fino al 30.IX.2004 - Ivan Barlafante – in me - Roma, Oredaria 3076 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
24/07/2019
Una gara da 2 milioni di euro per il risanamento del Museo Archeologico di Aquileia
23/07/2019
Il viaggio dentro e fuori di te, per il prossimo manifesto di Flashback Opera Viva a Torino
22/07/2019
Partecipa all'edizione 2019 di Fuori Fuoco Moak e racconta il caffè in tutte le sue forme
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 30.IX.2004
Ivan Barlafante – in me
Roma, Oredaria

   
 Tronchi a specchio, pietre che abbagliano, strani fiori di candida sabbia pulsante. Tra land–art e concettualismo. Una riflessione sulla circolarità dell’esperienza. Protagonista assoluta una luce inesauribile. Proprio perché sepolta... Pericle Guaglianone 
 
pubblicato
Uno spazio espositivo come Oredaria –tra i più suggestivi della capitale– sembra offrirsi per variazioni sceniche reclamando -imprevedibilmente- una lettura particolarmente attenta della sua caratteristica articolazione a campate. Si esigono così dagli artisti invitati ad intervenire interpretazioni ogni volta adeguate alla sua ardua singolarità: giocando con le parole diremmo vere e proprie prese di posizione.
In questo senso le installazioni di Ivan Barlafante (Giulianova, 1967) -poste a terra o da terra secondo una cifra stilistica consolidata dell’artista- sembrano invitare innanzitutto il visitatore ad abbassare ulteriormente lo sguardo. Giù sul pavimento, dove pietre, sezioni di grossi rami dispersi, comuni diffusori acustici -colti nel loro intermittente sussulto- compongono seducenti agglomerati di elementi. La forza espressiva sta tutta in una luce paradossale che -in modo difforme ma ogni volta abbagliante- restituiscono proprio dal basso.
ivan barlafante
Così la sabbia disposta nelle nere concavità degli altoparlanti può assumere scintillanti forme floreali o eruttive, primigenie ma in progress e un gruppo di legni si ammanta del bagliore liquido degli specchi, esattamente nel punto in cui ciascuna porzione di tronco ha subito un’amputazione. Fino a suggerire l’impressione, consueta in Barlafante (basti pensare a quanto avveniva, in modo forse anche più scoperto, coi petulanti Periscopi), di trovarsi al cospetto di bretoniani occhi “allo stato selvaggio”, infallibili proprio mentre fanno capolino dal pavimento. Infine, le grosse pietre organizzate in un accentramento saldo ma vorticoso sembrano costipate nel tentativo di celare quel chiarore fermo, di fatto sotterraneo, che contemporaneamente svelano. Quale forma logicamente e fisicamente impareggiabile –da percorrere come in Anish Kapoor più che da scrutare come in Eliseo Mattiacci–, il cerchio traccia ovunque sentieri da affrontare anche a ritroso, quanto mai site–specific in un’ambientazione senza centro come questa: quei “sentieri primitivi della conoscenza” –cui accenna Andrea Orsini nel testo che accompagna la mostra– dei quali, però, i molti -pur rigorosi- lavori a parete appaiono più che altro come mere istantanee.

pericle guaglianone
mostra visitata il 17 giugno 2004


Ivan Barlafante. In me
Oredaria Arti Contemporanee
Via Reggio Emilia, 22–24 (Roma, Porta Pia)
Orario: lun_ven 10.00–13.00 16.00–19.30
Chiuso dal 17/7 al 01/9
Ingresso libero
Tel: 0697601689
E–mail: info@oredaria.it
Sito web: www.oredaria.it


[exibart]

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Pericle Guaglianone
vedi calendario delle mostre nella provincia Roma
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Anish Kapoor, Eliseo Mattiacci, pericle guaglianone, Rossi
 

1 commento trovato 

02/09/2004
TOPOPUCE
roba datata caro ivan

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram