Fino al 2.VI.2016 - Piero Gilardi May Days in Turin 1981-2013 - GAM, Torino 3087 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
26/06/2019
A Roma riapre al pubblico il Ninfeo degli Specchi al Palatino
26/06/2019
Ecco il nuovo motore di ricerca per chi non ricorda i titoli dei film
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fino al 2.VI.2016
Piero Gilardi May Days in Turin 1981-2013
GAM, Torino

   
  Alessandro Ferraro 
 
Fino al 2.VI.2016 - Piero Gilardi May Days in Turin 1981-2013 - GAM, Torino
pubblicato

È il Primo Maggio. Un grande macigno gonfiabile viene trascinato e sospinto da una folla festosa e divertita per le vie del centro di Torino. Sopra di esso, a caratteri cubitali, c’è scritto "crisi”: rimbalza, rotola, fino a sgonfiarsi, e la crisi sembra uno spauracchio lontano. È una delle ultime sequenze del filmato May Days in Turin 1981-2013, realizzato da Piero Gilardi, ultima acquisizione della Videoteca GAM. Il videodocumentario (40 min. circa, a colori) è la testimonianza delle azioni di Piero Gilardi in occasione dei festeggiamenti del Primo Maggio torinese. Intervallato tra riprese in diretta e montaggi in sequenza, il video è a metà tra il documentario e la celebrazione delle forme di produzione artistica nate spontaneamente, al di fuori dei circuiti legati alle gallerie. Gilardi tributa lo spirito di protesta legato alla manifestazione del Primo Maggio, così come i suoi  valenti collaboratori e la gente comune che partecipa ai festeggiamenti. I sentimenti delle proteste degli anni Settanta e Ottanta sembrano un ricordo passato, avvolto in un sapore nostalgico di cui il video è partecipe. Molta più gente in piazza negli anni Ottanta rispetto ad oggi, certo; molta più attenzione ai temi caldi della politica e alle modalità di espressione del dissenso. Il video, in qualche modo, intende anche questo, ma non viene detto esplicitamente. 

Piero Gilardi, Torino 1 maggio 1983

Nelle proteste degli anni passati si scorge a più riprese lo stesso Gilardi, intento a dirigere un cordone del corteo. Si vedono anche fantocci di politici, e politicanti, ormai decaduti, dimenticati. Appare anche Umberto Bossi, nelle vesti di vampiro, Berlusconi, i cartelli contro la Fininvest, Andreotti, simboli e slogan contro la Lega  Nord, e poi ancora malefici apparecchi televisivi in gommapiuma con lingue sibilanti, teste di porco e altri animali simbolici da cui la satira italiana ha attinto a piene mani per criticare le azioni di governo. La verve immaginifica di Gilardi non si è spenta a distanza di anni: il video testimonia questa sua attenzione spasmodica ai temi della socialità e del vivere quotidiano. Le forme di creatività  collettiva si intrecciano così al valore simbolico che la manifestazione sottende. L’acquisizione del video nella collezione della videoteca è anche un tentativo di sottolineare l’importanza della figura di Gilardi nel panorama nazionale – a Torino, si sa, è sua l’idea del Parco di Arte Vivente. Un video, quindi, all’insegna del sovvertimento, a tratti carnevalesco, del quale il vero protagonista è, oltre Gilardi, chi lavora tutto l’anno, e, almeno un giorno, scende in piazza e manifesta. Elena Volpato, curatrice dell’iniziativa, ha corredato la sala espositiva con gli stessi fantocci originali di Gilardi.

Alessandro Ferraro
mostra visitata il 18 aprile

Dal 27 febbraio al 2 giugno 2016
Piero Gilardi May Days in Turin 1981-2013
Galleria di Arte Moderna, Torino
Via Magenta 31, Torino
Orari: da martedì a domenica 10.00-18.00 

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Alessandro Ferraro
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram