MODA 3074 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/05/2019
Party like an Architect. Gli studi di architettura di Napoli si presentano, con Camparisoda
20/05/2019
Spolverare la memoria. Le scuole di Roma ricordano le vittime del nazismo
20/05/2019
Manifesto per una Bauhaus viva più che mai. La mostra targata RUFA al Pastificio Cerere
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

MODA

   
 Una vertigine ci salverà
di Camilla Boemio
 camilla boemio 
 
MODA
pubblicato

Lo scorrere delle prime giornate di AltaRoma è stato scandito dalla reale percezione che questo sia l’unico contesto italiano deputato alla moda nel quale i giovani talenti emergenti possano presentare le proprie creazioni proponendo la sperimentazione ed una ricerca dei materiali e dei volumi guardando comunque alla tradizione e proiettandoli in nuove declinazioni. AltaRoma è una vera e propria piattaforma vitale nella quale il ritmo della sartorialità, dell’artigianato e delle collaborazioni trasversali, anche con l’arte visiva, riescono a dialogare in un contesto fertile ed aperto al confronto. 
L'esperimento di riqualificazione urbana del quartier generale, il PratiBus District di viale Angelico, ex deposito Vittoria dell'Atac, risulta particolarmente riuscita, così come le collaborazioni con i musei nei quali si sono dislocate alcune delle sfilate: quella di Gattinoni al Macro Asilo e la conversazione "Talk Roman’s Romance” con Lavinia Biagiotti al MAXXI, oltre alla collaborazione con L’Istituto di Cultura Libanese per la riuscita sfilata al PratiBus District "International Couture Fashion Show” con quattro eccellenze dall’India al Kuwait con i loro capolavori di sartoria. 
In assoluto la presentazione di sabato al Mattatoio incarna una valida prospettiva nella quale l’arte è l’ispirazione e la moda diventa lo strumento: Vertigo di Sylvio Giardina introdotta da un testo di Emanuela Nobile Mino ha saputo incantare e incarnare il momento più intenso di AltaRoma. 

null
Vertigo photo Fabrizio Orsini

La struttura immersiva dell’installazione trascina lo spettatore in una vertigine audio-visiva, lo spazio e il tempo si fondono fino a creare un continuo divenire nel quale prendono forma i capi indossati da cinque immobili mannequin che pian piano vengono sostituite da manichini. L'intervento a metà tra l’installazione e la performance racconta in maniera traslata la genesi, le ispirazioni e le riflessioni che hanno portato a determinare i precisi connotati dei cinque abiti che costituiscono i primi esemplari della nuova collezione Haute Couture SS2019. 
Vertigo è il risultato di una meticolosa ricerca di Giardina, il dialogo sommesso di citazioni e di rimandi tra i giochi chiaroscurali generati dalle proiezioni su oggetti in cristallo sospesi e la minuzia geometrica dei preziosi intarsi in tulle e in organza degli abiti, ribaltano lo spazio attirando lo spettatore verso le presenze leggiadre ed evanescenti degli abiti magistralmente elaborati. 
La leggerezza degli elementi e la stratificazione di materiali trasparenti, composta da luce, suono, ombre e volumi, creano un rimando poetico continuo nel quale lo spettatore percepisce una sospensione della dimensione temporale. Compostezza, eleganza, ricordi ed emozioni si compongono come un percorso chiarificatore. 
Un percorso nel realizzare capi mai urlato, mai plateale e sfrontato che ha accompagnato il cammino professionale del couturier che ha saputo dosare una strategia basata sulla complementarietà di elementi eterogenei: l’esclusività e la portabilità, i tagli virtuosi e le costruzioni geometriche, le texture preziose e i dettagli con i ricami minuziosi celebrano la silhouette femminile in chiave sartoriale, sia nel caso di creazioni di alta moda che nel caso del prêt a porter.
Se la moda negli ultimi anni ha enfatizzato gli eccessi, ed un’onnivora comunicazione fastidiosa ed abberrante; nel silenzio della riflessione e nel perpetuarsi della tradizione italiana risiede l’antidoto contro l’omologazione, il disarmonico con la consapevolezza per spaziare verso una rinascita. 

Camilla Boemio 

Dal 27 Gennaio 2019 al 28 Febbraio 2019 
Roma
Mattatoio
piazza Orazio Giustiniani 4
dal martedì alla domenica dalle 14 alle 20. Lunedì chiuso. L'ingresso è consentito fino a 30 minuti prima della chiusura.
Promossa da Roma Capitale – Assessorato alla Crescita culturale Azienda Speciale Palaexpo
+39 06 39967500
info.mattatoio@palaexpo.it 
http://www.mattatoioroma.it/ 







 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di camilla boemio
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram