fino al 22.IV.2006 - Didier Rittener - Verona, Arte e Ricambi 3093 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/06/2019
VALIE EXPORT vince il Roswitha Haftmann Prize 2019. Il premio alla sua ricerca coraggiosa
17/06/2019
Il documentario dei Beastie Boys realizzato per i 25 anni di “Ill Communication”
17/06/2019
Un bambino di tre anni ha distrutto un’opera di Katharina Fritsch ad Art Basel
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 22.IV.2006
Didier Rittener
Verona, Arte e Ricambi

   
 Una serie di immagini disomogenee e destabilizzanti. Frutto di un processo di aggregazione, di una complessità alchemica. L’obiettivo? Rimettere le cose al proprio posto... Alfredo Sigolo 
 
pubblicato
Belonged to this world. Come dire il riscatto della realtà sulla sua rappresentazione, dell’essenza delle cose sulla loro apparenza. D’altro canto la carriera dello svizzero Didier Rittener (Losanna, 1969), vissuta intensamente tra circuiti alternativi e laterali, è un segno dell’impegno pervicace profuso nella ricerca, magari scomoda, magari non allineata alle mode, magari eccessivamente complessa per essere intesa nei tempi serrati della comunicazione odierna.
Eppure il messaggio di Rittener è chiaro: rimettere le cose al loro posto. Che diventa un esercizio per lo spettatore durante la visita. I Transfert dell’artista, raffinati disegni a matita, trattati digitalmente e riportati in grande dimensione tramite la stampa plotter, sono immagini che, solo analiticamente osservate, forniscono punti di riferimento. Nell’insieme la serie appare disunita e disomogenea, a suo modo destabilizzante. In realtà la loro origine, aggregazione di infiniti dettagli tratti dalle più diverse fonti -la natura, la storia, la storia dell’arte, la poesia, la musica, la pubblicità- riconduce ad un’unica radice, che è quella della memoria. Il gioco consiste nella traduzione del rebus, nella ricostruzione di un’entità composita, altrimenti enigmatica e misteriosa. L’artista gioca con la natura alchemica delle sue creazioni, ma lo fa anche con lo spettatore, inducendolo ad interrogarsi sulla sua percezione delle cose e sul proprio tempo.
L’intervento spettacolare è di natura plastica ed occupa l’intero tunnel dell’ex rifugio aereo dove ha sede la galleria. Sono alcune delle stelle altre reduci dalla mostra Desert me a Ivry-sur-seine. Il loro nome è Auto-protection, quasi un non-sense rispetto all’aspetto minaccioso delle sculture. In realtà Rittener, ancora una volta, riporta il suo messaggio alla dimensione singolare dello spettatore più che alla massa del pubblico, lo induce a far propria la logica della consapevolezza come difesa.
Didier Rittener, Auto-protection, 2005, misure variabili, installazione ambientale, poliestere
Le stelle simboleggiano classicamente il divino e l’universo, dice la curatrice Marinella Paderni, ma oggi ricordano piuttosto l’isolamento e le difese militari. Uno slittamento che sottolinea la versatilità ontologica di queste forme geometriche, la cui traduzione è affidata, ancora una volta, alla scelta dell’individuo, tra un’opzione esterna, la sintesi del mondo e della sua essenza, ed una interiore, la preservazione della propria identità ed autonomia di giudizio dal nichilismo contemporaneo.

articoli correlati
Circuit a Verona

alfredo sigolo
mostra visitata il 30 marzo 2006


Didier Rittener – Belonged to this world
Verona, Arte e Ricambi, via Antonio Cesari 10
orario di visita: 17.30-20.00; lunedì e la domenica su appuntamento - per informazioni: tel. +39 045529035 +39 0458403684 - artericambi@yahoo.it; http://www.artericambi.org - a cura di Marinella Paderni


[exibart]

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Alfredo Sigolo
vedi calendario delle mostre nella provincia Verona
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: alfredo sigolo, Marinella Paderni
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram