FIGURE DELLA CRITICA # 4 - La tessitura «infinita e interminabile» di Angelo Trimarco 3024 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
17/06/2019
Il documentario dei Beastie Boys realizzato per i 25 anni di “Ill Communication”
17/06/2019
Un bambino di tre anni ha distrutto un’opera di Katharina Fritsch ad Art Basel
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

FIGURE DELLA CRITICA # 4
La tessitura «infinita e interminabile» di Angelo Trimarco

   
 Guardare l'arte, dialogare con l'artista. Non per svelarne un presunto enigma, ma per far emergere le molteplici connessioni dei segni. Sfidando la discontinuità tra opera e testo. Con un occhio a Freud e agli anni più recenti [di Antonello Tolve] antonello tolve 
 
pubblicato
Angelo Trimarco, 2004, Sala Conferenze della Fondazione Filiberto Menna (Salerno)


«L'indifferenza dei linguaggi, la loro equivalenza, e lo sfiorire del teorico ho l'impressione che caratterizzino la linea dell'arte delle generazioni più recenti». A questo pensiero luminoso – legato ad alcune riflessioni irrinunciabili nate «dietro l'angolo degli anni '80», nell'area e nei confini segnati dal Postmoderno – Angelo Trimarco (Catanzaro, 8 aprile 1941) ha dedicato, in tempi non sospetti, una serie di interventi utili a leggere lo spazio critico in tutte le sue varie declinazioni linguistiche. Uno spazio in cui il confronto con le altrui teorie è luogo privilegiato per stabilire confini o confluenze: Confluenze (1990) è, tra l'altro, il titolo di un suo importante libro sul rapporto tra Arte e critica di fine secolo.

Gillo Dorfles, Bianca Menna e Angelo Trimarco, 2004, Sala Conferenze della Fondazione Filiberto Menna (Salerno)

Napoli e il suo ventre creativo. Gli States, guardati e frequentati. Il discorso sull'inconscio dell'opera e quello sugli itinerari freudiani. E poi il Surrealismo, ripreso, questo, in più occasioni. Ma anche l'Arte Povera, l'Arte Concettuale e, successivamente, la questione moderno-postmoderno. E, ancora, il dibattito sulla città. Sull'arte e l'abitare più precisamente. Sono alcuni temi trattati da Trimarco per ripensare, tra inevitabili brecce e convergenze teoriche, gli impatti dell'arte, della critica e della teoria, appunto, nel mondo della vita. Quel mondo che «resta per tutti», è lui a dirlo, «l'orizzonte dentro il quale si tesse la trama dell'opera».
La pratica critica è, per Trimarco, allenamento, dialogo con l'artista, vis-à-vis con l'opera e, nel contempo, attenta e lenta analisi del linguaggio. Indispensabile «interpretazione relativa», «strega metapsicologica, secondo il detto di Freud», sentiero democratico e, sempre sulla scia freudiana di saggi quali Die endiiche und die unendiiche Analyse e Konstruktionen in der Analyse, «esercizio interminabile» (e non, naturalmente, puerile «esercizio di decifrazione compiuta di senso»), «consapevolezza della discontinuità che corre fra le opere e il testo critico», necessaria costruzione di linguaggio. Ma anche rinuncia al commento e al disciplinamento. Perché è proprio rinunciando a questi che la critica «diviene […] teoria dell'interpretazione e costruzione, lavoro, non per disoccultare l'enigma che giace laggiù nel testo, ma per ritessere all'infinito le connessioni che la latitudine dei segni pone fra sé e l'alterità, l'inconscio dell'opera, mai riducibile né assimilabile a un significato dominante […]».

Angelo Trimarco, Filiberto Menna e Achille Mango in occasione della presentazione del volume Dialettica del teatro di E. Bruno, 1974. Galleria Il Catalogo. Foto di Michele Adinolfi (Archivio Il Catalogo)

Fedele ad un pensiero polisenso e plurale – legato, assieme ad Achille Bonito Oliva (ma per «diversità complementare» o per «coesistenza delle differenze»), al magistero interdisciplinare di Filiberto Menna – Angelo Trimarco ha disegnato e disegna, del secondo Novecento e di questo incerto primo ventennio in fase di dispiegamenti, parabole teoriche e viatici critici che, tra dati e date (Sanguineti), schiudono sentieri di ricerca rivolti non solo alla Galassia (2006) estetica segnata dal Post-storia (2004), ma anche, e soprattutto ai paesi instabili di un pulsante (irresistibile) presente dell'arte, della vita.

Alberto Boatto e Angelo Trimarco, 2004, Sala Conferenze della Fondazione Filiberto Menna (Salerno)

«Ora, nel tempo della megalopoli», avverte Trimarco in un periodo in cui l'Ornamento (2009) non è più un delitto, «si ha come l'impressione che, uscita anche dal campo delle opere, la critica, quasi leggero accompagnamento curatoriale, è andata incontro a un'eclissi che inquieta». Malgrado ciò la critica, «quando non sia esercizio rigido e cadaverico» o semplicistica attività froide et algébrique (Baudelaire), «è sempre», per lui - questa la sua lezione - «un lavoro che si fa e si disfa con pazienza e con lentezza. È in ogni momento un lavoro di cantiere. Ricerca che si disfa e si rifà senza pregiudizi e superstizione. La superstizione che la critica sia giudizio di valori certi». Perché il suo compito, «il compito della critica in quanto costruzione è, appunto, quello […] di porsi all'ascolto, utilizzando i più raffinati strumenti ermeneutici, dei sommovimenti che provengono dagli strati più nascosti». Strati da dispiegare e riguardare con la dovuta cautela per guardare, sempre, al presente. Che per lui – teorico dell'arte vicino all'antropologia, alla sociologia e alla psicanalisi – è ambiente felice per costruire un'isola riflessiva sui luoghi e sulle occasioni del tempo.

*articolo pubblicato su Exibart.onpaper n. 80. Te l’eri perso? Abbonati!
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di antonello tolve
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram