fino al 5.II.2005 - Alfredo Jaar - Milano, Galleria Lia Rumma 3076 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
26/05/2019
Addio a Vittorio Zucconi, storica firma del giornalismo italiano
25/05/2019
Il viaggio di Arca Collective inizia dalla sede di Fondazione Romaeuropa
25/05/2019
Leica celebra il centenario Bauhaus con una fotocamera da collezione
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 5.II.2005
Alfredo Jaar
Milano, Galleria Lia Rumma

   
 Sbarre davanti agli occhi, sbarre dietro le spalle. E il riflesso ossessivo degli specchi. Una cella ricostruita, per descrivere l’orrore della prigionia. E la storia di un grande intellettuale italiano del Novecento, come monito… sylvia schiechtl 
 
pubblicato
La ricostruzione della cella di Antonio Gramsci è ciò che Alfredo Jaar (Santiago del Cile, 1956, vive a New York) presenta in occasione della sua prima personale italiana. Anche in una mattinata piena di sole –in cui e le sbarre esterne dietro il vetro latteo rimandano nella stanza le loro ombre- l’ambiente non perde il suo aspetto lugubre. Sentendo le sbarre velate alle spalle e affrontando le sbarre di ferro davanti agli occhi, l’impressione di prigionia è molto forte. Dietro un passato racchiuso e davanti un futuro negato: lo sguardo può fermarsi solo sul presente o volgersi al lato, dove specchi contrapposti propagano la propria immagine all’infinito. Esposti a se stessi, ai propri pensieri, alle proprie emozioni, moltiplicati senza soluzione di continuità, i “Quaderni dal carcere” di Gramsci riflettono questo. Un uomo in cattività per motivi politici che si ritrova a confronto con se stesso e con se stesso solamente. Non può far altro che pensare. E così produce delle riflessioni profonde sulla filosofia, sulla politica, sulla storia. Morendo in carcere, senza mai vedere i suoi figli. Con questa austera cella l’artista fa rivivere il grande intellettuale.
Jaar è da sempre impegnato in un’arte che va al di là dell’estetica (basti ricordare le sue partecipazioni all’edizione 8 e 11 di Documenta, a Kassel), questa sua ultima opera si inserisce nella serie di progetti che, utilizzando elementi di fotografia, architettura e teatro, affrontano tematiche di ingiustizia, oppressione, sfruttamento. alfredo jaar, searching for gramsci, 2004
Altre indagini di questo tipo? Sul Cile durante la dittatura di Pinochet, sul genocidio in Ruanda, sulla discriminazione sociale, sulla comunicazione nell’ era globale. Rispetto a questi progetti, l’istallazione milanese potrebbe sembrare meno attuale avendo come fulcro un personaggio storico. Tuttavia è la tematica che rimane attuale: la discriminazione, la reclusione, l’abuso di potere, l’orrore della dittatura. Perché “L’illusone è la gramigna più tenace della coscienza collettiva: la storia insegna, ma non ha scolari.” Parola di Antonio Gramsci.

sylvia schiechtl
mostra visitata il 18 dicembre 2004


Alfredo Jaar
Galleria Lia Rumma Milano
Via Solferino, 44 20121 Milano
Tel. 02.29000101 fax 02.29003805
www.gallerialiarumma.it
liarumma@tin.it
Ingresso libero
Orari: dal martedì al sabato dalle 11.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 19.00


[exibart]


 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di sylvia schiechtl
vedi calendario delle mostre nella provincia milano
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Alfredo Jaar, Antonio Gramsci, Lia Rumma
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram