fino al 5.V.2006 - Nicola Gobbetto – Shapeless Shape - Napoli, Galleria Fonti 3094 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
17/07/2019
Per il compleanno di Frida Kahlo, regalati la sua nuova collezione beauty
17/07/2019
Nuova vita per il World Trade Center, che riparte con un Centro d’Arti Performative
16/07/2019
Riaperte al pubblico due delle piramidi più antiche d’Egitto
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 5.V.2006
Nicola Gobbetto – Shapeless Shape
Napoli, Galleria Fonti

   
 Il passaggio dall’infanzia alla maturità è costellato di ansie. Gobbetto, classe ’81, narra di questa metamorfosi psico-fisica. Attraverso una fiaba dal sapore agrodolce. Installazioni e fotografie… luigi rondinella 
 
pubblicato
Una miriade di cubi in polistirolo, appoggiati gli uni sugli altri secondo un movimento di torsione, avvolgono lo spazio generando un senso d’oppressione. Gli occhi, d’istinto, volgono in alto. Ma anche il soffitto è fatto di bianchissimo polistirolo, in questo caso di sfoglie, che si intrecciano formando spigolosi nodi geometrici. Girando tra le stalagmiti in polistirolo si ode una ossessiva nenia: è un loop di The Hall Of Mirrors (1977) dei Kraftwerk, canzone dal potere ipnotico. Si sta camminando in Cave, l’installazione site specific rappresentante una grotta, intesa, secondo arcaiche tradizioni, come luogo d’iniziazione dei fanciulli. E ogni riferimento al mito della caverna di Platone non è puramente casuale. Nel mito del filosofo c’è l’uomo curioso di capire com’è il mondo fuori dalla caverna; nella personale dell’artista c’è il bambino voglioso di uscire dalla pubertà. Da una parte un uomo che capisce, dall’altra un giovane che cresce.
Oltre la caverna troneggia sul cinereo pavimento in resina il Blob, scultura dall’azzurro accecante fatta di chili di dentifricio alla menta. La massa informe dà l’idea di un diamante in via di liquefazione le cui linee è difficile seguire. Quest’opera dalla materica plasticità, mutando in continuazione a seconda della prospettiva dalla quale la si osserva, ricorda lo stato volubile dei giovani in fase di crescita.
I repentini cambi d’umore giovanili raggiungono poi laL fotografica rappresentazione nelle sei stampe di Gray clouds. In queste foto, attraverso tre toni di grigio e tre toni di azzurro, è raffigurato il cielo che da sereno diviene plumbeo e viceversa. Ormai il bambino nella caverna ha metabolizzato i suoi timori e maturando ha raggiunto la triste consapevolezza che le giornate non sono segnate solo dal sole, ma anche dalla pioggia. 
Nell’altra stampa fotografica, Ghosts, Gobbetto immortala le scritte su un cartellone di un camping. Queste parole, slavate dalla pioggia, hanno perso la loro originaria forma e, divenute indecifrabili, hanno assunto l’aspetto di fantasmi.
L’ossessione per il mutamento si riscontra in tutte le opere esposte. La stessa mostra impone un continuo cambiamento dell’uso dei sensi percettivi, si passa dall’osservazione all’ascolto, dal tatto all’olfatto, il mutare è un continuum. Primeggia l’accanimento per la forma che non è ancora forma e che forse preferirebbe non diventarlo. È bene crescere? È bene cambiare? Forse in Shapeless Shape si troverà la risposta.

luigi rondinella
mostra visitata il 7 aprile 2006


dal 3 marzo al 5 maggio 2006 - Nicola Gobbetto – Shapeless Shape
Galleria Fonti, Via Chiaia 229 - 80121 Napoli, Italia - T. +39 081 411409
F. +39 081 411409 - info@galleriafonti.it - www.galleriafonti.it


[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di luigi rondinella
vedi calendario delle mostre nella provincia Napoli
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: luigi rondinella, Nicola Gobbetto, Platone
 

1 commento trovato 

12/04/2006
the spectator
certo, se la galleria fosse aperta e la mostra si potesse vedere sarebbe ancora meglio

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram