fino al 30.I.2004 - I libri di Maria Lai - Cagliari, ExMà 3076 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
12/12/2018
Kant nostro contemporaneo. A Villa Mirafiori, si celebra il pensiero di Emilio Garroni
12/12/2018
Nuditas. Da Maxima Gallery, le anatomie contemporanee di Lady Tarin e Roberto Kusterle
12/12/2018
Il cane, maestro di vita e di arte. Se ne parlerà a Palazzo Grassi
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 30.I.2004
I libri di Maria Lai
Cagliari, ExMà

   
 Allieva di Arturo Martini approda alle scritture asemantiche negli anni Settanta. Definita artista del libro, un’antologica vuole delinearne il percorso dalla Biennale veneziana ad oggi. Dopo Roma i libri di Maria Lai arrivano a Cagliari… Roberta Vanali 
 
pubblicato
“Io credo che manchi nel mondo una tradizione che è andata perduta, quella dei cantastorie. Non ci sono più cantastorie. Forse, se non fossi andata a studiare avrei fatto questo…” Così come i cantastorie vagando di città in città narravano vecchie credenze popolari, racconti fantastici o tratti dalla realtà del tempo, allo stesso modo Maria Lai (Ulassai, 1919) districa fili di memoria, cuce e scuce liricamente infinite pagine di vita. Sono di stoffa, ceramica, tela grezza, jeans e perfino di pellicola trasparente i libri che l’artista imbastisce fin dagli anni Settanta. Dall’esperienza della Biennale veneziana, dove presenta i suoi primi libri-oggetto, sono trascorsi venticinque anni. Da questo traguardo prende avvio l’antologica che ripercorre le tappe fondamentali che Maria Lai ha dedicato al libro d’artista.Maria Lai Senza risposta 1990
Venti le opere in mostra introdotte da Biografia bianca, presentato a Venezia, che ben incarna la produzione propria degli anni Settanta. Di poco successivo è il libro-diario Trattato di Borges ricavato dal bisso e arricchito dall’inserimento di foglie di rosa. Negli anni Ottanta l’artista si cimenta nelle enigmatiche Geografie. Evocano mappe astrali o antichi portolani le metaforiche rappresentazioni degli spazi immensi della sua terra che hanno dato origine a Notturno e Libro in cassetta. Agli anni Novanta appartengono Millequattrocentonovantadue, ispirato alla scoperta dell’America e Il mare ha bisogno di fichi, poetico omaggio all’alluvione fiorentina e ai libri perduti che non potremmo mai leggere.
Da non trascurare Diario di Bordo, libro-scultura in ceramica dipinta, e Curiosape in tela jeans dove l’artista ha cucito piccoli scampoli, memori dei collages infantili, in relazione alle mitiche Janas. Chiude l’esposizione l’ultima opera in ordine cronologico: Il tessitore. Realizzato in terracotta, il volume è rappresentato chiuso e con il solo elemento dinamico che si riduce all’intersezione dei fili d’ottone, allegoria del telaio.
Maria Lai cuce e tesse frammenti di realtà vissute, fiabe che rappresentano una sintesi tra la memoria individuale e quella collettiva. L’affabulazione è per l’artista una sorta di ritorno alle origini sotto forma di gioco. Una provocazione fatta di scritture asemantiche che narrano la poesia del gesto creativo e la drammaticità delle inquietudini umane.

articoli correlati
Maria Lai alla Galleria Comunale
Il progetto con Antonio Marras
Come un gioco
Maria Lai al MART
Time in Jazz
Maria e il Museo dell’Olio
904>Lavori in corso 10
L’atelier sul mare

roberta vanali
vista il 7 novembre 2003


I libri di Maria Lai – Venticinque anni di libri d’artista
ExMà Via San Lucifero 71 Cagliari (zona San Benedetto)
Orario 9 – 20 tutti i giorni escluso lunedì
Ingresso € 6.50 intero, € 3.25 ridotto
Telefono e fax 070 666399
Informazioni sirai@siraiservizi.comexma@tiscali.it  
A cura di Maura Picciau
Testi in catalogo M. Picciau, A. di Genova


[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Roberta Vanali
vedi calendario delle mostre nella provincia Cagliari
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Antonio Marras, Arturo Martini, Maria Lai, Roberta Vanali
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram