fino al 15.X.2006 - Bruna Esposito – Alla turca - Milano, Federico Luger Gallery 3082 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
17/06/2019
Il documentario dei Beastie Boys realizzato per i 25 anni di “Ill Communication”
17/06/2019
Un bambino di tre anni ha distrutto un’opera di Katharina Fritsch ad Art Basel
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 15.X.2006
Bruna Esposito – Alla turca
Milano, Federico Luger Gallery

   
 Un’intera personale in uno spazio privato è già di per sé un evento, se si tratta di Bruna Esposito. Se poi in mostra sono disegni, appunti e progetti di un’intera carriera, la cosa diventa ancor più intrigante…  Alfredo Sigolo 
 
pubblicato
La giovane galleria milanese, che compie un anno tondo tondo, ci mette anche il carico di briscola: un catalogo che è quasi un diario d’artista. Tra immagini dei lavori in mostra anche alcune sue corrispondenze significative e illuminanti, per capirne la poetica. Il tutto condito da un testo nuovo nuovo, di grande pregnanza concettuale, firmato da Dan Cameron (oggi senior curator al New Museum di Chelsea, a New York), che volle la Esposito nella sua Biennale di Istanbul nel 2003.
Insomma un’occasione rara e forse irripetibile. Tutto ruota intorno alla ricerca dell’artista romana, durata anni, intorno ad un preciso elemento architettonico urbano: il cesso. Già protagonista di molte opere d’arte contemporanea. D’altro canto da Duchamp a Monica Bonvicini, da Dan Graham ad Alvise Bittente, nella mente i nomi si affollano. Per la Esposito il bagno pubblico, nel corso degli anni, ha progressivamente assunto una funzione catartica, la via simbolica per una ritrovata armonia tra l’uomo e il ciclo naturale della vita.
Cameron annota che il processo di autodeterminazione dell’uomo rispetto all’ordine naturale induce a forme di rimozione dei suoi stessi limiti, che sono di ostacolo nel sistema omocentrico. Il disgusto e la repulsione che il genere umano sviluppa dopo l’età infantile verso i propri sottoprodotti organici e le fisiologiche funzioni corporali, rispetto alle quali non può esercitare alcun controllo, hanno a che fare con la paura di sottomissione ed impotenza rispetto alle leggi della natura. Così nella ricerca dell’artista sono in causa problemi connessi allo sviluppo delle società postindustriali, come quelli di natura ecologica, di tutela dell’ambiente, ma anBruna Esposito, Alla turca, installazione che di ambito politico e ideologico come le questioni della privacy, della convivenza culturale, dell’identità storica.
Sopra e sotto, la Esposito opera nel rispetto del  contesto urbano e culturale delle città e propone soluzioni non invasive per armonizzare tessuto superficiale e sottostante, alimentando la rigenerazione vegetale e il riciclo delle scorie, in un’ottica processuale che alimenta la vita. Lo fa all’insegna di una poetica profonda e sofferta, qui evidente nelle annotazioni ed appunti, nelle forme dettagliate, armoniche ed evocative, che a volo d’uccello assumono la veste di delicati mandala.
Può darsi che le più recenti linee di ricerca vadano in direzioni diverse rispetto a quelle che hanno permesso alla Esposito di suscitare l’interesse internazionale a cavallo tra gli anni ’80 e ’90. Ma la sua rimane un’indagine di carattere universale, e le sue problematiche sono valide oggi come allora. In mostra anche un’installazione: un acquario abitato da pesci tropicali, che si muovono a loro agio negli anfratti della turca da cui la mostra prende il nome.

articoli correlati
La Biennale del 2005
Biennale di Gwangju 2004
A Castel Sant’Elmo a Napoli
Al Castello di Rivoli
Bruna Esposito vince il Premio Giovane Arte Italiana

alfredo sigolo
mostra visitata il 25 maggio 2006


Federico Luger Gallery
Milano, via Felice Casati 26
orario di visita: 15.30 - 19.00; sabato, domenica e lunedì su appuntamento
ingresso: gratuito - www.federicolugergallery.com
per informazioni: tel. 02 67391341 fax 02 48013785 mail info@federicolugergallery.com
catalogo con testi di Dan Cameron e Bruna Esposito


[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Alfredo Sigolo
vedi calendario delle mostre nella provincia Milano
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: alfredo sigolo, Alvise Bittente, Bruna Esposito, Dan Cameron, Dan Graham, Duchamp, Federico Luger, Monica Bonvicini
 

1 commento trovato 

30/05/2006
Lord Sandwich
THE GAME IS OVER. WINTER IS COMING.

L.S.


Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram