fino al 25.VII.2004 - Nino Ventura – Pressioni - San Sebastiano da Po (to), Castello 3074 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/12/2018
A Milano, le case dei libri. Vendita, scambio e mostra, sul filo dell’arte
14/12/2018
L’universo in bottiglia. Ilaria Vinci si aggiudica l’ottava edizione del Menabrea Art Prize
14/12/2018
La casa sull'albero progettata dall'architetto Will Beilharz
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 25.VII.2004
Nino Ventura – Pressioni
San Sebastiano da Po (to), Castello

   
 Arte in giardino: ancora una dimora fuoriporta da scoprire. Questa volta a San Sebastiano da Po, vicino Torino, dove il parco del castello ospita una serie di sculture di Nino Ventura. Che al tramonto si animano di giochi di luce… Marco Enrico Giacomelli 
 
pubblicato
Durante i mesi estivi se ne parla più diffusamente, grazie al clima favorevole. Si tratta delle sculture che invadono parchi e giardini, siano essi pubblici o aperti ai visitatori proprio in queste occasioni. Recentemente abbiamo raccontato la residenza sabauda di Agliè, dove la collezione internazionale si va arricchendo, dando vita a un fenomeno sempre più imitato in altre regioni italiane.
Il caso del Castello nella frazione La Villa, sulle colline che costeggiano il Po e San Sebastiano – dove è collocata la galleria dei coniugi Noire – è esemplare in questo senso. In primo luogo, pur di modeste dimensioni, è oltremodo curato, vantando una vegetazione rigogliosa e un patio di pregevole fattura. In secondo luogo, il giardino è aperto anche in orari serali, in modo da potersi godere la frescura della campagna e l’ottima illuminazione di architetture e installazioni.
Veniamo dunque a queste ultime, tutte datate 2004. Colpisce immediatamente il processo di ampliamento che Nino Ventura (Acireale, 1959. Vive a Chivasso, Torino) ha impresso nell’utilizzo dei materiali. Se finora si era concentrato quasi esclusivamente sulla terracotta (Fanete), in questa mostra si può apprezzare la sua maestrìa nel gestire anche, per esempio, il marmo (Trittico del Canto) o il bronzo.
nino ventura pressioni
Quest’ultimo rende omaggio al primo in Fictilia, imponente figura che reca una coppa in cui sono riposte piccole sfere in terracotta, sullo sfondo di cinquanta pannelli in plexiglass che creano un effetto di luce riflessa che va dal viola al verde acqua.
Di grande impatto, specie quando la luce solare decresce, l’installazione Anime. Numerosi pesci in bronzo si reggono su steli curvi, appoggiati nella piscina circolare del parco, e recano sul dorso piccole candele. I pesci, come nell’opera omonima, sono l’autentica cifra stilistica dell’artista piemontese d’adozione, e danno vita a caleidoscopici giochi di luce.
La riflessione sulla compenetrazione dialogante è mutuata dal taoismo in Sakanà. Si tratta di due lavori in marmo bianco di Carrara e in bronzo patinato che alternano i propri colori bianco e nero sulla ghiaia grigia, modellata secondo la pratica dei giardini Zen. In un’ottica più occidentale, il gioco dei contrasti si esplicita in altre due opere. Sign of Time è composto da due totem in terracotta raffiguranti la morte e la sorte, sui e dietro i quali ha operato il giovanissimo Andrea Pirronitto con gli spray, collocando i due lavori sul fondo di un murales che intacca anche la modellazione di Ventura. La seconda interpretazione dello scontro-incontro fra tecniche e materiali si dà nella “title track” della mostra, Pressioni. Qui tre mastodontiche morse in ferro si arrendono di fronte ad altrettanti blocchi di terracotta che con la loro (presunta) fragilità e duttilità scherniscono la potenza del metallo e della tecnologia.
Una menzione va infine a Cristina Ariagno e HALO che hanno realizzato l’ambientazione sonora per ogni opera di Ventura, talvolta generando un connubio assai apprezzabile, tal altra con minor successo.

articoli correlati
Scultura nel parco di Agliè
Daniele Galliano alla Galleria Noire
link correlati
Il sito dell’artista

marco enrico giacomelli
mostra visitata l’11 luglio 2004


Nino Ventura – Pressioni tra gli strati dell’anima. Sculture ed installazioni
Ambientazioni sonore di Cristina Ariagno e HALO
Castello di San Sebastiano da Po (Località La Villa – Torino)
Orario: giovedì e venerdì dalle 17.30 alle 22.30; sabato dalle 9 alle 12; domenica dalle 9 alle 12 e dalle 17.30 alle 22.30
Ingresso libero
Info: Faber Teater – tel. 011-9137192; info@faberteater.com; www.faberteater.com; Comune di San Sebastiano da Po – tel . 011-9191221
Catalogo con testi di Lucia Bosè, Diego Bionda, Paola Dominguin, Rolando Giovannini, Gianni Farinetti, Michele Loffredo e dell’artista, € 20 in mostra, € 25 in libreria


[exibart]

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Marco Enrico Giacomelli
vedi calendario delle mostre nella provincia Torino
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Daniele Galliano, Diego Bionda, Marco Enrico Giacomelli
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram