fino al 5.XII.2007 - Concetta Modica - Napoli, Umberto Di Marino 3078 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/12/2018
Stranger Things, dalla serie tv al videogioco in 16-bit
18/12/2018
Oscar 2019: Dogman fuori dalle nomination come miglior film straniero
17/12/2018
Scoperta in Egitto la tomba di un alto sacerdote, perfettamente conservata dopo 4mila anni
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 5.XII.2007
Concetta Modica
Napoli, Umberto Di Marino

   
 Filosofica, ma con moderazione. Tra cioccolato di Modica e relitti di carretti, bagnati in oro o meccanizzati. Così si consuma, letteralmente, la riflessione sul “tempo” dell’artista sicula. Perché anche l’occhio, e lo stomaco, vogliono la loro parte... mara de falco 
 
pubblicato
Un cerchio nero su una parete lattea. Segno grafico, che solo a una visione ravvicinata tradisce la sua tridimensionalità: “È la ruota di un carretto siciliano”, svela Concetta Modica (Modica, 1969; vive a Milano). Incassato nel muro, il relitto accoglie i visitatori e, girando incessantemente, li ipnotizza. Apparentemente algida, quella minimale traccia geometrica si carica di eco e contenuto. Esordio di un’esplorazione sul tema del “ritorno” e della “ciclicità” di vichiana memoria. Ed eccolo, Giambattista Vico, in un angolo della stanza adiacente, ridotto a microscopica miniatura mentre, imprigionato e arrancante dentro una nuda colonna tortile, tenta di risalire la china del suo stesso pensiero. Impervia impresa per chi sull’idea della storia come eterna spirale ha fondato la propria filosofia di vita.
La riflessione si sposta su un tavolo, fra minute installazioni, in una carrellata di Paradoxa. Che la storia sia reiterazione di accadimenti sempre simili lo dimostrano i ridondanti proclami dei politici che -in tempi di battage elettorali- riempiono le loro bocche e le nostre teste. Frasi che, a guisa di eluso memorandum, spuntano a sorpresa scartocciando i baci di Modica, lingotti di cioccolato offerti in pasto agli avventori. Gustosa trovata dell’artista sicula, che rende manifesta un’imperitura quanto estesa certezza, giocando la carta del prodotto tipico. Concetta Modica - One more time - 2007 - video - 58'' - courtesy Umberto Di Marino Arte Contemporanea, Napoli - photo Enzo VeloA seguire, un accumulo di timbri, emblemi della transitorietà burocratica, si fa suggello di sentenze -in saecula saeculorum, finché morte non ci separi- che rimandano all’idea di un tempo perpetuo.
Ma allora, cosa rende la realtà imprevedibile se il “tutto” si riduce a perenne replica? Noi, ovviamente. È il nostro approccio al “tutto” a restituirgli unicità. Modica lo dimostra mutandosi in una sorta di re Mida. “One touch of mine, ossia, un mio tocco -dice l’artista- trasforma un vecchio utensile, come la vite di un carro, in un prezioso gioiello”. Così come la decisione di collezionare sassolini basta a investirli di un inestimabile valore. Decontestualizzazione di oggetti che trovano dignità se collocati in uno spazio artistico. Discorso che, da un canto, guarda al ready made duchampiano come indagine sul potere demiurgico racchiuso nella sola volontà dell’artista. Dall’altro, strizza nuovamente l’occhio al filosofo partenopeo e al principio del verum/factum, secondo il quale l’unica verità accessibile è quella raggiunta attraverso il “fare”. Dunque, ciò che è identico può, tramite l’elaborazione creativa, assumere illimitate sfumature.
La foto di un paesaggio trasferita su carta carbone non dà il medesimo risultato se tra i due supporti vengono interposti filtri differenti. I petali di una rosa o la trama di un foulard filtrano diversamente l’immagine di partenza, rendendo dissimili i disegni finali. Ma, soprattutto, l’emozione che guida la mano dell’artista in un istante non sarà uguale a quella che la piloterà un attimo dopo. È come gettare sassi nell’acqua e non ottenere mai la stessa increspatura sulla superficie. Sembra, questa, la chiosa al video proiettato sul pavimento dell’ultimo ambiente della galleria. Dove, al ritmo di un impenitente ticchettìo, i ciottoli danno emblematicamente corpo alla frase che titola la mostra: One More Time.

articoli correlati
Concetta Modica a Palazzo Isimbardi a Milano

mara de falco
mostra visitata il 4 ottobre 2007


dal 4 ottobre al 5 dicembre 2007
Concetta Modica - One more time
Umberto Di Marino Arte Contemporanea
Via Alabardieri, 1 (zona Chiaia) – 80121 Napoli
Orario: lunedì ore 16-20; da martedì a sabato ore 10.30-13.30 e 16-20
Ingresso libero
Info: tel + 39 0810609318; fax +39 0812142623; info@galleriaumbertodimarino.com; www.galleriaumbertodimarino.com


[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di mara de falco
vedi calendario delle mostre nella provincia Napoli
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Concetta Modica, Mara De Falco
 

6 commenti trovati  

19/10/2007
umbè, ascoli
forte. misteriosa. sentimento e ragione. modicafilosofica...

17/10/2007
daniela, napoli
gioacchino da fiore ma dimmi la verità
tu la mostra l'hai vista?


17/10/2007
silvia, roma
l'eleganza e la forza, il razionale che nasconde l'emotivo
forte lavoro formale
mostra di grande spessore
complimenti


16/10/2007
gioacchino da fiore, cesena
Una mostra di molto sotto gli standard di Umberto di Marino. Un po' deboluccia e poco attraente.

16/10/2007
de falco aquila
Bella mostra, ottima recensione

15/10/2007
anonima diabetica
...ma i cioccolatini di modica alla mostra tua erano troppo bbuoni....please ci dici come fare per recuperarli?...ne ho assaggiata una metà e mi è bastata per restarne a rota...cuncetttaaa aiutaci tu...slurp!!!!

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram