Fino al 6.I.2019 - Cally Spooner, Everything Might Spill - Castello di Rivoli 3065 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
23/05/2019
I capolavori degli Uffizi, raccontati dalle voci degli attori
23/05/2019
Banksy è stato allontanato dai vigili mentre "esponeva" senza autorizzazione a Venezia
23/05/2019
Il Codice Atlantico di Leonardo da Vinci sul tuo smartphone, grazie all’app
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fino al 6.I.2019
Cally Spooner, Everything Might Spill
Castello di Rivoli

   
  Petra Chiodi 
 
Fino al 6.I.2019 - Cally Spooner, Everything Might Spill - Castello di Rivoli
pubblicato

Il nuovo progetto di Cally Spooner (Ascot, UK, 1983) "Everything Might Spill” (Tutto potrebbe rovesciarsi), allestito nella sala progetto del Castello di Rivoli con la curatela di Marianna Vecellio e in collaborazione con Artissima, è una contaminazione che brucia, allusiva e profondamente resistente.
"Il lavoro performativo della Spooner, e la sua indagine attraverso diversi media, esplora le modalità della violenza invisibile nell’era digitale”, spiega la giuria che l’ha selezionata per il Premio Illy Present Future 2017. Il premio, giunto quest’anno alla sua maggiore età, ha l’ambizioso compito di selezionare artisti emergenti portatori di una visione innovativa o di scottante attualità.
La scena architettata da Cally Spooner costruisce un linguaggio ("language-making”), non fabbrica un’immagine ("making images”). Non ha Appeal estetico, è fuori dalla portata di Instagram, vive nel qui ed ora, uno scenario europeo tecno-capitalistico in rovina. Narra la vicenda di un crimine in cui, utilizzando le parole dell’artista (scrittrice, drammaturga, curatrice) "è in gioco un potere singolare e autoreferenziale. Il testimone è la vittima. L’omicida è il testimone. Assassino e vittima sono la stessa persona. Ma dov’è, o meglio, qual è il corpo?” 
Il corpo delittuoso appare innocuo, ma odora di catastrofe.

null
Cally Spooner, Everything Might Spill

"Everything Might Spill”, trascendendo l’idea di Installazione "straboccante” (Mario Perniola, Il Sex Appeal dell’inorganico), non è altro che un congegno pungente e sarcastico. Una fontanella pubblica "assassina” che interloquisce con il disegno topografico di un organo sconosciuto e sintomatiche annotazioni appese a parete. Una "lei” tossica e irriverente il cui cloro viaggia all’interno di tubi reali e simbolici, i circuiti nervosi e linfatici del corpo, del tessuto sociale e dell’economia globale contemporanea. L’organo immaginato potrebbe essere la metamorfosi deforme, la reazione all’accumulo di tossine, scorie e inquinanti noto come "Body Burden”, i fardelli del corpo?  In quello che Cally Spooner definisce "diagramma di potere” si intersecano parti di testo manipolate in una fitta trama di scrittura, segno e linguaggi. Per i suoi intrecci narrativi l’artista è solita prendere in prestito scritti di filosofi e pensatori. Maurice Merleau-Ponty, Hannah Arendt and F. Scott Fitzgerald e, in questo caso specifico, la poetessa canadese Anne Carson. "L’io dissolto in cui tutto può rovesciarsi” (A. Carson, Decreation: Poetry, Essays, Opera). Agli orfani del sociologo Zygmunt Bauman, il dispositivo della Spooner ricorderà la fluidificazione di "Modernità liquida”: sotto la pressione dei fenomeni globali i luoghi, le identità e le relazioni perdono i loro contorni chiari e definiti per trasformarsi in entità flessibili e ambivalenti. In sintesi, liquide.
Rovesciamento e dissoluzione da annusare e sorseggiare con calma.

Petra Chiodi
Mostra visitata il 2 novembre 2018

Dal 2 novembre 2018 al 6 gennaio 2019
Cally Spooner, Everything Might Spill
Castello di Rivoli - Museo d’Arte Contemporanea
Piazza Mafalda di Savoia, Rivoli (TO)
orari: da martedì a venerdì, dalle 10.00 alle 17.00 e sabato e domenica dalle 10.00 alle 19.00
info: castellodirivoli.org

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Petra Chiodi
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram