exibinterviste – la giovane arte - Michele Bazzana 3104 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
26/06/2019
Il Ninfeo degli Specchi torna alla luce, con zampilli e scherzi d'acqua
26/06/2019
Ecco il nuovo motore di ricerca per chi non ricorda i titoli dei film
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

exibinterviste – la giovane arte
Michele Bazzana

   
 L’artista visivo e il meccanismo improbabile. Smontare, rimontare – e ripensare – i congegni e i concetti. Magari con un po’ di ironia. Uno scienziato visionario come artista di riferimento. E un test attitudinale messo in crisi da un ragazzino… Pericle Guaglianone 
 
pubblicato
Come sei diventato un artista?
Mi è bastato continuare a fare quello che facevo da bambino, da adolescente e nel periodo post brufoli. Una pratica comune a molti nell’età dello sviluppo, ovvero smontare e rimontare macchinari. Ho sempre nutrito un grande interesse per le costruzioni in ogni tipo di materiale: mi interessa tutto ciò che viene dato per scontato nel quotidiano, ma che in realtà è il frutto di un grande lavoro di ricerca da parte di alcuni.

Un artista-ingegnere... Non potevi fare l’ingegnere e basta?
Il risultato dei test attitudinali per la scelta della scuola superiore fu curioso: mi dissero che avrei dovuto frequentare o un istituto d’arte oppure un istituto tecnico. Proprio per questo sospettarono che il test fosse stato compilato a caso, oppure in modo scorretto. A quel punto mi decisi per l’arte. Questa storia del test penso mi abbia influenzato parecchio: da quel momento ho cominciato a voler dimostrare che non avevo sbagliato, che il fare “arte”, quindi dare forma ad un’idea, non doveva avvenire per forza attraverso una matita o uno striminzito tubetto di colore (come scoprii qualcun altro prima di me aveva dimostrato), ma anche costruendo o mescolando oggetti e macchinari. La fortuna è che a qualcuno le mie cose interessavano!

Adesso come va?
Mi sto dedicando a tempo pieno alla mia ricerca. Qualche volta devo fare qualche lavoretto extra, giusto per tamponare la mia disastrosa situazione economica. Fortunatamente in questi anni ho imparato a fare molti lavori che mi tornano utili, oltre che come risorsa finanziaria, anche per la mia ricerca.
Michele Bazzana - Chi va con lo zoppo impara a zoppicare (particolare) - lavatrice, pavimento mobile, sensore, disegni - cm 300x300 - stand Unorossodue a Miart 2006
La tua formazione?
Ho frequentato l’istituto d’arte di Udine. Poi l’Accademia di Venezia, che ho terminato nel 2005. Da autodidatta ho imparato a lavorare con l’energia elettrica e la meccanica. E ho in programma anche un corso di inglese.

Artisti di riferimento?
Un nome su tutti: Nikola Tesla.

Ma non era uno scienziato?
Sì, dunque un ricercatore. Ha speso un sacco di energie, fatto parecchie scoperte non attribuitegli. Una vita a rincorrere un sogno finita in miseria, un destino che lo accomuna a molti artisti.

Solo Tesla?
Anche Yves Klein, Piero Manzoni, Panamarenko e Tom Friedman.
Michele Bazzana - Ricordati del souvenir - 2003 - installazione
Mai provato ad etichettare in qualche modo il tuo lavoro?
Descrivere quello che faccio mi è sempre difficile e, oltretutto, mi imbarazza molto. Quando devo farlo di solito mi attengo ad una descrizione funzionale.

Vai pure…
Diciamo che quello che faccio è tentare di materializzare delle sensazioni, dei concetti, usando degli oggetti comuni e variandone la funzione, o costruendo dei macchinari con delle funzioni improbabili. Cerco di creare un cortocircuito tra quello che si conosce e quello che non si conosce, il tutto arricchito da un po’ ironia.

Ti piace vendere il tuo lavoro?
Per adesso non ho un rapporto diretto con la vendita. Però direi di sì, quando qualcuno mi ha venduto un lavoro mi sono trovato bene.

E ti piace che venga interpretato? C’è un critico che lo segue con particolare attenzione?
Il mio lavoro è di facile comprensione, non è poi tanto difficile da approcciare. Può accadere che a qualcuno non piaccia, ma non che non l’abbia “capito”. Con i critici e con la stampa ho un rapporto abbastanza informale, per fortuna. Ci si da velocemente del tu e di conseguenza si capisce se sarà un rapporto duraturo o meno. Ultimamente si è instaurato un buon feeling con Sarah Cosulich Canarutto.
Michele Bazzana - Crash - 2005 - installazione - cm 7
Che tipo sei? Tanti pregi o troppi difetti?
Non sono bravo nelle pubbliche relazioni. Un pregio è la chiarezza: penso di essere abbastanza chiaro nel mio lavoro, credo di riuscire a comunicare il mio pensiero. Ma forse sbaglio, forse conviene essere un po’ ermetici. Nella vita ho il pregio ed il difetto di essere buono.

Che rapporto hai col luogo in cui lavori? Parlaci del tuo studio…
Accumulo materiali, oggetti esteticamente piacevoli e macchinari. Mi piacerebbe avere uno studio come si deve. Per ora progetto e assemblo i miei lavori nel garage di mia nonna. Sono in trattative per affittare un capannone.

In Italia ci sono più artisti bravi o più artisti sopravvalutati?
La storia farà il suo corso. Non credo esistano dei sopravvalutati, ma dei paraculati.

Tu vuoi ringraziare qualcuno?
Tutti quelli che mi stanno vicino, che credono in quello che faccio e di conseguenza mi sopportano/supportano. Per esempio Federico Maddalozzo e il gruppo Cosmesi. Poi tutti quegli artigiani, commercianti e costruttori che mi danno retta con un sacco di pazienza.

articoli correlati
Tra i finalisti Premio Internazionale della performance 2007
La personale a Villa Manin
Ai Colonos di Villacaccia di Lestizza

exibinterviste – la giovane arte è una rubrica a cura di pericle guaglianone


bio: Michele Bazzana è nato a San Vito al Tagliamento (UD) nel 1979; vive a Codroipo (UD). Personali: Moto a luogo, spazio FVG, Villa Manin, Passariano – Codroipo (UD) (2007); Wie die brust, Unorossodue, Milano (2005); Celeste metallizzato, interno&dumdum, Bologna (2003). Tra le collettive: CZ_VPI2006, Centro Zitelle, Venezia, evento collaterale della 10. Biennale di Architettura; Chi va con lo zoppo impara a zoppicare, MiArt, stand Unorossodue, Milano; Fruz: una nuova generazione di artisti in regione, Galleria Comunale di Monfalcone; Tende a infinito, Palazzetto Tito – Fondazione Bevilacqua La Masa (2006).

*articolo pubblicato su Exibart.onpaper n. 43. Te l’eri perso?Abbonati!

[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Pericle Guaglianone
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Federico Maddalozzo, Michele Bazzana, pericle guaglianone, Piero Manzoni, Sarah Cosulich Canarutto, Tom Friedman, Yves Klein
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram