fino al 2.VI.2005 - Jason Middlebrook / Matteo Basilé - Milano, Galleria Pack 3102 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
23/05/2019
I capolavori degli Uffizi, raccontati dalle voci degli attori
23/05/2019
Banksy è stato allontanato dai vigili mentre "esponeva" senza autorizzazione a Venezia
23/05/2019
Il Codice Atlantico di Leonardo da Vinci sul tuo smartphone, grazie all’app
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 2.VI.2005
Jason Middlebrook / Matteo Basilé
Milano, Galleria Pack

   
 Primordialità alchemica come forza di trasformazione per superare un presente inadeguato. Le infinite possibilità di un futuro migliore per Middlebrook. La nobiltà umana fra visioni ed estasi per Basilé… sylvia schiechtl 
 
pubblicato
The Season di Gianluca Marziani nasconde un progetto ambizioso che la Galleria Pack propone al suo pubblico: sei mostre articolate nell’arco di un anno propongono undici artisti presenti con opere create appositamente per la galleria, seguiti da altrettanti curatori. Con Matteo Basilé e Jason Middlebrook si è giunti alla quarta tappa intitolata volume quattro: primordialità alchemica.
Per Jason Middlebrook (1966, vive a New York) la primordialità alchemica è la forza di trasformazione insita nella natura stessa, una forza vissuta spontaneamente dai bambini. Nel video la figlioletta dell’artista piega i cucchiaini con la forza dello sguardo laddove il padre, pur concentrandosi affannosamente, fallisce. Metafora di un’energia primordiale che non passa per i circuiti mentali della razionalità. Alla sua piccola musa ispiratrice è dedicata anche la grande scultura Violett’s infinite possibilities, assemblaggio di tanti cucchiaini piegati. In A memorabile day lo stesso motivo è innalzato a monumento, trasformandosi in una visione utopica di un futuro migliore. Middlebrook si confronta con l’inadeguatezza e le contraddizioni presenti nella condizione umana (come ad esempio con la città in fiamme in It’s gonna take a lot of love) trasformando però col suo ottimismo concetti normalmente connotati negativamente -come entropia oppure caducità- puntando sul loro enorme potenziale creativo.

Cosicché “la categoria dell’effimero non prefigura più una dimensione nichilista ma sottolinea, piuttosto, una sorta di piattaforma evolutiva capace di generare nuovi e sempre diversi paesaggi tanto esistenziali quanto mentali.” (Sabrina Zannier)
Filosoficamente accomunati da un profondo umanesimo, i due artisti di Volume quattro si contraddistinguono nettamente a livello formale. Dopo l’allegro colorismo delle tele di Middlebrook, l’ascetismo cromatico dei ritratti digitali di Matteo Basilé (1974, vive a Roma) risalta ancora di più. Isolando i suoi soggetti in un limbo diafano fatto di luce lattiginosa, il colore –dove presente– assume valenza simbolica: rosso il make-up del clown in Circus, nero gli occhi in Cromosoma Calcutta, rossi i guanti di seta del ragazzo sperduto nel groviglio di oscure radici in Mi hai ritrovato.
L’artista fotografa donne e uomini, giovani e vecchi, spesso suoi amici. Immergendoli in uno spazio assente concentra tutta l’attenzione su questi personaggi che ci rivelano la loro profonda nobiltà umana nonostante la caducità fisica. Questa essenziale verità dei soggetti di Basilé subisce però una mutazione, realizzata interponendo tra l’immagine e lo spettatore l’intervento dell’artista consistente in graffi, macchie e –citazione ambigua– (in)verosimili mosche.

Elementi che fanno nuovamente precipitare l’opera nel mondo dell’immaginario, con personaggi che incarnano “visioni ed estasi, inquietudini e sconvolgimenti, incubi e visioni. Bloccate in pose ieratiche, raccontano di una sacralità tutta contemporanea, che si riallaccia ad un’iconografia mistica antica di secoli, attualizzata per il tramite di un’estetica elettronica ed ibrida.” (Massimiliano Tonelli)

articoli correlati
The Season Volume III
The Season Volume I

sylvia schiechtl
mostra visitata il 3 maggio 2005


The Season Volume 4: Primordialità alchemica Matteo Basilé – Jason Middlebrook - Galleria Pack - Foro Buonaparte, 60 - 20121 Milano
MM Lanza - Dal martedì al sabato 13.00 – 19.30 - Tel. 02.86996395
www.galleriapack.com


[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di sylvia schiechtl
vedi calendario delle mostre nella provincia Milano
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Gianluca Marziani, Massimiliano Tonelli, Matteo Basilé, Rossi, Sabrina Zannier
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram