Fino al 2.II.2019 - Avish Khebrehzadeh, I Sing with My Tongue Silent - M77 Gallery, Milano 3063 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
17/06/2019
Il documentario dei Beastie Boys realizzato per i 25 anni di “Ill Communication”
17/06/2019
Un bambino di tre anni ha distrutto un’opera di Katharina Fritsch ad Art Basel
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fino al 2.II.2019
Avish Khebrehzadeh, I Sing with My Tongue Silent
M77 Gallery, Milano

   
  Gaia Tonani 
 
Fino al 2.II.2019 - Avish Khebrehzadeh, I Sing with My Tongue Silent - M77 Gallery, Milano
pubblicato

Fino al 2 febbraio 2019 M77 Gallery presenta, presso gli spazi all’interno del suo white cube, la personale dell’artista iraniana Avish Khebrehzadeh.
Nata a Theran, ma dopo pochi anni trasferita in Italia, a Roma, dove effettua gli studi presso l’Accademia di Belle Arti ed inizia a sviluppare il suo stile che si trova a metà tra la cultura occidentale e quella orientale.
La mostra, curata da Danilo Eccher, vuole presentare i lavori realizzati negli ultimi anni in tecniche completamente diverse tra di loro.
Al primo piano della galleria ci inoltriamo in un mondo incantato ed evanescente dove i dipinti prendono spazio tra rovi e linee contorte, come se fossero incastrati in una foresta. 
Le opere rappresentano volti di persone conosciute che con il loro sguardo analizzano lo spettatore che si trova completamente spaesato.

null
Avish Khebrehzadeh, I Sing with My Tongue Silent M77 Gallery, Milano

Inoltrandoci negli altri spazi veniamo accolti da disegni che raccontano una storia; raffigurazioni di aeroplani, polipi e carri armati per poi sfociare nella rinascita e raffigurazione della speranza, simboleggiata dall’albero in fiore.
Al piano superiore, posizionati su un’intera parete troviamo ritratti rossi che raffigurano differenti personalità e vengono incorniciati quasi a definirne l’importanza.
L’artista si abbandona completamente all’espressività, il suo gesto va oltre la tela ed il foglio, sfociando addirittura nelle video-installazioni, con personaggi animaleschi che si susseguono in forma continua nel loro gesto espressivo.
Il suo lavoro si basa su una continua sperimentazione, sia nella tecnica che nei contenuti, edificandosi sul vissuto concepito in diversi parti del mondo e riuscendo ad estrapolare differenti peculiarità e facendole proprie. Il tutto reso con un’espressività unica attraverso lo sviluppo artistico e dandone una definizione quasi fantastica.

Gaia Tonani
Mostra visitata sabato 15 dicembre 2018

Dal 20 novembre 2018 al 2 febbraio 2019
Avish Khebrehzadeh I Sing with My Tongue Silent 
M77 Gallery
via Mecenate 77 - 20138 Milano  
Orari: Da martedì a sabato dalla 11.00 alle 19.00
Info: t (+39) 02 87225502 - info@m77gallery.com
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Gaia Tonani
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram