exibinterviste – la giovane arte - Daniela D'Arielli 3098 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
15/06/2019
David LaChapelle firma il calendario Lavazza 2020
14/06/2019
Tutti i segreti per un ritratto postmoderno. Mostra e talk alla RUFA
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

exibinterviste – la giovane arte
Daniela D'Arielli

   
 Uno sguardo anfibio sulle cose del mondo. Ecco un’artista un po’ strega e un po’ sub. Ha esordito con la mostra che sognava da ragazzina e adesso si dichiara pronta a spostarsi. Quando il senso della linea si trasferisce sott’acqua... Pericle Guaglianone 
 
pubblicato
Un consiglio a chi è all’inizio?
Lavorare duro con caparbietà, perseveranza e pazienza. Tanta pazienza. Io sono diventata un’artista con una massiccia dose di pazienza. Credo che se il lavoro ha delle potenzialità e viene sviluppato, allora prima o poi arrivano anche i risultati. Ancora ricordo quando da sotto il tavolo della cucina seguivo con gli occhi mia madre che, come in una corsa a ostacoli, stava attenta a non inciampare in tutto il mio mondo sparso lì in terra.

Bella immagine. E com’è finita?
Un giorno sono riuscita ad aprire un’anta e le pentole mi hanno adottato.

Ancora adesso lavori dal basso…
Sì. Immergo la macchinetta praticamente ovunque ci sia dell’acqua, dai luoghi comodi a quelli impensabili, dove torno apposta per scattare foto. Si potrebbe quasi mappare la mia vita a partire dagli spostamenti compiuti per lavorare. Le piscine dove sguazzo, la vasca di casa, la fontanella nel parco, il materassino al mare, persino i cani della mia coinquilina.
Daniela D'Arielli - Swimming - 2006 - acrilico su tela - cm 120x100
Un’artista anfibia… Pure i cani sono finiti in piscina?

No, li ho fotografati da un secchio mentre bevevano. Erano un po’ dubbiosi, vedendo la mia mano e quella cosa nell’acqua, ma alla fine si sono dissetati. Sono uscite delle foto a cui sono particolarmente affezionata.

La tua formazione?
Liceo artistico, una breve ma intensa parentesi Erasmus e poi l’Accademia. Le solite cose.

Artisti del cuore?
Piet Mondrian, sintetico e diretto. David Salle, viscerale. Frida Kahlo, misticamente messicana. Philippe Ramette, ironico. Andrea Pazienza, perché in fondo sono abruzzese. Poi tanti altri che forse erano solo infatuazioni.

Una persona davvero importante?
Davvero importante è la mia persona, o per lo meno la strega che è in me.

Un po’ narcisa… Un altro tratto del tuo carattere?
Penso di essere tollerante. Forse lo sono troppo.
Daniela D'Arielli - 28a - 2007 - acrilico su tela - cm 120x100
Cosa pensi dei galleristi?

Collaboro con una sola galleria: Cesare Manzo, a Pescara. Tra noi c’è rispetto. A giugno di quest’anno ho avuto la possibilità di fare la mia prima personale. Ora che leggerà questa intervista sicuramente me ne farà fare un’altra (vero Cesare?).

Che rapporto hai con Pescara?
Non sono i luoghi in sé che mi ispirano, ma la mutazione che questi subiscono quando li si vede attraverso un filtro. Più posti frequento e più spunti si creano. Il mio, come dice la mia amica Bada, è “un perenne orizzonte liquido”. Sarà mica venuto il momento di trasferirsi?

Cosa è stato detto del tuo lavoro?
Fortunatamente o sfortunatamente non ho molti rapporti con critici e stampa. Un bel ricordo me lo ha lasciato Nicolas Bourriaud invitandomi al Fuori Uso dopo aver visto due miei quadri. Non ci eravamo mai visti. Quando ci siamo incontrati mi ha detto due parole sensate e mirate.

Arte visiva e attualità socio-politica in che rapporti sono?
Si scrutano, si annusano, si toccano tramite quella sensibilità che è solo dell’artista. Se non fosse così andremmo ad abbaiare in qualche comizio in tv!
Daniela D'Arielli - 6 - 2007 - acrilico su tela - cm 120x100
Ci parli del tuo studio?

Grazioso appartamento sito in zona Rancitelli. Studio luminoso, ampio salone, due camere, tre bagni, lavanderia, cucina abitabile. Prezzo non trattabile, solo referenziati.

E di una mostra cui sei particolarmente affezionata?
Difficile scegliere, vista la mole di mostre a cui ho partecipato… Scherzi a parte, la più importante è proprio il Fuori Uso ’06. Per molte ragioni: perché è stata la prima mostra vera, perché non me lo aspettavo, perché è una delle mostre più di peso che si tengono in Abruzzo. E poi perché, essendo io abruzzese, il Fuori Uso è l’evento che mi ha svezzata nel corso degli anni.

articoli correlati
Trasferta romena per Fuori Uso

exibinterviste – la giovane arte è una rubrica a cura di pericle guaglianone


bio: Daniela D’Arielli è nata a Ortona (CH) nel 1978; vive a Pescara. Personali: Daniela D’Arielli, Galleria Cesare Manzo, Pescara (2007), a cura di M. Scuderi. Collettive: I love Abruzzo, Ex C.of.a, Pescara; Index, Palazzo Sanità di Toppi, Chieti, a cura di M. Scuderi e A. Rosica; Fuori Uso 2006 Altered States, Are you experienced?, Ex C.of.a, Pescara – Wax, Budapest – Galleria Noua e MNAC, Bucarest, a cura di N. Bourriaud e P. Falcone (2006).

*articolo pubblicato su Exibart.onpaper n. 44. Te l’eri perso? Abbonati!

[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Pericle Guaglianone
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Andrea Pazienza, Cesare Manzo, Daniela D'Arielli, David Salle, Frida Kahlo, Nicolas Bourriaud, Pericle Guaglianone, Philippe Ramette, Piet Mondrian
 

1 commento trovato 

09/01/2008
joao de milao
questa intervista mi ha riportato a quell'atmosfera di liceo perduta....grazie di cuore.

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram