fino al 22.III.2009 - Byzantium 330-1453 - London, Royal Academy 3087 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
24/06/2019
Creare un'opera in galleria. A Parma il secondo appuntamento di ART in PROGRESS
24/06/2019
A Lucca torna LuBi, la Biennale internazionale della carta. Aperte le iscrizioni per partecipare all’evento
22/06/2019
L'Adidas ha annunciato una capsule collection omaggio a Keith Haring
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 22.III.2009
Byzantium 330-1453
London, Royal Academy

   
 Una decina di secoli in Accademia. Un progetto mastodontico e a forte rischio di noia. Risolto però in maniera magistrale. Per rivalutare un periodo schiacciato fra due giganti storici. Non solo icone a Londra... paola cacciari 
 
pubblicato
Nel XVIII secolo lo storico inglese Edward Gibbon liquidò le vicende dell’Impero bizantino come un periodo di decadenza morale e intrighi politici. Lo stesso aggettivo “bizantino” è nel tempo divenuto sinonimo di tortuosa complessità.
Schiacciata tra gli splendori del mondo antico e le glorie del Rinascimento, in quella terra di nessuno che si chiama Medioevo, l’arte bizantina risente ancora oggi del peso di questi pregiudizi passati. Una fama negativa dura a morire. Ed è un peccato. Perché il contributo di Bisanzio alla civiltà europea fu immenso. L’imperatore Costantino prese due decisioni che cambiarono il mondo: pose fine alla persecuzione dei cristiani e fondò una nuova città, Costantinopoli, che divenne il simbolo stesso della civiltà bizantina.
La Royal Academy esamina le conseguenze di queste decisioni. Anonimo - Santo Stefano - 1108-13 ca. - tessere su stucco - cm 218x118x7 - Santa Sofia, KievUn compito mastodontico. Perché raccontare undici secoli di storia (dalla fondazione di Costantinopoli nel 330 alla sua caduta nel 1453 per mano dei turchi ottomani di Maometto II) senza perdersi in interminabili elenchi visivi è difficile. Ma i curatori di Byzantium 330-1453 ci sono riusciti, incastonando gli oltre trecento fragili tesori che compongono quest’eterea Bisanzio, trasportata per l’occasione nelle terre nebbiose della “perfida Albione”, in maneggevoli segmenti tematici in cui trovano posto avori raffinati e sfavillanti micromosaici, manoscritti miniati, santi austeri e dolci madonne e oggetti rari come la Patena di Rhia (566-78), dove Cristo è rappresentato due volte.
Sacri o profani, creati per la casa o per la corte, questi oggetti sono accomunati dall’uso di materiali preziosi e da una tecnica che è essa stessa arte allo stato puro. Arte che abbraccia anche gli oggetti più prosaici, quelli quotidiani per intenderci, come le ceramiche, il cui disegno raffinato e la trattenuta eleganza delle forme sono così sorprendentemente moderni da apparire contemporanei.
Ma la vera anima di Bisanzio sta soprattutto nella forma d’arte che è divenuta il simbolo della Chiesa orientale: l’icona. E questa mostra non dimentica di esaminare quell’eredità di immagini che tanta importanza ha avuto nel dialogo con l’occidentale. Un’arte, quella bizantina che anche nelle sue forme più astratte non rinnega mai completamente le sue radici classiche. E in cui il naturalismo dell’antichità si evolve in un’arte religiosa che immobilizza il tempo.
Anonimo - Patena di Rhia - 565-78 ca. - argento dorato e niello - diam. cm 35 cm - Byzantine Collection, Dumbarton Oaks, Washington
Mille anni di declino? Guardando la splendida icona dell’Arcangelo Michele (XII sec.) sottratta alla cappella di palazzo durante il Sacco di Costantinopoli nel 1204, nulla pare più lontano dalla tesi di Gibbon. Certo, possiamo interpretare questa composta calma come stasi, anche se forse sarebbe più giusto considerarla come il desiderio di continuità in un mondo che cambia troppo in fretta. E la Royal Academy lascia a noi la scelta.

articoli correlati
Riflessi di Bisanzio. Capolavori d’arte dal Museo Bizantino e Cristiano di Atene ai Musei Capitolini

paola cacciari
mostra visitata il 25 ottobre 2008


dal 25 ottobre 2008 al 22 marzo 2009
Byzantium 330-1453
a cura di Robin Cormack, Maria Vassilaki e Adrian Locke
Royal Academy of Arts - Burlington House
Piccadilly - W1J 0BD London
Orario: da sabato a giovedì ore 10-18 (ultimo ingresso ore 17.30); venerdì ore 10-22 (ultimo ingresso ore 21.30)
Ingresso: intero £ 12; ridotto £ 10/8
Catalogo £ 55/27,95
Info: tel. +44 02073008000; www.royalacademy.org.uk


[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di paola cacciari
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Adrian Locke, Maria Vassilaki, Robin Cormack
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram