Ad ArtVerona l’indagine Nomisma sui beni artistici. I prezzi tengono, ma la domanda si con... 3110 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/04/2019
Cannes 2019: ecco tutti i film in concorso alla 72esima edizione del Festival
18/04/2019
Weekend romantico nella Maison Blu di Monet a Giverny
18/04/2019
Le "Stagioni" di Greg Jager colorano le strade di Collegno
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Ad ArtVerona l’indagine Nomisma sui beni artistici. I prezzi tengono, ma la domanda si contrae…

   
   
 
pubblicato

È diventata oramai un appuntamento fisso, per galleristi ed operatori di settore, l'anteprima ad ArtVerona dei risultati del Laboratorio sul Commercio Beni Artistici, curata da Stefano Stanzani per Nomisma. L'indagine traccia un profilo interessante e per certi aspetti inaspettato di questo frangente di mercato, caratterizzato da una incertezza economica che sembra colpire con più intensità soprattutto gli attori presenti da meno tempo sulla piazza e quindi più sensibili alla volatilità della domanda.
Conclusione interessante del report è infatti che - contrariamente a quanto potremmo immaginare - a fronte di una domanda in notevole calo non si è registrata una forte diminuzione dei prezzi medi, benché alle aste vi sia stata una contrazione a doppia cifra rispetto i valori molto elevati registrati tra il 2007 ed il 2008.
Se internet non pare uno strumento ancora in grado di fare mercato o di stimolarlo (pur rappresentando una vetrina per tanti curiosi non art addicted), la risposta più interessante delle gallerie - più accentuata per gli operatori più giovani che non possono far conto su un collezionismo radicato - pare essere la maggior partecipazione alle pur costose fiere, alla ricerca di potenziali nuovi acquirenti. Peccato però che a fronte di tutti questi sforzi l'età media dei nostri collezionisti sia ancora molto elevata (45-60 anni).
Inevitabilmente, a questo punto, parrebbe opportuno aiutare il mercato anche con strumenti di natura fiscale e con la diminuzione dell'iva. Ma vista la sensibilità della nostra classe politica, la sensazione è che fra vent'anni ne staremmo ancora parlando. (daniele capra)

link correlati
www.nomisma.it/index.php?id=53

[exibart]

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Stefano Stanzani
 

1 commento trovato 

20/09/2009
Luca Rossi
http://mountrushmore.splinder.com/
Ecco il nocciolo della questione che andrebbe sviluppato in profondita'( magari in un articolo specifico):tutti i problemi di ricambio generazionale, di alleanza dei "giovani artisti" con i loro genitori ed i loro nonni,e dell'incapacita' di competere dell'arte italiana a livello internazionale stannno nel legame indicato in questa "news" da Daniele Capra fra IVA e vecchiume dei collezionisti.
Dobbiamo metterci in testa che la "stagnazione" dell'arte contemporanea italiana e' dovuta a questo motivo principale: il rapporto fra gli artisti e chi li sostiene economicamente:
Se la media d'eta dei collezionisti che possono accedere a risorse ragionevoli e' superiore ai 50 anni e' oltremodo naturale che i linguaggi che riescono ad affermarsi nel nostro paese non possano che riflettere la cultura artistica di quella generazione che e' portata a preferire, e finalmente poter permettersi di comprare,i maestri-divenuti ormai nonni, oppure, i nipotini, purche' continuatori di quegli stessi linguaggi ormai sfibrati e incapaci di competere con le novita' che arrivano da mezzo mondo.
Il sistema Italiano dell'arte e' in ritardo su tutto di almeno 20/25 anni per questo motivo.
Tutti gli aspetti del sistema di cui ci lamentiamo sono ricadute di questo problema principale.
Meglio cominciare a pensarci seriamente.


Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram