Fino al 22.XI.2015 - Katarzyna Kozyra, Mieke Groot - Galleria Caterina Tognon, Venezia 3063 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/05/2019
Party like an Architect. Gli studi di architettura di Napoli si presentano, con Camparisoda
20/05/2019
Spolverare la memoria. Le scuole di Roma ricordano le vittime del nazismo
20/05/2019
Manifesto per una Bauhaus viva più che mai. La mostra targata RUFA al Pastificio Cerere
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fino al 22.XI.2015
Katarzyna Kozyra, Mieke Groot
Galleria Caterina Tognon, Venezia

   
  francesca ceccherini 
 
Fino al 22.XI.2015 - Katarzyna Kozyra, Mieke Groot - Galleria Caterina Tognon, Venezia
pubblicato

È nel nuovo spazio espositivo, situato nella Corte Barozzi, a pochi passi da Piazza San Marco, che Caterina Tognon presenta la doppia personale delle artiste Katarzyna Kozyra e Mieke Groot
In una sintesi espositiva efficace, è il lavoro video Looking for Jesus di Kozyra ad accogliere lo sguardo di chi giunge in galleria, attraverso una ricerca antropologica che testimonia, nella sua incontenibile complessità, la "sindrome del messia” in Terra Santa. Riconosciuta anche a livello clinico come sintomatologia, la sindrome affligge quelle persone che s’identificano con figure bibliche per divenirne apostoli o interpreti. Ciò che Kozyra restituisce, attraverso un video che raccoglie oltre 100 ore di girato e alcune immagini - tra fotografie e still - è una diagnosi inquietante e affascinante nella quale si legge la rigorosa affermazione elettiva e l’alienazione culturale di persone appartenenti a diverse religioni e credenze. L’artista, che ha rappresentato il padiglione polacco nel 1999 per la 48. Biennale di Venezia, avvia una lucida testimonianza legata alla storia di un territorio e di una città, Gerusalemme, da secoli dotata di un’esclusiva spiritualità e una dimensione multi-culturale e religiosa in cerca di una convivenza.

Mieke Groot, Project Dakar Bleu, 2015

Project Dakar è invece il lavoro proposto da Mieke Groot, una sofisticata ed elegante composizione di collane in vetro e perle di metallo accompagnate da inaspettate e desuete scatole di produzione artigianale e piccole fotografie. Gli elementi in vetro, progettati da Groot e realizzati dall’olandese Edwin Dieperink sono combinati con elementi in metallo provenienti dal "Village des Arts” di Dakar, progettati da Moussa Thiam. Ne nascono sculture da portare al collo, fatte di storia, metallo, evocazioni e bellezza. Opere di attualità preziosa, capaci di raccontare l’africa neocoloniale in una lettura attenta e arguta. Interessante anche il fatto che queste opere nascano dalla collaborazione di molte mani, tutte guidate dall’esperienza e dal pensiero di Mieke Groote.
Alla finestra della nuova galleria appare una lucerna rossa: l’opera Untitled Vienna – Venezia di Heimo Zobernig che rappresenta il suo paese nel Padiglione Austriaco.

Francesca Ceccherini
mostra visitata il 6 maggio 

Dal 7 maggio al 22 novembre 2015
Katarzyna Kozyra, Mieke Groot
Galleria Caterina Tognon, Venezia
Ca Nova di Palazzo Treves – Corte Barozzi – San Marco 2158 Venezia 

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di francesca ceccherini
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram