fino al 29.VIII.2009 - XIX Biennale dell'Artigianato sardo - Sassari, Il Carmelo 3078 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
23/04/2019
121 disegni di Andy Warhol saranno esposti per la prima volta a New York
20/04/2019
Il Whitney Museum di New York mette online le risorse sulla sua biennale
20/04/2019
Le squadre della Eredivisie giocano a calcio con Rembrandt
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 29.VIII.2009
XIX Biennale dell'Artigianato sardo
Sassari, Il Carmelo

   
 Stretto fra regionalismo e globalizzazione, qual è il futuro dell’artigianato isolano? Prova a dare qualche risposta la 19esima edizione d’una originale Biennale. Con nomi importanti e nessun curatore... lia turtas 
 
pubblicato
Al pari dell’arte, l’artigianato in Sardegna attraversa un momento cruciale: a parte l’inevitabile kitsch che avanza, la globalizzazione implica la fine d’ogni regionalismo deteriore, in un clima sempre più favorevole al confronto, ma anche la scomparsa di esperienze importanti seppur fragili e l’appiattimento crescente su standard internazionali.
La mostra Domo, titolo dato alla XIX Biennale dell’Artigianato sardo, rappresenta una tappa di questo processo e il non facile tentativo di gettare un ponte fra l’irripetibile stagione dell’Isola (ente regionale attivo dal 1957 al 2006) e il futuro. Pesa ancora l’eredità di Eugenio Tavolara e Ubaldo Badas, tra gli anni ‘50 e ‘60 alla testa di un movimento di rinnovamento dagli effetti ben più ampi dei ristretti confini settoriali e regionali, capace di creare opportunità di sviluppo e un’inedita immagine della Sardegna.
Ieri come oggi, al tempo del design democratico e sottocosto, l’artigianato sardo si trova al centro di questioni non solo e non tanto di estetica e funzionalità, quanto d’identità, mercato e, in definitiva, politica. Il tutto però in un quadro fortemente mutato, in cui il marchio di sardità non giustifica più costi insostenibili e non necessariamente assicura l’originalità cercata dall’acquirente (che dell’originalità ha poi spesso un’idea distorta).
Piu-Zimanu - Tavolo in ferro forgiato finito a cera
Il bando della Regione Sardegna alla base della mostra prevedeva la collaborazione tra designer e artigiani in dodici settori, per realizzare almeno 150 manufatti con elementi stilistici coerenti con la tradizione. Consegna che, se attribuiva il giusto riconoscimento a una figura di artigiano ormai affrancatasi dalla pura esecuzione materiale, restava vaga in merito all’interpretazione della tradizione stessa. Tanto da generare esiti molto diversi, non sempre pienamente riusciti.
Si passa infatti dalla ripresa più o meno avvertita di iconografia, lavorazioni e materiali tipici, alla distillazione di forme assolutamente slegate dal contesto. I risultati più convincenti sono allora quelli in cui la tradizione non si ferma allo stadio di citazione né scompare del tutto, ma prende vita in nuove configurazioni, come nei coltelli di Antonio Fogarizzu, nei cestini di Annalisa Cocco per Antonello Utzeri o nelle fiasche di Salvatore + Marie per Valeria Tola, oggetti mirabilmente sospesi fra uso e astrazione. O laddove la forma raggiunge la semplicità dell’archetipo, ricollegandosi a un immaginario popolare che varca i confini regionali, pur abitandoli (chi non ha pensato a su pitale per il servizio di Paolo Ulian per Giovanni Deidda?).
Gianfranco Pintus - Centrotavola in ceramica - artigiano terrapintada, Bitti
Ora, se il fare è ben presente, anche grazie ai materiali audiovisivi sulle realtà coinvolte, promozione e vendita, così come plausibilità di determinate produzioni, rimangono in ombra. Quale pubblico/target per il nuovo artigianato-design sardo? Per dirla con Enzo Mari: “Con orizzonte del globale si intende non solo una curiosità appassionante per tutte le valenze estetiche ma anche per ciò che influisce e condiziona tutti gli aspetti della vita materiale: ciò che si fa, come si promuove, come si vende”.

lia turtas
mostra visitata il 26 giugno 2009


dal 26 giugno al 29 agosto 2009
XIX Biennale dell’Artigianato sardo - Domo
Il Carmelo
Archivolto del Carmine - 07100 Sassari
Orario: da lunedì a sabato ore 10-13 e 17-21
Ingresso libero
Catalogo Ilisso
Info: tel. +39 078433033


[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di lia turtas
vedi calendario delle mostre nella provincia Sassari
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Annalisa Cocco, Antonio Fogarizzu, Eugenio Tavolara, Paolo Ulian, Salvatore + Marie, Ubaldo Badas
 

1 commento trovato 

07/09/2012
Ignazio, Terralba
http://www.juncu.it
Finalmente si da un po' di importanza all'Artigianato Sardo, fin'ora rinchiuso nella nostra bellissima isola e ignorato persino da chi dovrebbe fare di tutto per farlo conoscere al mondo intero!

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram