exibinterviste – la giovane arte - Walter Picardi 3101 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
15/06/2019
David LaChapelle firma il calendario Lavazza 2020
14/06/2019
Tutti i segreti per un ritratto postmoderno. Mostra e talk alla RUFA
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

exibinterviste – la giovane arte
Walter Picardi

   
 Attenzione: c’è un neorinascimento in atto e questo paese non se ne rende conto. È la tesi di un napoletano lucido e talentuoso. Che racconta il suo percorso e ci invita in uno studio un po’ bizzarro. Denunciando l’atavica esterofilia del “sistema Italia”... Pericle Guaglianone 
 
pubblicato
Iniziamo guardandoci attorno. Quanti artisti bravi conosci?
Forse dovresti chiedermi un’altra cosa.

E sarebbe?
Se esiste in Italia una struttura con le capacità di esportare la giovane arte nazionale all’estero.

Cosa risponderesti?
Che non ce ne sono. È lo storico problema dello Stivale. Gli artisti giovani che mi è capitato di conoscere credo abbiano tutti le qualità necessarie per essere apprezzati sul mercato internazionale.

Tutti? Addirittura?
Penso di sì. In Italia subiamo ancora il fascino dello straniero. L’arte italiana vive attualmente una grande contraddizione: un neorinascimento in atto destinato a implodere mentre valanghe di spazzatura provenienti da tutto il mondo riempiono gli stand delle fiere di casa nostra. Nel nostro Paese i sopravvalutati sono soprattutto quelli che vengono da fuori.

Walter Picardi - Heroes - 2006 - installazione video, tre videofonini, lenti d'ingrandimento, plexiglasDel tuo lavoro cosa si dice?
Guardando alcuni miei lavori fotografici ad Artefiera, Mimmo Iodice disse che gli parevano “molto umani”.

E non sei contento?
Mah, sinceramente faccio ancora difficoltà a comprendere cosa volesse dire.

Chi ha letto correttamente ciò che fai?
Anita Pepe ed Eugenio Viola.

Cosa preferisci: azzardare una definizione per il tuo lavoro o dichiarare punti di riferimento?
Le definizioni le trovino gli altri. Le influenze sono pronto a dichiararle: Gino De Dominicis, Pino Pascali, Piero Manzoni, Jeff Koons, John Currin, Klaus Nomi, Ugo Rondinone.

Come hai cominciato?
Ricordi quei libri per bambini con le immagini da colorare? Una volta sbagliai e uscii fuori dai bordi. Per rimediare pensai di modificare la figura: ne venne fuori qualcosa che era meglio dell’originale. Così ricreai secondo la mia fantasia tutte le immagini contenute nel libro. Da qui, si può dire, è iniziato il mio percorso artistico. Iniziato, dunque, da molto lontano, dall’amore per il disegno, per il colore.

C’è Napoli nel tuo lavoro?
In un certo senso. Vivere a Napoli non è semplice. Ma è anche una città molto stimolante, il che inevitabilmente influenza il lavoro conferendogli quel tono sempre un po’ arrabbiato.

Walter Picardi - Turn to stone - 2007 - pasta di resina - cm 15x6x6Momenti importanti della tua formazione?
La fuga al secondo anno dall’Istituto d’arte Filippo Palazzi di Napoli, l’aver frequentato strada e poi l’Accademia.

E una mostra da ricordare?
La travagliata collettiva Arte e Omosessualità. Da von Gloeden a Pierre et Gilles, promossa da Sgarbi e curata da Eugenio Viola a Firenze.

Chi ti ha aiutato finora?
Tante persone. Prima di tutti mia moglie Conni, che ringrazio per il ruolo di supervisore e per i preziosi consigli. Poi il mio gallerista Guido Cabib, grazie al quale vedo realizzati i miei progetti. Aggiungo Adriana Rispoli, Anita Pepe, Marco Izzolino, Eugenio Viola, Gennaro Navarra. E Stefano Sciarretta, che è stato il primo collezionista ad acquistare un mio lavoro.

Pregi e difetti che ti riconosci o che ti attribuiscono?
Ho il pregio di saper aspettare e il difetto di aspettare troppo.

Intanto l’hai trovato uno studio?
Sì. È molto scuro, se alzi la testa vedi la luce del sole a strisce. Vi domina un puzzo di feci ed è molto umido. È diviso da cunicoli molto lunghi. È sempre fresco, ti fa perdere la cognizione del tempo e ogni tanto si sente un verso del tipo “squit squit”. Nessuno vuol venire a trovarmi, soprattutto i ricchi collezionisti. Io invece ci sto bene, mi ci sono abituato. Sarà che non pago l’affitto.

articoli correlati
L’ultima personale da Changing Role a Napoli

exibinterviste – la giovane arte è una rubrica a cura di pericle guaglianone


bio: Walter Picardi è nato a Napoli nel 1978. Personali: Aliscoelumicet, Changing Role, 2007; Have a good time, Changing Role, Napoli, 2006. Collettive: Eterotopie Eteroctonie, Fondazione Filiberto Menna, Salerno; Videorole, Changing Role, Roma; Arte e omosessualità, Firenze, Palazzina Reale; Turn to stone, Museo mineralogico campano, Napoli; Loading, Castello baronale di Acerra, Napoli; Heroes, Not gallery, Napoli, 2006.

*articolo pubblicato su Exibart.onpaper n. 46. Te l’eri perso? Abbonati!

[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Pericle Guaglianone
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Adriana Rispoli, Anita Pepe, Eugenio Viola, Gennaro Navarra, Gino De Dominicis, Guido Cabib, Jeff Koons, John Currin, Klaus Nomi, Marco Izzolino, Mimmo Iodice, Pericle Guaglianone, Piero Manzoni, Pierre et Gilles, Pino Pascali, Sgarbi, Ugo Rondinone, Walter Picardi
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram