fino al 4.IX.2005 - Alfredo Jaar / Estetica della resistenza - Como, sedi varie 3086 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/12/2018
Stranger Things, dalla serie tv al videogioco in 16-bit
18/12/2018
Oscar 2019: Dogman fuori dalle nomination come miglior film straniero
17/12/2018
Scoperta in Egitto la tomba di un alto sacerdote, perfettamente conservata dopo 4mila anni
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 4.IX.2005
Alfredo Jaar / Estetica della resistenza
Como, sedi varie

   
 Resistere, resistere, resistere. Imperativo dell’arte contemporanea. L’adesione ad un progetto di opposizione alle categorie stereotipate della realtà. In mostra i nuovi progetti del Corso della Fondazione Ratti... claudio musso 
 
pubblicato
Esistenza quotidiana – Resistenza quotidiana sembra lo slogan adatto per aprire la mostra conclusiva del Corso Superiore di Arti Visive della Fondazione Ratti. In realtà, nella sua forma di scritta a caratteri cubitali, campeggia nell’opera di Juliane Wedell (Lipsia, 1978), una dei venticinque selezionati di quest’anno. Non solo uno slogan allora, bensì un manifesto, un aforisma partorito alla luce degli itinerari di riflessione percorsi sotto la guida del visiting professor Alfredo Jaar.
L’arte, dunque, può opporsi agli andamenti rigidi e prestabiliti, cercando un contatto con la realtà, senza per forza rimanerne prigioniera. La videoinstallazione sulla Casa del fascio, ad esempio, instaura un dialogo con le precise forme del progetto di Terragni e rivela un attento studio dell’architettura insieme ad velata ammirazione. Tutto ciò però non esime l’artista dallo sfruttare lo “schermo” offertogli dal celebre edificio per trasformarlo nella stele funeraria di Gramsci.
E’ necessario varcare due colonne per intraprendere il percorso dentro l’ex-Ticosa: una, ben camuffata nella struttura portante, ha tutti i caratteri dell’intromissione, l’altra, meno stabile, è costruita con i cataloghi delle edizioni passate del corso. Tutte e due formano il lavoro di OZMO (Pontedera, 1975).

L’interazione con lo spazio, che si tratti dell’edificio o del centro urbano, prende il sopravvento nelle opere presentate. Da un lato i video, che usano questi spazi come location, dall’altro la documentazione di interventi esterni, dall’altro ancora il legame diretto. L’intensità ossessiva delle immagini si riverbera ridondante nell’ambiente circostante, in forma ritmico-sonora, nel lavoro di Andreas Golinski (Essen, 1979). Le Connessioni di Andrea Nacciariti (Ostra Vetere, 1976) “scendono in campo” tracciate da una lunga fila di neon, con un riferimento ad un acquerello di Mario Radice. Il battito leggero e costante di un ‘quintetto’ di martelli, impegnati in una jam-session è la proposta di Jeremy Boyle (Pittsburgh, 1975), mentre per Stefano Mandracchia (Brescia, 1976) e Nark BKB (Bassano del Grappa, 1975) è stato interessante interagire con l’area dismessa del complesso alla ricerca di nuove funzionalità.

Le scelte progettuali in relazione al centro urbano invece, muovono verso il contatto fisico con la cittadinanza nell’azione di Karen Miranda Rivendeira (New York, 1983), o nel monitoraggio delle aree video sorvegliate nella mappa di Wendy Downs (Virginia, 1978).

articoli correlati
Jaar in mostra a Roma
Personale di Jaar a Milano
I partecipanti dell’undicesima edizione del Corso Ratti

claudio musso
mostra visitata il 21 luglio 2005


Estetica della Resistenza, Alfredo Jaar – mostra di fine corso
FONDAZIONE ANTONIO RATTI
Lungo Lario Trento 9 (22100) – Como
ingresso: libero
orario: da martedì a domenica 16-19.30
(possono variare, verificare sempre via telefono)
+39 031233111 (info)
+39 031233249 (fax)
info@fondazioneratti.it
www.fondazioneratti.it


[exibart]


 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di claudio musso
vedi calendario delle mostre nella provincia Como
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Alfredo Jaar, Andrea Nacciariti, Andreas Golinski, Antonio Ratti, Claudio Musso, Mario Radice, Nark Bkb, Ozmo, Stefano Mandracchia
 

4 commenti trovati  

01/08/2005
Monolago Alfredo, Firenze
...credo che sia necessario aumentare il numero limite di battute per recensioni di questo genere... come addire, è molto piu semplice fare la pipì nel buco senza sporcare attorno se si allarga il buco...

30/07/2005
sulla critica...
magari questa lettrice intendeva dire che la tua recensione non è semplicemente una sintesi (essa di per sè non è un difetto ma un pregio) di ciò che era presente alla mostra, quanto piuttosto un elenco del telefono infiorettato da qualche considerazione ad dire il vero piuttosto semplicistica.
L'idea della mostra non si capisce, i lavori degli artisti meno che mai. Peccato.


29/07/2005
claudio musso
Speravo che lasciassi l'indirizzo mail per poter essere più prolisso nella risposta. Vorrei che mi spiegassi in modo più dettagliato la posizione dalle quali muove la tua critica. La mostra era complessa sia per quello che esprime - l'esito di un percorso - sia per il numero degli artisti (e di conseguenza delle opere), la mia lettura è sicuramente un accenno sintetico di quello che è successo. Aspetto tue notizie. CM

28/07/2005
laura, bologna
ti sembra che quello che hai scritto qui sopra abbia un senso?
e pensi anche che chi non ha visto la mostra la possa capire o almeno farsene un'idea con la tua recensione?
mah!


Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram