culturali o religiosi. Molto di quello che seduce diviene indispensabile, irrinunciabile. La recente produzione di Fabio Viale (Cuneo, 1975; vive a Torino) rimanda appunto al culto dell’apparenza, all’inebriante potere dell’inganno, ma anche alla diffusa idolatria dell’oggetto inteso quale bene materiale.
A testimoniare l’estrema versatilità espressiva e tecnica dell’artista, le opere in mostra presentano una natura decisamente varia: si tratta di sculture, installazioni (Flat Line, 2006, putrella di marmo bianco poggiata su basi), stampe lambda e video.
I souvenirs di Viale sono le tracce rintracciabili dei condizionamenti collettivi, retaggio sociologico di input e valori costruiti su impalcature fittizie. Frammenti di miraggio che si disgiungono e rimangono a terra, insomma, concreti perché materializzati. Emblematico del concetto di condizionamento è sicuramente Ridi–Sorridi, filmato su dvd in cui un cane muove muso e bocca a comando, sulla falsa riga delle espressioni umane.
Altro aspetto pregnante, che nulla ha a che vedere con una volontà dissacratoria, è l’impulso irresistibile a sottrarre e separare virtualmente parFabio Viale, Pneuma, 2 ruote, marmo nero - 55 x 35 x 20, 2006 ticolari porzioni di opere d’arte di grande riconoscibilità. Eccezionali bottini che indirizzano su di sé l’attenzione dello spettatore e divengono punto di partenza per confronti e riflessioni. Accade con il pene ed i testicoli di un David del tutto ignaro, e con la testa di Marconi, staccata dal suo busto fiero e tenuta serenamente sotto un braccio, come si farebbe con un pallone. La mutilazione più suggestiva, probabilmente, è quella riguardante la Pietà di Michelangelo: a grandezza naturale, il Cristo marmoreo rapito alla pia stretta della Vergine Maria è deposto al centro della sala, davanti all’immagine muta della sua assenza. La stampa in bianco e nero che fa da fondale presenta, con nuda verosimiglianza, i solchi prodotti dai colpi che avrebbero consentito il distaccamento.
Conclude l’esposizione una serie di sculture raffiguranti semplici artefatti ricavati dall’incontro di pneumatici illusoriamente plasmabili, dal battistrada intagliato sulla superficie liscia e fredda, intrecciati a formare morbide legature in marmo nero (Nodo e Due ruote).

articoli correlati
Fabio Viale ad artissima 13
Viale tra i finalisti del premio Cairo 2007

sonia gallesio
mostra visitata il 18 novembre 2006


Fabio Viale – Souvenirs - fino al 5 gennaio 2007
Torino, Gagliardi Art System Gallery, c. so Vittorio Emanuele II, 90 tel. + 39 011 197.000.31 - orari: dal martedì al sabato, dalle h 15.00 alle 20.00
ingresso: libero - per info: gallery@gasart.it - www.gasart.it


[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Sonia Gallesio
vedi calendario delle mostre nella provincia Torino
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Fabio Viale, Michelangelo, Sonia Gallesio
 

7 commenti trovati  

08/02/2007
lollo
Caro Buro se gli si rompono le aggiusta o le rifà; la pena e la fatica dello scolpire son fatti suoi.Possibile che tutto si esaurisca su dettagli tecnici e fatica muscolare? Siamo a livello di fiere strapaesane.
Si esprime un giudizio su quello che si vede; e per me c'è solo superficie, tutta forma, niente sostanza.


07/02/2007
buro
lollo ti trovo alquanto impertinente !
riesci a comprendere l'equilibrio delle sculture di Viale, la loro fragilita' , hai mai sofferto quanto lui per un 'opera , come credo sia accaduto, andata in frantumi ......?
cio' che e ' effimero E'ARTE , CIO CHE STA IN PRECARIO EQUILIBRIO TRA SPAZIO E TEMPO LO E' ,se poi consideri che Viale
ci mette anche il cuore e i polmoni ed e' piu' che sufficiente per definirla ARTE ;

dammi retta Lollo riponi le enciclopedie


21/01/2007
lollo
Se la valutazione di un artista o presunto tale, si basa esclusivamente su questioni tecniche allora siamo fuori strada.
E non è una questione di invidia o ipocrisia.
Qualsiasi bravo artigiano della versilia è in grado di fare quello che fa Viale.
La cosa che urta è che simili manufatti, di buona fattura artigianale appunto, vengano presentati come opere d'arte.
Non vi si trova mistero, tensione, sentimento, poesia...bellezza, solo freddo mestiere di pantografo. Poi il tentativo di trasportare il tutto su un piano concettuale risulta francamente ridicolo.
Comunque se vi piace... ci mancherebbe altro... ma non si facciano paragoni col Buonarroti, perchè così dimostrate di non aver capito proprio niente.


20/01/2007
stefania grillo, catania
infatti per essere un bravo scalpellino è arrivato fin qui a soli trent'anni, michelangelo, con tutto il rispetto, è diventato michelangelo solo dopo essere morto già da un po!
odio lìipocrisia e l'invidia...io sono una scultrice non mi sento inferiore a nessuno, ma se c'è qualcuno che riesce a trasmettere delle emozioni con il solo uso di un banalissimo pezzo di marmo che venga pure!!l'arte è bella perchè è un mondo fantasticamente misterioso nessuno di noi sa cosa sia, quindi smettila di fare il saputello e di dire che l'arte e tutt'altro!


23/12/2006
lollo
Viale sei un bravo scalpellino ma l'arte è tutta un'altra cosa.


22/12/2006
Ludovico, rome
sarà bravo, ma perchè questa eccessiva finitezza del marmo? Trovo molto più contemporaneo un non finito di michelangelo, no no bisogna andare oltre il perfezionismo tecnico...tutti questi significati poi!

20/12/2006
gi
bravo fabio

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram