exibinterviste – la giovane arte - Alice Cattaneo 3106 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
26/06/2019
A Roma riapre al pubblico il Ninfeo degli Specchi al Palatino
26/06/2019
Ecco il nuovo motore di ricerca per chi non ricorda i titoli dei film
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

exibinterviste – la giovane arte
Alice Cattaneo

   
 Pezzi di scotch da appiccicare e bastoncini di balsa da non spezzare. Per ordire fantasmagorie solide e leggerissime. Incontro con Alice Cattaneo. Sullo sfondo, una Milano lunatica e i suoi negozi di modellismo…  Pericle Guaglianone 
 
pubblicato
La tua formazione?
Prima mi sono spuntati gli occhi, poi il naso e poi la bocca.

E poi?
E’ successo tutto un giorno d’autunno di circa 7 anni fa, verso le tre o le quattro del pomeriggio. Alle cinque e tre quarti sono diventata artista. La cosa determinante è stato un pezzo di stucco per finestre (di quello che ci mette una vita ad essiccarsi) ed un sacchetto di plastica nero. In quattro e quattr’otto ne venne fuori una scultura (allora non l’avrei mai chiamata “una scultura”).

Se dovessi sinteticamente, in tre righe, definire la tua arte come faresti?
Farei tre righe.

Quali gli artisti che hai amato?
Gordon Matta-Clark, Quino.

Pregi e difetti…
Un pregio: che come li appiccico io i pezzi di scotch non li appiccica nessuno. Un difetto: che nessuno appiccica i pezzi di scotch come li appiccico io.
 
E nella vita?
Non uso lo scotch nella vita.
 Un
Chi conta davvero nel tuo lavoro?
Il signore del negozio di modellismo sotto casa mia. E’ l’unico a Milano che ha i bastoncini di balsa come si deve: di quelli flessibili al punto giusto, che non si spezzano se li sforzi un po’. Dice che lui ha un fornitore speciale che gli altri negozi di modellismo di Milano “se lo sognano”.

Come vivi il rapporto con i tuoi galleristi?
Lo vivo e basta. Mi piacciono i miei galleristi.
 
E con i critici e la stampa?
Nessun rapporto particolare. Ascolto quello che hanno da dire, poi rimugino sulle cose che mi possono servire e scarto le cazzate.
 
Uno studio tutto tuo ce l’hai?
Al momento è in una scatola di cartone, in un quaderno di schizzi, in un angolo di tavolo di casa mia, al supermercato, per strada, sul metrò. Non ho uno studio vero e proprio, dico fisico, dove osservare e concepire le cose. Ormai il lavoro avviene in altri spazi e soprattutto in galleria nel momento in cui lo installo.
 
Quanto influisce Milano nel tuo lavoro?
Milano è un po’ lunatica. A volte mi è ostile, e allora sono costretta a chiuderle la porta in faccia. Altre volte è di ottimo umore e allora la invito a cena.
 Still dal video di Alice Cattaneo
Quale la mostra più bella che hai fatto?
Una collettiva dove ogni artista doveva interagire con una cornice-scatola Ikea. Non c’era tema, c’era solo la scatola. La mia era piena zeppa di fiori finti e occhi di plastica (quelli dei peluche) e si chiamava Jane in the Jungle.
 
Un giovane artista che potrebbe emergere sulla scena internazionale?
Nico Galletti. Amo molto il suo lavoro, soprattutto le sue installazioni con i pesci.
 
la rubrica exibinterviste – la giovane arte è a cura di pericle guaglianone

bio. Alice Cattaneo (Milano, 1976) ha studiato a Glasgow (BA –honours- Degree in Fine Art, Environmental Art, Glasgow School of Art) e San Francisco (Master of Fine Arts in Scultura, San Francisco Art Institute). Mostre collettive selezionate: "Fragile", Analix Forever, Ginevra; "Idiozie Sofisticate" Gallerianeon>campobase, Bologna; "Vorticanti", Galleria Maze, Torino, 2005 - “8 Acts and 3 Finale”, California Masters, Works, San Josè CA, 2004 -“Red Curtain and Carpet”, The Murphy Fellowship Award, San Francisco Art Commission Gallery, San Francisco CA, 2003 – “The Dirt of love”, Transmission Gallery, Glasgow, 2001. Mostre personali: Galleria Suzy Shammah, Milano; "Micro-Macro", TufanoStudio25, Milano; co/Care of, Fabbrica del Vapore, (con Andrea Sottile), Milano, 2005 - "MFA Show", Herbst Pavillion, Fort Mason, San Francisco CA; "Concrete Particularities", Mission 17, San Francisco CA, 2004 - "Bags", Degree Show, Glasgow School of Art, Glasgow, 2001.
 
[exibart]

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Pericle Guaglianone
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Alice Cattaneo, Gordon Matta-Clark, pericle guaglianone, Suzy Shammah
 

3 commenti trovati  

02/01/2007
piera, italia
ee uno studia in tutto il mondo per fare ste cose...

21/04/2006
fausto
http://www.bakenet.net
a me invece ha fatto sorridere mi sembra carina e interessante.... mi piacerebbe conoscerla

18/12/2005
marco, italia
semplicemente insopportabile....le sfigate che si fingono fighe!

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram