fino al 28.V.2011 - Andrei Molodkin - Sincere - Milano, Galleria Pack 3044 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/06/2019
In Germania, presso la Stadtgalerie Kiel, inaugurata la seconda tappa della mostra del Premio Fondazione Vaf
18/06/2019
Archy Art è il nuovo software per gestire gli archivi d’artista
18/06/2019
VALIE EXPORT vince il Roswitha Haftmann Prize 2019. Il premio alla sua ricerca coraggiosa
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 28.V.2011
Andrei Molodkin - Sincere
Milano, Galleria Pack

   
 Una sorta di ribaltata negazione futurista. Non una macchina lanciata verso l’assoluto, ma un ritmo che torna su se stesso, inceppato, angosciante...
 anita fumagalli 
 
pubblicato
La prima visione che si ottiene entrando alla Galleria Pack per la personale di Andrei Molodkin (Boui, 1966), è Fuck you, la sua scultura verbale in resina, al cui interno scorre, se così si può dire, un petrolio opaco e vischioso, simile ad una melma animata dalle variazioni di pressione generate da una pompa idraulica. Ma il senso si perde se non ci si guarda ai lati, il discorso è articolato così: tela, installazione, tela. Lo slogan più statunitense degli ultimi anni, sormontato dal simbolo presidenziale, campeggia in negativo, bianco, sulla grande tela a sinistra ricoperta per la quasi totalità dalle righe blu di una penna a sfera, simili ad ossessive stripes. Tutta a sinistra, distanziata come da una pausa di silenzio, l’ultima parola va alla religione, ma moltiplicata, sovrapposta a se stessa, sfasata, con lettere cubitali che finiscono per non distinguersi, ridotte ad elementi primari: astine poderose come colonne.
ANDREI MOLODKIN, AMEN, 2011, Penna a sfera su carta, 540 x 200 cm

Ecco il messaggio per intero: "Yes, we can fuck you. Amen”. L’originalità sta nell’accostare l’utopia contenuta nelle celebri, forse anche inflazionate, parole di Obama, alla distopia contenuta nell’ancor più udita imprecazione. Ma, fuori dagli intellettualismi, pare di leggere l’attribuzione allo slogan americano di una volontà di annientamento dell’altro, o magari, più debolmente, una risposta scurrile e disarmata all’ottimismo progressista e fattivo americano. Niente di nuovo dal fronte orientale. E forse la sorpresa sta proprio qui: la grande Russia sta ancora a questo punto? Ancora un’altra sala dove, secondo la tecnica delle parole sovrapposte e sfasate, l’artista, in due tele realizzate anch’esse a biro, non a caso una in blu, e l’altra in rosso, dà la propria rappresentazione di cosa sia il peccato oggi. Qualcosa di indefinito appunto, dove il SIN si vede e non si vede, o magari, nella precisissima, studiata, affollata confusione geometrica delle linee si può far finta di non vedere e quindi non avere. ANDREI MOLODKIN, Sincere – exhibition view, Galleria Pack (apr.-magg. 2011)
Un’idea tutto sommato accattivante ed attuale, ma che non sembra aprire ad un oltre, ad un interrogativo. In definitiva la retorica e il moralismo che stimolano il rifiuto al centro della mostra si rispecchiano in un’arte che è sostanzialmente critica e di poco contributo creativo. Non male l’integrazione nell’opera della componente verbale e quindi il corrispondente utilizzo della penna a sfera: strumento d’arte povera, unico mezzo a disposizione dell’artista durante il suo servizio militare, e, a gara con la matita, tramite e stimolo per scarabocchi e disegnini istintivi di tutti noi. Scelta democratica, insomma, ma anche, se si pensa che l’inchiostro è tagliato col petrolio, ulteriore denuncia al fatto che la realtà attuale – persino nel piccolo di gesti quotidiani come lo scrivere – funzioni grazie alla stessa linfa scura che giustifica le guerre.


articoli correlati
:
Andrei Molodkin Milano, Nina Lumer
Andrei Molodkin, Milano, Galleria Pack



anita fumagalli

mostra visitata il 5 aprile 2011



dal 5 aprile al 28 maggio 2011
Andrei Molodkin - Sincere
Galleria Pack
Foro Buonaparte, 60 – 20121 Milano
Orario: da martedì a sabato, dalle ore 13.00 alle 19.30 (possono variare, verificare sempre via telefono)
Ingresso: libero
Informazioni : Tel +39 02 86996395;
info@galleriapack.com; www.galleriapack.com.
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di anita fumagalli
vedi calendario delle mostre nella provincia Milano
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Andrei Molodkin, anita fumagalli, Nina Lumer
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram