architettura_biennale2004 - Yankee go on 3081 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
23/05/2019
I capolavori degli Uffizi, raccontati dalle voci degli attori
23/05/2019
Banksy è stato allontanato dai vigili mentre "esponeva" senza autorizzazione a Venezia
23/05/2019
Il Codice Atlantico di Leonardo da Vinci sul tuo smartphone, grazie all’app
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

architettura_biennale2004
Yankee go on

   
 Biennale sì, Biennale no. Slittamenti, contaminazioni, architetture come oggetti, da guardare a trecentosessanta gradi. Su tutto una tesi ingombrante e un curatore –Kurt W. Foster- intento a tirare le fila di un allestimento concepito a mo di saggio. Piccolo resoconto critico sulle Metamorfosi del signor K… pippo ciorra 
 
pubblicato
A mostra conclusa si può forse gettare un secondo sguardo sulla Biennale, cercando di coglierne aspetti meno immediati, o di segnalare qualche idea o progetto che in prima istanza potevano essere sfuggiti.
La prima impressione è che la mostra sia stata costruita come un saggio, che punta l’attenzione sul filo conduttore scelto dal curatore piuttosto che su progetti o architetti. Questo da un lato spiega il fatto -inaccettabile in una mostra di arte contemporanea- di ritrovare progetti che abbiamo già visto anche in più di una edizione precedente della Biennale. Dall’altro trasforma l’opera del curatore in una specie di scommessa: se la sua tesi è chiara e ben illustrata ha successo, altrimenti la varietà e il fascino dei materiali esposti rischiano di non salvarlo dalle critiche negative. Nel caso di Metamorph si può dire che la tesi di Kurt W. Forster sulla nuova natura “distorta” dell’architettura sia abbastanza chiara, almeno agli addetti ai lavori, mentre molto meno convincenti sono sembrate le argomentazioni critiche (le sezioni, i temi specifici, i percorsi) che dovrebbero sostenerla.
SANAA Kazuyo Sejima + Ryue Nishizawa Extention of the Institut Valencia de Arte Moderno Spain foyer, rendering
La seconda considerazione è quella relativa all’approccio molto yankee: il progetto di architettura è infatti considerato quasi sempre come un puro oggetto, libero e osservabile a 360 gradi, slegato dalla natura concreta della vita che lo circonda, o che dovrebbe circondarlo. Da un lato è un modo di pensare molto radicato in Usa, dove si costruisce lotto per lotto. Dall’altro è molto coerente con il valore sempre meno realistico/urbano e sempre più onirico/artistico che sta assumendo l’architettura. Questo aspetto concettuale della mostra -curata da uno svizzero culturalmente maturato tra la New York di Eisenman e la Los Angeles di Richard Meier e di Frank Gehry- era reso evidente dall’installazione video – peraltro tristanzuola – che apriva il percorso delle Corderie: un omaggio a quattro grandi maestri – Rossi, Stirling Eisenman, Gehry – in cui però i due europei sono morti e sorpassati e i due americani sono vivi, vegeti e iperglorificati. Normale quindi che a Venezia manchino progettisti – come Rem Koolhaase molti altri – che dell’interazione tra edificio e concezione urbana hanno fatto l’identità del loro lavoro. Meno comprensibile, invece, se non per un fastidioso criterio stilistico, l’assenza di sublimi scultori di oggetti, come gli svizzeri Herzog & De Meuron o Zumthor.
L’ultima considerazione s’allontana dall’opera diretta di Forster e cerca di allargare lo sguardo all’insieme dei progetti esposti tra Arsenale e Giardini. Contrariamente alla visione del curatore gli infiniti blob, le forme organiche e i parallelepipedi ripiegati non appaiono tanto come il fronte di avanguardia dell’architettura internazionale, quanto piuttosto come una grande posizione centrista dominante in gran parte dello scenario occidentale. Ovviamente è al suo interno articolata in mille direzioni diverse, ma comunque accomunate da una imprecisa sfiducia negli strumenti tradizionali di controllo dello spazio architettonico e urbano.
Toshio OKADA + KAIYODO, Expo 70, figurines, TPR+ABS
Se Metamorph è il grande centro, le posizioni più estreme e stimolanti le troviamo ai Giardini. In questo senso è significativo parlare almeno di due padiglioni. Il primo è quello giapponese, vera rappresentazione dell’architettura dopo l’architettura, dove lo spazio domestico, urbano, di relazione di una intera generazione è rappresentato e spiegato senza alcun ricorso all’idea consolidata di costruire. Il secondo invece è quello spagnolo, decisamente il più conservatore, in cui tutto è all’insegna della resistenza alla nuova corrente: l’allestimento è comprensibile, ma banale e noioso, le architetture sono scelte proprio per il loro radicamento in un’idea tradizionale, la selezione è piatta e trasversale (per generazioni, aree geografiche, tipologie). Tutto molto chiaro e onesto, alla luce di un’evidente disapprovazione dell’approccio di Forster. Se non fosse che proprio dalla Spagna, negli ultimi decenni, siano venute molte delle spinte più ardite al rinnovamento architettonico.

pippo corra


Direttore Kurt W. Forster
Sedi espositive Arsenale (Corderie e Artiglierie)
Inaugurazione e Premiazione Giardini della Biennale10 settembre 2004
interviene Peter Greenaway
Apertura al pubblico12 settembre - 7 novembre 2004
ore 10.00 - 18.00 (tutti i giorni)
Informazioni Ufficio Stampa:
Tel. 041 5218846 / -716 - Fax 041 2705975
e-mail infoarchitettura@labiennale.org  
Ufficio Promozione Pubblico e Gruppi mail infogruppi@labiennale.org
Tel. 041 5218828
Biglietti Intero: 12 €
Ridotto: 10 €
Under 26 e studenti: 7 €
Gruppi (min. 10 persone): 10 € (prenotazione obbligatoria)
Gruppi studenti (min. 10 persone): 6 € (prenotazione obbligatoria)
Formula "family" (2 adulti e 2 ragazzi under 14): 30 €
Ingresso fino ai 6 anni: gratuito
Prevendita telefonica e su Internet Prevendita telefonica per singoli: Tel. 041 2719020 con bonifico bancario, vaglia postale, carta di credito (diritto di prevendita €1)
Prevendita telefonica per gruppi: prenotazione obbligatoria Tel. 041 5218828 con bonifico bancario, vaglia postale, carta di credito (no diritto di prevendita)
su Internet: biglietteria ondine
Prenotazioni dall'estero ART CITIES IN EUROPE
Tel. +49 7531 90730
Fax +49 7531 90735
e-mail info@artcities.de  
web www.artcities.com
Come raggiungere la mostra Linee ACTV 1/51/61/82/41 da Piazzale Roma e Ferrovia
fermate: Arsenale; Giardini
Servizi per il pubblico info point
presso Padiglione Venezuela ai Giardini
Visite guidate
min. 10 persone, prenotazione obbligatoria (info Tel. 041 5218828, e-mail infogruppi@labiennale.org )
Didattica - Progetto Educational
min. 10 persone, prenotazione obbligatoria (info Tel. 041 5218828, e-mail infogruppi@labiennale.org )
Bookshop
Arsenale, Porta Duca d'Aosta
Giardini, Padiglione del libro Stirling
Catalogo
ediz. italiana: Marsilio (3 volumi) 50 €
ediz. inglese: Rizzoli New York (3 volumi) 75 $


[exibart]






 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di pippo ciorra
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Frank Gehry, Herzog, Kurt W. Forster, Meuron, Peter Greenaway, Pippo Corra, Rem Koolhaas, Richard Meier, Rossi
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram